Un fungo per debellare le zanzare portatrici della malaria

tafi

17.6.2019

Un fungo assassino dovrebbe fare la festa alle Anopheles quadrimaculatus, zanzare portatrici di malaria.
DPA

Un fungo geneticamente modificato è in grado di uccidere in poco tempo un gran numero di zanzare portatrici della malaria. I ricercatori vi intravedono un decisivo passo avanti nella lotta contro questa malattia.

Alcuni ricercatori dell'università del Maryland, negli Stati Uniti, sembra abbiano fatto un decisivo passo avanti nella lotta alla malaria. Gli scienziati hanno modificato geneticamente un fungo perché produca una neurotossina in grado di eliminare in modo rapido ed efficace gli anofeli. Secondo i risultati pubblicati sulla rivista specializzata «Science», durante un test sul territorio in Burkina Faso, questo nuovo metodo ha permesso di uccidere il 99% degli insetti in 45 giorni.

Nell'ambito della loro sperimentazione, gli scienziati hanno modificato geneticamente il fungo chiamato Metarhizium pingshaense. Anche se è già dannoso per le zanzare, i suoi geni sono stati codificati. Il fungo produce così la stessa tossina prodotta da un ragno a tela imbuto quando attacca una zanzara. Durante gli esperimenti in laboratorio, il fungo assassino transgenico si è rivelato estremamente efficace nella lotta contro le zanzare.

Un test sul territorio su larga scala

Al fine di testare il loro metodo in un ambiente reale, gli scienziati hanno costruito in Burkina Faso una «MosquitoSphere» di 600 metri quadrati, un villaggio-campione deserto con tutto ciò di cui le zanzare hanno bisogno per vivere e riprodursi. La zona era protetta da enormi zanzariere.

Le spore del fungo geneticamente modificato sono state mescolate con olio di sesamo e cosparse su drappi di cotone nero: posandovisi sopra, le zanzare venivano infettate dal fungo. Su 1500 zanzare venute a contatto con le spore, dopo 45 giorni ne restavano in vita solo 13. «L'intera popolazione di zanzare è scomparsa nel giro di sole due generazioni», spiega il Dr. Brian Lovett alla BBC.

Un fungo che non colpisce altri insetti

A fini di paragone, i ricercatori avevano allestito altre due stanze supplementari che ospitavano ciascuna 1500 zanzare. Nella prima, contenente il fungo originario, dopo 45 giorni erano 455 gli insetti ancora in vita. La seconda stanza, prima di qualsiasi trattamento, alla fine dell'esperimento contava 1396 zanzare.

L'esperimento ha inoltre dimostrato che il fungo colpisce esclusivamente le zanzare. Non ha alcun effetto su altri insetti come le api, ha sottolineato il Dr. Brian Lovett alla BBC. Quest'ultimo ha aggiunto che lo studio non mirava a eliminare completamente le zanzare. «Intendiamo solamente impedire la trasmissione della malaria in regioni specifiche.» Ogni anno, più di 200 milioni di persone nel mondo vengono infettate dalla malattia e più di 400'000 ne muoiono.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page