«Attacco insensato a una città senza valore»

Che cosa vuole Putin da Bachmut?

Di Philipp Dahm

21.11.2022

Soldati ucraini passano accanto alle case distrutte dai bombardamenti russi a Bachmut, nella regione di Donetsk, in Ucraina (foto d'archivio).
Soldati ucraini passano accanto alle case distrutte dai bombardamenti russi a Bachmut, nella regione di Donetsk, in Ucraina (foto d'archivio).
KEYSTONE

La Russia non si arrende: ondate su ondate di soldati vengono inviate contro Bachmut, dove i difensori ucraini sono rintanati da quattro mesi. Che cosa ha trovato Vladimir Putin in questa città?

Di Philipp Dahm

21.11.2022

«Non ha senso nascondersi dal Wagner (un gruppo paramilitare russo composto da mercenari, ndr.)», dice il video di propaganda russo che mostra le immagini di Bachmut, che starebbero circolando sui social media da un paio di giorni.

Si vede il lanciarazzi TOS-1 che sembrerebbe sparare sui soldati ucraini nelle loro trincee. Il TOS-1 è un'arma fatale: le munizioni termobariche non solo danno fuoco al bersaglio, ma privano anche l'area di ossigeno. L'arma costringe i «nazionalisti» a lasciare la loro posizione, dice il video di propaganda russa.

In effetti però le immagini mostrate sono tutt'altro che aria fritta. È vero che la Russia ha radunato circa 30.000 soldati davanti a Bachmut, e il gruppo Wagner è davvero in prima linea. Solo i successi non sono quelli descritti: sebbene il Cremlino stia inviando ondate su ondate di soldati contro i difensori, l'esercito sta facendo pochi progressi.

Non c'è da stupirsi che i soldati ucraini si siano trincerati qui da quattro mesi. Le stime parlano di circa 20.000 combattenti. I difensori hanno un vantaggio dovuto al terreno: sono dietro il fiume Bakhmutka, la loro artiglieria è nascosta nell'area urbana ed è quindi difficile condurre il contrattacco.

Artiglieria senza fine

La stessa Bachmut paga a caro prezzo questa situazione. La città appare «come se la vita si fosse fermata», riferisce un corrispondente di «Al Jazeera» che ha visitato la località l'11 novembre. La maggior parte degli abitanti, una volta quasi 80.000, è fuggita. «I rumori dell'artiglieria possono essere ascoltati quasi continuamente, ricordandoci che ci sono pesanti combattimenti nei sobborghi della città», spiega Amer Lafi.

Un veicolo di artiglieria semovente spara vicino a Bachmut il 9 novembre 2022.
Un veicolo di artiglieria semovente spara vicino a Bachmut il 9 novembre 2022.
KEYSTONE

Sono stati colpiti ponti, edifici civili e servizi pubblici. L'elettricità, l'acqua e il gas non sono più erogate da molto tempo. I pochi abitanti di Bachmut devono essere curati dall'esterno: «Siamo nati qui e qui moriremo», spiega Andrej al team di Al Jazeera. In nessun luogo di Donetsk la guerra viene combattuta più ferocemente che qui, conclude il servizio.

Solo il perché rimane un mistero. La città si trova su una linea ferroviaria, ma va da Kharkiv a Horlivka, che è a sud di Bachmut: per i russi questa connessione non è interessante. Anche la strada statale M 03 non è stata di aiuto agli aggressori: sebbene porti da Bachmut a Luhansk a est, collega anche la città dall'altra parte con Slovjansk, Izyum e Kharkiv, che sono in mani ucraine.

«Attacco insensato a una città senza valore»

«La Russia sta sprecando le sue ultime potenti truppe in un attacco insensato a una città senza valore», si è meravigliato «Forbes» alla fine di ottobre. E anche il «New York Times» ha attestato all'inizio di novembre che «la città, sotto attacco da mesi, non ha quasi alcun valore strategico». E anche se Bachmut dovesse cadere, non avrebbe un grande impatto sul corso della guerra, ha detto un esperto.

Una madre ucraina ha preso dell'acqua fresca a Bachmut il 10 novembre.
Una madre ucraina ha preso dell'acqua fresca a Bachmut il 10 novembre.
AP

Ma la Russia non si arrende. «Il nemico non smette di tentare di sfondare le difese a Bachmut», afferma Pavlo Kyrylenko, il governatore ucraino di Donetsk. «Il nemico lancia forze significative in questa direzione e subisce pesanti perdite, ma non si fermano».

Solo su questo fronte l'esercito di Mosca perde ogni giorno dai 70 ai 100 uomini, spiega il portavoce dell'esercito ucraino Serhiy Cherevaty. Gli avversari sarebbero feriti nella stessa misura. Secondo l'ucraino, lì ogni giorno vengono respinti dozzine di attacchi. 

L'aeronautica di Kiev effettua 13 missioni in un giorno

Chuck Pfarrer, ex soldato statunitense e ora autore, illustra come era la situazione il 13 novembre. Poiché nulla funziona sul fronte davanti alla città, i russi stanno cercando di avanzare a nord e a sud per accerchiare Bachmut. Ma sono respinti, con l'artiglieria ucraina guidata dai droni nel fuoco difensivo. L'aeronautica ucraina può effettuare 13 uscite nell'area al giorno, distruggendo cinque postazioni antiaeree nemiche.

«Gli attacchi locali e frammentari della Russia a Bachmut hanno provocato gravi perdite e piccoli guadagni», questo il risultato. L'artiglieria ha sparato contro gli attaccanti senza timore di conseguenze. «Le vittime russe dovrebbero continuare», conclude Pfarrer. Putin non ne è scoraggiato: il 13 novembre, il suo esercito è riuscito con difficoltà a prendere Mayorsk a sud di Bachmut.

Si può solo ipotizzare perché il Cremlino non vuole abbandonare questa città. Forse Putin vuole finalmente presentare un altro successo. Forse il gruppo Wagner insiste sull'approccio costoso. Dopotutto, il loro capo Yevgeny Prigozchin, alias «il cuoco di Putin», è ora considerato intoccabile. Ma la domanda rimane: perché? Al momento non è possibile prevedere se ci sarà una risposta a questa domanda.