I pesci giovani nuotano nella plastica: le conseguenze per la catena alimentare  

Nadja Wolf, dpa

25.11.2019 - 17:25

Nel corso dei loro primi giorni di vita, molti pesci degli oceani sono circondati da una quantità particolarmente importante di rifiuti plastici. Questo è ciò che evidenzia uno studio condotto da un gruppo di ricercatori internazionale al largo della costa ovest delle Hawaii.

Sulla superficie dell’acqua, laddove vivono le larve di pesci, si addensano moltissimi rifiuti plastici, in quantità maggiori rispetto ad ogni altra parte dei mari. Poiché i pesci ingoiano i rifiuti, i ricercatori sospettano che ci possano essere degli effetti su tutta la catena alimentare, fino ad arrivare all’uomo.

Un'ingente quantità di plastica nelle correnti

Corsi d’acqua ricchi di plancton e particolarmente calmi, simili a striature, attraversano i mari. Visti dal cielo, sembrano delle linee chiare. L’acqua viene compressa dalle correnti ed è relativamente calma e ricca di nutrimento.

In queste striature, secondo quanto hanno rilevato i ricercatori, vivono molti pesci giovani. Qui però viene anche accumulata una grande quantità di plastica, come riporta l’Accademia statunitense delle scienze nel documento intitolato «Proceedings».

Le immagini del giorno

Tornare alla home page