Siamo a una svolta?

Cosa cambia con l'arrivo dei Leopard in Ucraina?

DPA/toko

25.1.2023

Un carro armato Lepoard, in un'immagine d'archivio.
Un carro armato Lepoard, in un'immagine d'archivio.
KEYSTONE/EPA/FOCKE STRANGMANN

La Germania ha dato il via libera alla consegna di carri armati Leopard all'Ucraina e vuole anche fornire i sistemi d'armamento. Ecco le risposte alle domande più importanti.

DPA/toko

25.1.2023

Sta succedendo tutto insieme e rapidamente: dopo un dibattito che è stato criticato come duro e troppo esitante, la Germania, insieme alla Polonia, che ha fatto da apripista, e probabilmente ad altri alleati, ha deciso infine di fornire carri armati Leopard all'Ucraina.

Il Paese attaccato dalla Russia viene così rafforzato nella sua capacità di riconquistare i territori occupati e di respingere gli attacchi. Si tratta di questo:

Perché l'Ucraina chiede i Leopard con tanta urgenza?

Fin dal primo giorno di guerra, l'Ucraina ha sorpreso gli aggressori russi con le sue capacità militari: l'avanzata è stata fermata e anche respinta nel corso degli ormai undici mesi di guerra.

Ma la Russia sta ora dispiegando nuove forze corazzate per una prevista grande avanzata in cui l'Ucraina potrebbe subire pesanti perdite o vedersi sottratto altro territorio. L'ex generale della NATO Hans-Lothar Domröse, ad esempio, come altri esperti, si aspetta «un'offensiva di primavera terribilmente sanguinosa».

Quali sono i carri armati di cui l'Ucraina dispone finora? Cosa possono fare di meglio i Leopard?

L'Ucraina dispone già di centinaia di veicoli da combattimento di fanteria provenienti dalle proprie scorte e da quelle dei partner («ring swap», scambio di favori), nonché di carri armati di sviluppo sovietico.

Si tratta di tank da combattimento più vecchi, come il T-72 o il T-80, e pure di quelli saccheggiati, lasciati dalle truppe russe, anche del modello successivo T-90. I carri armati occidentali, in particolare i Leopard, sono ora destinati ad aumentare la capacità offensiva dell'Ucraina, cioè a permettergli di riconquistare i territori occupati.

Questi tank sono superiori all'equipaggiamento russo, soprattutto nelle versioni più moderne, e in un «duello» col nemico sono superiori. Gli esperti considerano il Leopard il miglior carro armato al mondo nella sua rispettiva generazione.

L'ex comandante in capo dell'Esercito statunitense in Europa, Ben Hodges, ha chiarito alla radio statunitense NPR che l'Ucraina potrebbe utilizzare il Leopard per sferrare un colpo al corridoio che dal Donbass porta alla penisola annessa della Crimea, conquistata dalla Russia.

A tal fine, l'Ucraina potrebbe formare un'unità pesantemente corazzata con carri armati occidentali, «la punta di diamante di una forza che potrebbe sfondare le linee russe verso Mariupol». E in generale, questi tank potrebbero anche aprire la strada all'avanzata della fanteria.

I tank arriveranno in tempo per la temuta offensiva di primavera?

La Bundeswehr tedesca aveva in inventario più di 2.100 Leopard 2 durante la Guerra Fredda, che sono stati venduti, ceduti o distrutti nel corso del disarmo. L'anno scorso, la Difesa federale disponeva ancora di 312 Leopard 2, ma tra questi non c'era nemmeno un esemplare della versione più vecchia Leopard 2A4, che verrà consegnato dalla Polonia.

Secondo un articolo di «Der Spiegel», in una prima fase un'azienda ucraina sarà equipaggiata con Leopard 2A6 provenienti dalle scorte della Bundeswehr. In seguito, potranno essere consegnati altri tank provenienti dalle scorte dell'industria, che devono ancora essere ristrutturati.

Il capo della Rheinmetall, Armin Papperger, ha dichiarato a «Stern» che entro la fine di marzo circa 29 carri armati principali Leopard 2A4 saranno pronti per essere impiegati nello scambio di favori («ring swap») con la Repubblica Ceca e la Slovacchia. La Repubblica Ceca ha già chiarito martedì che non ne farà a meno.

Ci sono altri tank importanti per l'Ucraina?

Il Regno Unito ha già annunciato di voler consegnare il Challenger 2 a Kiev. Il Governo statunitense ha invece deciso di inviare 30 carri armati Abrams. Per lo spiegamento dei sistemi d'arma, però, è vantaggioso se l'equipaggiamento è il più possibile uniforme. Per le riparazioni è possibile che le apparecchiature di grandi dimensioni debbano essere portate fuori dall'Ucraina .

Il produttore di carri armati KMW e il Ministero della Difesa tedesco hanno creato un'officina centrale («hub») nella regione di confine tra Slovacchia e Ucraina per riparare i sistemi come l'obice semovente 2000 dopo l'impiego in prima linea e per sostituire le parti usurate.

Carri armati M1A2 Abrams, in un'immagine d'archivio.
Carri armati M1A2 Abrams, in un'immagine d'archivio.
KEYSTONE

Quanti carri armati Leopard sono disponibili?

L'emittente statunitense ABC News ha riferito martedì, citando un rappresentante del Governo ucraino, che 12 Paesi hanno segnalato la loro disponibilità di principio a fornire carri armati Leopard, tra cui Spagna, Paesi Bassi e Danimarca. L'Ucraina ha dichiarato che sarà disponibile un totale di 100 Leopard. Le rassicurazioni erano già state fornite la settimana scorsa durante i colloqui con l'Ucraina a Ramstein.

Se si considerano i numeri, praticamente tutte le forze europee che dispongono di Leopard, ad eccezione della Turchia, devono aver segnalato la loro disponibilità. Il costruttore di Leopard Krauss-Maffei Wegmann ha costruito finora oltre 3.500 Leopard 2, la maggior parte dei quali sono stati progettati dai Paesi per la propria difesa.

Qual è la posizione della Nato?

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, martedì ha chiesto la consegna rapida di nuove armi, con la necessità di «sistemi più pesanti e avanzati». Il norvegese ha dichiarato: «L'unico modo per raggiungere una pace duratura è far capire a Putin che non vincerà sul campo di battaglia».

I critici mettono in guardia da un'ulteriore escalation. Cosa ne pensano i tedeschi?

La consegna di tank tedeschi Leopard all'Ucraina è - secondo un sondaggio - controversa tra la popolazione germanica. Il 46% degli intervistati per il «Morgenmagazin» della ARD è favorevole, ma quasi altrettanti sono contrari (43%). Il restante 11% non può o non vuole esprimersi.

Soprattutto nella Germania orientale, la maggior parte degli intervistati è contraria (dal 32 al 59%).