La guerra di Putin

Generali uccisi, soldati riluttanti e agenti segreti militari

Di Philipp Dahm

13.5.2022

Le forze speciali del GRU nella guerra del Daghestan del 1999.
Le forze speciali del GRU nella guerra del Daghestan del 1999.
Commons/Aleksey Yermolov

Le cose non stanno andando bene per Vladimir Putin: poiché i soldati sono demotivati, il Cremlino invia ufficiali militari di alto rango in Ucraina, alcuni dei quali vengono uccisi. Ora i servizi segreti militari dovrebbero cambiare le cose.

Di Philipp Dahm

13.5.2022

Joe Biden è preoccupato: «Putin non ha via d'uscita in questo momento, e sto cercando di capire cosa dovremmo fare», ha dichiarato il Presidente degli Stati Uniti a Washington il 9 maggio. E Joe Biden è arrabbiato perché i media di tutto il mondo hanno riferito che i suoi servizi segreti stanno aiutando Kiev a rintracciare i generali russi in modo che gli ucraini possano ucciderli.

Sebbene la sua portavoce gli faccia notare il suo disappunto e dica che l'informazione è «errata», il 79enne si arrabbia a tal punto da alzare lui stesso la cornetta, secondo quanto riportato dalla CNN. Uno dopo l'altro, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin, il capo della CIA William Burns e Avril Haines, il direttore dell'intelligence nazionale, devono ascoltare un rimprovero. «Niente più fughe di notizie», chiede Biden furioso.

Vladimir Putin, invece, può solo sognare tali problemi. Per il presidente russo, quasi nulla sta andando secondo i piani: sebbene la Russia abbia ritirato le sue truppe nel nord dell'Ucraina per concentrarle nel Donbass, l'esercito non sta guadagnando terreno. Il che è negativo per il morale dei soldati, che si dice siano comunque in cattive acque.

Truppe giù di morale, generali presi di mira

Esistono vari «rapporti aneddotici» sul rifiuto di obbedire agli ordini, secondo i quali «ufficiali di medio livello e persino di battaglione si rifiutano di obbedire agli ordini o non li eseguono con la volontà che ci si aspetterebbe da un ufficiale», ha dichiarato una fonte del Pentagono al Washington Examiner. L'offensiva è quindi «incrementale e piuttosto anemica».

E se si crede all'emittente statunitense ABC News, un problema ne causa un altro: il basso morale delle truppe sta costringendo il Cremlino a inviare al fronte ufficiali di alto rango per mettere in riga i soldati. L'esercito ucraino sostiene di aver già ucciso dodici generali. Né Mosca né Washington hanno commentato il numero.

Una perdita del genere sarebbe «piuttosto insolita», come afferma l'ex ufficiale dell'esercito Steve Ganyard: «Per avere proporzioni del genere bisogna tornare indietro alla Seconda Guerra Mondiale». Il fatto dimostra che i generali dovevano andare al fronte per assicurarsi che il piano di battaglia fosse portato avanti come era stato pianificato. «Ma implica anche una mancanza di fiducia nelle truppe quando devono stare così avanti con così tanti ufficiali superiori».

L'intelligence militare prende il sopravvento

Inoltre, afferma Ganyard, il Cremlino non ha investito in strutture di comando e comunicazione. «I russi non usano nemmeno la crittografia, quindi chiunque può ascoltare se riesce a trovare la frequenza», dice l'ex colonnello. Questo fa il paio con le notizie «molto credibili» secondo cui i soldati di Mosca stanno sottraendo telefoni cellulari ai civili su larga scala.

I loro post sui social media avrebbero anche aiutato a localizzare i soldati russi. Ma i problemi non si limitano ai ranghi inferiori. L'esercito ha un problema con la sua struttura di leadership, ritiene Mick Mulroy, ex membro del Pentagono: «La mancanza di delega è un altro motivo per cui l'esercito sta andando così male».

Che l'incursione non possa che essere valutata male lo sa anche Vladimir Putin. Il leader del Cremlino sta reagendo, come scrivono i giornalisti investigativi russi Irina Borogan e Andrei Soldatov del Center for European Policy Analysis. Secondo loro, Putin per la ricognizione in Ucraina ha ritirato la responsabilità al Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa, l'FSB (ex KGB) e l'ha trasferita al servizio di intelligence militare GRU.

GPS civile attaccato alla cabina di pilotaggio

Come la CIA, l'FSB è il più grande servizio segreto russo, il GRU la versione militarizzata. Il vice capo del GRU è ora in carica. Vladimir Alekseyev, che ha prestato servizio nelle forze speciali Spetsnaz e in Siria, è ritenuto responsabile degli attacchi chimici con la neurotossina Novicok contro Sergej Skripal e sua figlia a Salisbury, nel Regno Unito, nel 2018. Da anni è inserito in un elenco di sanzioni statunitensi per attacchi informatici.

Il Cremlino ha anche cambiato la struttura di comando nella guerra in Ucraina. Mentre prima di aprile i generali del Distretto Militare Occidentale e di quello Meridionale erano responsabili congiuntamente della campagna, ora il comando spetta esclusivamente al capo di quest'ultimo: il sessantenne Alexander Dvornikov, eroe della Federazione Russa, darà nuovo impulso all'avanzata.

Ma anche un agente come Alexeyev, considerato freddo e brutale, e un veterano come il generale Dvornikov possono fare ben poco se i soldati non sono disposti e se il materiale è vecchio. La notizia del presunto ritrovamento di dispositivi GPS civili negli aerei russi abbattuti, maldestramente attaccati alla cabina di pilotaggio con del nastro adesivo, è significativa.

Al momento, sembra più che altro che ci possa essere una guerra di trincea come nella Prima Guerra Mondiale. L'Occidente starebbe cercando di preparare Kiev a questo evento fornendo vari sistemi di artiglieria. Non è detto che Mosca riesca a compiere progressi più rapidi in questa fase.