Quest’uomo si è recato in 80 località fondate da svizzeri

di Silvana Guanziroli

2.12.2019 - 10:51

Negli Stati Uniti, circa 200 località portano un nome che ricorda la loro fondazione ad opera di migranti svizzeri molto tempo fa. Kurt Ehinger, originario del canton San Gallo, ha visitato 80 di questi comuni.
Kurt Ehinger

Kurt Ehinger, originario di Wittenbach, nel canton San Gallo, è partito alla scoperta del mondo. E ha finito per trovare la Svizzera. Il 75enne si è recato in 80 località statunitensi, tutte accomunate dalle radici elvetiche.

Ha viaggiato per trent’anni. La sua missione: cercare tracce di località statunitensi fondate da svizzeri. Questo tipografo ormai pensionato si è goduto il suo tempo libero vagabondando e non rimpiange neanche uno dei suoi soggiorni. Tutto è partito da un libretto che gli è caduto tra le mani alla fine degli anni 1980: «A quell’epoca già collezionavo francobolli. Un giorno ho scoperto questo opuscolo. Menzionava degli uffici postali degli Stati Uniti fondati da svizzeri, racconta Kurt Ehinger. Mi è venuta l’idea di partire tramite una vecchia mappa rudimentale che recensiva le località.

Dopo aver letto l’articolo di «Bluewin» intitolato «Diese Schweizer Orte gibt es auch im Ausland» («Queste località svizzere esistono anche all’estero»), l’uomo originario di Wittenbach ha immediatamente contattato la redazione. E per un buon motivo: nessun altro svizzero ha visitato altrettanti luoghi come questo 75enne. I suoi archivi fotografici sono davvero unici.

In Florida

Kurt Ehinger

Kurt Ehinger ha fatto il suo primo viaggio nel 1991. Era partito per la Florida con la sua compagna. «È lì che abbiamo innanzitutto visitato le località chiamate Helvetia, Lake Geneva e Switzerland», ricorda.

Da quel momento in poi, ogni viaggio degli Ehinger era una corsa contro il tempo. In effetti, l’obiettivo era chiaro: «Volevamo vedere quanti più posti possibile.»

Tuttavia, le loro ricerche in alcuni casi si sono rivelate un fallimento. «Come abitante di San Gallo, la località di New St. Gallen era particolarmente importante per me. Ma era introvabile in Virginia Occidentale. Il luogo non esiste più.» Dopo questa batosta, Kurt Ehinger si è finalmente rinfrancato a San Francisco. «Lì, ci siamo ritrovati la "St. Galler Brewery". Era indiscutibilmente un piccolo pezzo di patria lontano dalla Svizzera.»

Secondo Kurt Ehinger, le città ancora esistenti oggi sono Newberne in Virginia Occidentale, Tell City nell’Indiana e New Glarus nel Wisconsin.

New Glarus è un sito turistico ambito negli Stati Uniti.
Kurt Ehinger
La città conta circa 10’000 abitanti.
Kurt Ehinger

New Glarus è molto popolare presso alcuni statunitensi per via del folklore della città e costituisce un sito turistico molto ambito. Tuttavia, Kurt Ehinger non ha potuto ricavarne granché. «Oggi è difficile trovare la vera cultura svizzera in tutti questi luoghi. Ce n’è ancora in una certa misura a New Glarus. Ma soltanto sotto forma di attrazioni turistiche e di divertimenti pubblici.» Così, durante le vacanze, la città propone giochi di Tell, serate tirolesi e teatro tradizionale.

Kurt Ehinger ha vissuto la sua più bella esperienza a Helvetia, in Virginia Occidentale. «La località è piccola e a misura d’uomo, è situata in un paesaggio collinare. Qui e là, c’era qualcuno che masticava qualche parola di tedesco. Mi sono sentito veramente molto a mio agio.»

Helvetia è il luogo preferito di Kurt Ehinger negli Stati Uniti.
Bild: Kurt Ehinger

Per ragioni di salute, oggi il pensionato non può più prendere l’aereo. «Sfortunatamente, non posso andare negli Stati Uniti. È un peccato, perché sulla mappa in totale ci sono 200 località. Ormai devo visitare quelle che mancano attraverso le immagini satellitari su Internet», aggiunge sorridendo.

Ha mai pensato di lasciare definitivamente la Svizzera per gli Stati Uniti? «No, assolutamente no. La mia patria è incomparabile. E al momento, non immaginerei di vivere negli Stati Uniti. Bisognerebbe che ci fosse un altro governo.»

Le immagini del giorno

Tornare alla home page