«Molti piangono, alcuni lavorano, altri sono totalmente sconvolti»

Di Sven Hauberg e Anne Funk

16.7.2021

Immagine di distruzione: A Bad Neuenahr-Ahrweiler, un uomo sta in piedi davanti alle macerie lasciate dall'inondazione.
Immagine di distruzione: a Bad Neuenahr-Ahrweiler, un uomo sta in piedi davanti alle macerie lasciate dall'inondazione.
KEYSTONE

La Germania sta vivendo una tragedia: dopo le devastanti inondazioni, decine di persone sono morte e ancora di più sono date per disperse. «blue News» ha parlato con alcuni abitanti della Renania-Palatinato che sono stati colpiti.

Di Sven Hauberg e Anne Funk

16.7.2021

È una catastrofe che la Germania non vedeva da molto tempo. Le forti piogge hanno portato a devastanti inondazioni nei due Länder tedeschi nord-occidentali della Renania-Palatinato e del Nord Reno-Westfalia. Più di 90 persone sono morte finora, centinaia sono ancora disperse. E il numero delle vittime è destinato a salire ulteriormente. L'ampiezza della catastrofe sta diventando evidente solo a poco a poco.

La Renania-Palatinato è stata colpita particolarmente duramente, con circa 50 morti registrati finora. Il villaggio di Schuld, nel distretto di Ahrweiler, è stato parzialmente distrutto dalle masse d'acqua quando il fiume Ahr, di solito pacifico, ha rotto gli argini.

Anche a Bad Neuenahr-Ahrweiler, la città del distretto un po' più a nord, la distruzione è enorme. Il giorno dopo, molti dei circa 28.000 abitanti sono sotto shock, racconta un residente a «blue News». Molti hanno passato la notte precedente sui tetti delle loro case e ora sono completamente esausti. Al mattino, la gente si è trovata di fronte a un quadro spaventoso: dove l'acqua si sta ritirando, i residenti e i soccorritori continuano a imbattersi in cadaveri. Le scene, dice l'uomo, sono «apocalittiche».

«Non ho ancora fatto i conti con le ultime ore»

Ann-Kathrin K. è una soldatessa e vive nel quartiere di Walporzheim, che si trova direttamente sull'Ahr. «Il mio appartamento era immerso nell'acqua fino alle ginocchia», racconta. «Ci vorranno sicuramente mesi prima che la casa sia di nuovo abitabile. Tutti i miei mobili sono ora rifiuti ingombranti». Mercoledì sera, quando pioveva già forte, ha sperimentato in prima persona il rigonfiarsi spaventoso del torrente. «Tutte le strade sono diventate fiumi», dice Ann-Kathrin, che era seduta in un ristorante quella sera. «Così sono rimasta bloccata in un villaggio vicino, dove ho passato la notte a sostenere i pompieri».

Oggi, venerdì, la situazione non è chiara ed è difficile stimare quanti corpi saranno ancora recuperati. «Inoltre, alcune parti della valle di Ahr sono ancora inaccessibili. Le strade lì semplicemente non esistono più». Ann-Kathrin è sicura: «Questa inondazione supera di più del doppio l'ultima, la peggiore inondazione della zona».

Ma, soprattutto, la sofferenza umana è enorme. «Molti stanno piangendo, alcuni stanno solo lavorando, e ci sono persone che ora sono totalmente sconvolte e dicono cose assurde», dice Ann-Kathrin. «Io stessa non ho ancora elaborato le ultime ore, credo».

«C'era molta violenza dietro»

Franzi Simonis, invece, è stato fortunato. Vive a Daun, una città di 8.000 abitanti nella Renania-Palatinato. Poiché la sua casa si trova su una montagna, non è stata direttamente colpita dall'inondazione. Ma pure lei è stata testimone di come l'acqua sia salita all'improvviso e inesorabilmente. Il Lieser scorre attraverso Daun, un torrente che è «normalmente largo circa due o tre metri», ci spiega Simonis. «Di ora in ora, si poteva vedere che diventava sempre di più grosso». A un certo punto, un fiume largo 30 metri ha attraversato la città.

Alberi sradicati dalle masse d'acqua, automobili spazzate via, cantine allagate. Interi villaggi tagliati fuori dal mondo esterno. Inondazioni di questa portata non sono note a Daun, ci dice Simonis. «C'era molta violenza dietro». La popolazione locale ha potuto prepararsi da sola. Sono stati distribuiti sacchi di sabbia e sono state fornite pompe. «Ma il fatto che sia andata così male è piuttosto palese».

Nel frattempo, l'acqua si è ritirata e si possono vedere i danni causati dalle inondazioni. Per la gente sul posto a Daun, ora inizia il lavoro di pulizia.

La Germania è ripetutamente colpita da inondazioni. Molte persone ricordano in particolare la cosiddetta inondazione del secolo nel 2002, in cui persero la vita 21 persone. Nel Nord Reno-Vestfalia e nella Renania-Palatinato, questo triste numero è stato da tempo superato molte volte. E la piena portata della catastrofe è ancora lontana dall'essere prevedibile.

In collaborazione con Elisa Eberle