È morto l'attore Jean-Paul Belmondo

SDA

6.9.2021 - 16:42

Addio a Jean-Paul Belmondo
Keystone

L'attore francese Jean-Paul Belmondo è morto all'età di 88 anni. Lo si è appreso dal suo avvocato. Divo della Nouvelle Vague, era nato a Neuilly-sur-Seine il 9 aprile 1933.

SDA

6.9.2021 - 16:42

Il monumento del cinema francese Jean-Paul Belmondo è morto all'età di 88 anni. Lo si è appreso dal suo avvocato Michel Godest, che ha aggiunto: «Da qualche tempo era molto stanco. Si è spento serenamente». 

L'attore, che si era esibito anche a teatro, aveva avuto un ictus nel 2001, quando si trovava in Corsica. Da allora le sue apparizioni in pubblico si erano fatte rarefatte. Cinque anni fa aveva comunque pubblicato due libri sulla sua carriera.

L'uomo delle buffonate e delle piroette

In «Mille vite sono meglio di una», un libro di ricordi pieno di aneddoti e nell'album fotografico «Belmondo di Belmondo», il famoso attore commenta la sua fama di clown acrobatico.

Spinto dalla «voglia di fare l'idiota scritta nel (suo) DNA», Belmondo non ha mai smesso di moltiplicare le buffonate, che si trattasse di lanciare palloni durante le sparatorie o di conferenze stampa che finiscono in mutande. Deliberatamente goliardico, oltre che grande appassionato di acrobazie, l'attore a volte si sentirà frainteso dalla critica cinematografica: «Se non faccio una follia in un film (...), se non faccio piroette (...) mi incolpano, mi strangolano».

Una situazione che lo toccò particolarmente quando uscì da «La sirène du Mississippi» di François Truffaut nel 1969. «Non gli piacevo sul serio», dice.

Un'adorabile canaglia

Belmondo è stato apprezzato anche per il suo stile brillante e per il suo grande carisma, che lo hanno contraddistinto in molteplici film, dove spesso vestiva i panni del duro con il cuore tenero.

Incarnava l’antieroe, la canaglia a cui si poteva voler bene, diventando interprete tra i più amati dal pubblico e da registi come Jean-Pierre Melville, François Truffaut e Jean-Luc Godard.

Aveva recitato anche in Italia, diretto, tra gli altri, da Alberto Lattuada, Vittorio De Sica e Renato Castellani accanto a Gina Lollobrigida, Claudia Cardinale, Sophia Loren e Stefania Sandrelli.

Bébel, come era stato soprannominato in patria, ha recitato in oltre 80 film e lascia dietro di sé ruoli indimenticabili, come quello di un giovane in «Fino all'ultimo respiro», del 1960 di Jean-Luc Godard, considerato il manifesto della Nouvelle Vague, o quello appeso a un elicottero sopra Venezia in «Il piccione di Piazza San Marco».

Il suo incontro con Godard

Bebel ricorda nei suoi libri anche il suo incontro con il regista Jean-Luc Godard, che ha «sigillato» il suo destino. «Vieni nella mia stanza d'albergo, spariamo e ti do 50.000 franchi»,  lo sfida Godard, incontratolo per strada. L'attore teme una proposta dubbia da parte di colui che lo infastidisce con la sua dizione lenta e i suoi occhiali da sole.

Alla fine otterrà il ruolo del giovane delinquente di «Fino all'ultimo respiro», film emblematico della Nouvelle Vague, che lo farà entrare nella leggenda. Dopo questo successo, «la gente verrà da me», dice.

Jean-Paul Belmondo nei suoi testi evoca anche la sua «fedele amicizia» con Alain Delon, l'altro mostro sacro del cinema francese. «Io e lui siamo come il giorno e la notte. Ma sin dai nostri primi passi, abbiamo perseguito carriere parallele al cinema: siamo stati rivelati nello stesso anno, 1960 (...), condividiamo registi come Jean-Pierre Melville , spesso interpretiamo personaggi di gangster e o di uomini soli».

Con una vita vivace, grande appassionato di velocità, Belmondo si concede pochi rimpianti. Tutti sono di natura artistica, come non aver adattato al cinema la celeberrima opera letteraria francese «Voyage au bout de la nuit» di Louis-Ferdinand Céline.

Nelle sue memorie sui suoi problemi di salute - l'ictus del 2001 - o la morte di una delle sue figlie, l'attore non si dilunga, preferendo mettere in luce il suo formidabile appetito per la vita.

SDA