Attacco sul fondo del mare

Putin può paralizzare la nostra rete internet?

Di Dirk Jacquemien

13.5.2022

Vladimir Putin probabilmente non taglierà i cavi dei sottomarini. Ma non si sa mai...
Getty Images

L'economia globale dipende da un internet funzionante. Ma la spina dorsale del web, vale a dire i cavi sottomarini globali, è sorprendentemente vulnerabile. Vladimir Putin potrebbe approfittarsene?

Di Dirk Jacquemien

13.5.2022

A mezzanotte del 5 agosto 1914, la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania. Poche ore dopo, la Marina britannica distrusse i cavi telegrafici nel Mare del Nord che collegavano la Germania all'emisfero occidentale. Per comunicare con le sue ambasciate all'estero, il Governo tedesco dovette utilizzare le comunicazioni radio o i cavi telegrafici di altri Paesi durante tutta la Prima Guerra Mondiale.

Ciò ha permesso ai servizi segreti britannici di intercettare e decodificare il telegramma Zimmerman nel 1917, in cui l'ambasciatore tedesco in Messico veniva sollecitato di promettere al Governo locale il sostegno per una possibile guerra contro gli Stati Uniti. Questi ultimi, a loro volta, erano talmente arrabbiati per il contenuto del telegramma, che dichiararono guerra contro la Germania.

Gli inglesi, quindi, compresero nelle prime ore della guerra l'importanza del controllo dei mezzi di comunicazione. Anche oggi è ancora così.

Ecco perché gran parte degli attacchi missilistici russi in Ucraina prende di mira le strutture di comunicazione. Ma se il presidente russo Vladimir Putin intendesse interrompere la comunicazione in altri Paesi occidentali come rappresaglia contro le sanzioni, ha a disposizione un metodo relativamente semplice.

I cavi sottomarini trasportano il 98% del traffico internet

Il mezzo di comunicazione dominante oggi è internet. Sebbene l'accesso al web via satellite possa ottenere la massima attenzione – anche già nella guerra con il ruolo di Starlink – il 98% del traffico dati mondiale è trasportato su cavi in fibra ottica sottomarini.

Che si tratti dell'ultima serie Netflix, di transazioni bancarie internazionali o di videoconferenze, l'economia mondiale moderna non sarebbe in grado di funzionare senza i cavi sottomarini.

Questi cavi collegano tutti i continenti tra loro e non sono sepolti in profondità nella terra, ma posati sul fondo del mare. Pertanto sono accessibili a chiunque abbia i mezzi per raggiungerli. Come ad esempio proprio Putin, che è il comandante supremo di una flotta sottomarina.

I cavi sono protetti a malapena

Anche i cavi sottomarini non sono particolarmente protetti. Ad esempio, vengono regolarmente danneggiati accidentalmente dalle ancore dei pescherecci. Tali danni possono essere identificati e riparati in tempi relativamente brevi vicino alla costa. Ma più si va verso il mare aperto, più è difficile localizzare il danno e riparare i cavi.

Con i sottomarini è quindi facile mettere fuori servizio un cavo sottomarino per un periodo di tempo più lungo. Il vantaggio di questo tipo di guerra asimmetrica è che è praticamente impossibile dimostrarlo. Perché ovviamente non ci sono telecamere di sorveglianza installate sul fondo del mare che potrebbero cogliere l'autore del reato. Il danno intenzionale potrebbe anche essere fatto sembrare uno degli incidenti con l'àncora sopra descritti.

Internet ha molte ridondanze

Questo rende un attacco ai cavi sottomarini molto allettante se si vuole sconvolgere l'economia di un avversario geopolitico senza fornire giustificazioni per un contrattacco.

Tuttavia, un vantaggio del funzionamento di Internet è che ci sono notevoli ridondanze. Se uno o due cavi sottomarini si interrompono improvvisamente, il traffico dati di internet troverà rapidamente nuove rotte. Il caricamento del video di YouTube potrebbe quindi richiedere un po' più di tempo, ma nel complesso la rete continuerebbe a funzionare normalmente.

Per interrompere il traffico di internet in modo significativo, dovrebbero essere distrutte dozzine di importanti cavi contemporaneamente. E questo non potrebbe essere più fatto passare come un incidente, e susciterebbe rapidamente un sospetto nei confronti della Russia e potrebbe essere interpretato dall'Occidente come un atto di guerra.