Brexit: Tusk, spero via a fase 2 negoziato a dicembre

ATS

2.11.2017 - 12:04

BRUXELLES

"Dire che i progressi non sono sufficienti non significa che non ci sono progressi". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in merito ai negoziati della Brexit. Tusk definisce "esagerate" le insistenze sulle difficoltà dei colloqui.

I progressi "non sarebbero stati possibili senza il nuovo slancio dato dal discorso di Firenze della May", ha aggiunto, sottolineando di "sperare di potere passare alla fase 2 del negoziato a dicembre".

"Spero saremo pronti per la fase due" sulle future relazioni Ue-Gb "a dicembre, ma dipende in larga parte dalla Gran Bretagna se avrà fatto progressi sufficienti", ha affermato da parte sua la cancelliera tedesca Angela Merkel al termine dei lavori a 27 al vertice Ue, sottolineando che "è abbastanza chiaro cosa deve essere sviluppato di più" da parte di Londra, soprattutto sul 'conto del divorzio', in quanto "abbiamo avuto un alto numero di scambi con la premier May dove le abbiamo detto perché il progresso non è sufficiente finora".

Un eventuale periodo di transizione "potrebbe essere una buona idea" ma prima di discuterne, ha ribadito la cancelliera, bisogna avanzare sul "progresso sufficiente, un termine che abbiamo scelto con molta attenzione".

Merkel si è quindi rifiutata di esprimere un giudizio sulla situazione politica britannica e le difficoltà 'in casa' della leader conservatrice, ricordando che Theresa "May è qui come premier".

Tornare alla home page

ATS