Con l'aiuto degli Stati Uniti

Ecco come l'Ucraina sta ingannando l'esercito di Putin

Di Andreas Fischer

6.5.2022

Un soldato ucraino a Bucha il 2 aprile.
Un soldato ucraino a Bucha il 2 aprile.
KEYSTONE/AP Photo/Rodrigo Abd

Nella guerra, l'Ucraina riceve l'aiuto più importante dagli Stati Uniti: i servizi segreti di Washington condividono infatti in tempo reale tutte le informazioni rilevanti che riescono a individuare. Così, poi, i russi finiscono per bombardare dei campi vuoti.

Di Andreas Fischer

6.5.2022

Si tratta di un'operazione di intelligence massiccia e senza precedenti con un partner non NATO: il fatto che gli Stati Uniti condividano liberamente informazioni classificate con l'Ucraina in tempo reale sta giocando un ruolo cruciale nella guerra. I servizi segreti americani sono quindi, virtualmente, uno degli alleati più importanti degli ucraini.

L'esercito russo sarà anche più grande e meglio equipaggiato, ma non è stato finora in grado di ottenere grandi successi nell'invasione. L'Ucraina sta dimostrando di essere resistente, intelligente e spesso sembra essere un passo avanti agli attaccanti.

Né l'Amministrazione Biden né i servizi segreti dicono molto sui dettagli del loro supporto di intelligence. Tuttavia, hanno condiviso le loro scoperte da mesi: anche prima dell'inizio della guerra avevano avvertito dell'imminente invasione dell'Ucraina da parte di Vladimir Putin, comunicando anche la data approssimativa, ossia poco dopo le Olimpiadi invernali di Pechino. 

In che modo l'intelligence USA sta aiutando l'Ucraina? 

«Abbiamo condiviso molte informazioni per colpire le forze russe in tempo reale», ha confermato alla NBC News un ex alto funzionario dell'intelligence. Già nei primi giorni di guerra, l'Ucraina ha beneficiato della cooperazione dei servizi segreti americani.

La Russia ha tentato invano di impadronirsi dell'aeroporto Antonov, strategicamente importante, vicino a Kiev, alla fine di febbraio. Il piano è fallito, anche perché l'Ucraina è stata in grado di abbattere un trasporto militare russo con più di cento soldati a bordo.

L'informazione sull'obiettivo dell'attacco proveniva dagli Stati Uniti. La battaglia persa per l'aeroporto nel sobborgo di Hostomel ha significato la fine anticipata dei piani russi di prendere Kiev. 

L'Ucraina è stata in grado di difendere con successo l'aeroporto Antonov di Hostomel, vicino a Kiev, contro l'esercito russo che attaccava, anche grazie al supporto dell'intelligence degli Stati Uniti.
L'Ucraina è stata in grado di difendere con successo l'aeroporto Antonov di Hostomel, vicino a Kiev, contro l'esercito russo che attaccava, anche grazie al supporto dell'intelligence degli Stati Uniti.
AP Photo/ Efrem Lukatsky

L'esercito russo bombarda campi vuoti

Il fatto che le difese aeree ucraine siano ancora in gran parte intatte è dovuto anche al fatto che i russi continuano a sprecare munizioni per attaccare obiettivi vuoti. Infatti, CIA e simili condividono con le forze armate ucraine informazioni dettagliate su quali sono gli obiettivi che Mosca pianifica di attaccare.

In tal modo, l'Ucraina era ed è in grado di spostare i sistemi di difesa aerea e gli stessi velivoli fuori dalle zone di pericolo. Quindi, i missili e le bombe russe colpiscono i campi in cui i militari ucraini si sono fermati per un breve periodo, ma che sono ormai vuoti.

Cosa si può vedere dalle immagini satellitari?

La ricognizione satellitare è una delle basi più importanti dei moderni servizi di intelligence. I potenti satelliti non solo catturano immagini ad alta risoluzione, ma registrano anche complesse emissioni elettroniche o fisiche. Questo rende più facile identificare i sospetti centri di comando dell'esercito di Putin, per esempio.

Gli americani sono in grado di fornire rapidamente anche immagini satellitari commerciali. «Lavoriamo con più di 100 aziende, attualmente usiamo immagini da almeno 200 satelliti commerciali e abbiamo circa 20 diversi servizi di analisi disponibili», ha confermato David Gauthier, direttore del servizio di intelligence della National Geospatial-Intelligence Agency (NGA), durante una tavola rotonda.

Esposizione di spie russe

Per anni, la CIA ha aiutato i servizi segreti ucraini a scoprire le spie russe. Questo è stato importante per stabilire una cooperazione di fiducia tra i due paesi.

Come loro stessi raccontano, solo nel fine settimana le autorità di sicurezza ucraine hanno scoperto un gruppo di agenti russi. Una delle spie aveva anche lavorato nello Stato maggiore ucraino, ha detto lunedì sera Oleksiy Arestovych, un consulente del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo l'agenzia Ukrinform.

Arestovych racconta uno dei presunti obiettivi: «Dovevano abbattere un aereo passeggeri sopra la Russia o la Bielorussia e poi incolpare l'Ucraina», ha detto. Secondo lui, per l'azione avrebbero dovuto essere usati missili antiaerei dalle scorte ucraine.

L'addestramento degli ucraini

In un programma segreto, gli specialisti della CIA hanno addestrato per anni i combattenti ucraini. Gli sono state insegnate le tecniche di cecchinaggio, come eludere la localizzazione digitale, come utilizzare le comunicazioni segrete e come rimanere inosservati in zona di guerra, attirando le truppe russe e i ribelli lontano dalle loro posizioni.

Impedito l'assassinio di Zelensky

Non è un segreto che la Russia stia cercando di uccidere il presidente ucraino. Zelensky è già sfuggito più volte a tentativi di assassinio. Nei primi giorni della guerra avrebbe dovuto essere ucciso da commandi speciali russi. Diversi attacchi sono stati sventati anche più in là nel conflitto, affermano fonti ucraine.

In questo i servizi segreti americani hanno giocato un ruolo importante, fornendo informazioni cruciali praticamente in tempo reale. La CIA si sta anche consultando con gli ucraini sulla maniera migliore «di trasferire Zelensky per garantire che non venga localizzato con la sua intera catena di comando», spiega un funzionario statunitense a NBC News.

Relazione solida con misure insolite

L'annessione della Crimea da parte della Russia ha colto l'Occidente in contropiede nel 2014: nessuno se lo aspettava, né tantomeno ha visto arrivare questa violazione del diritto internazionale. In risposta, gli Stati Uniti hanno ampliato le loro operazioni di intelligence in Ucraina.

«Negli ultimi otto anni, si è sviluppata una relazione molto solida tra l'intelligence statunitense e gli ucraini», ha detto un alto funzionario statunitense, secondo NBC News. Al momento dell'invasione russa di oltre due mesi fa, gli Stati Uniti si sono fidati dell'Ucraina, abbastanza da fornire dettagli sul dispiegamento delle truppe russe, sulle rotte di attacco e sulle informazioni di targeting in tempo reale, ha affermato.

Un ruolo chiave è giocato dal capo della CIA, William Burns, che ama scherzare sul fatto che Putin è responsabile dei suoi capelli grigi. Il confidente del presidente americano Joe Biden è stato ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca dal 2005 al 2008. In una rara apparizione pubblica recente, Burns ha detto: «Siamo stati impegnati in una rapida ed efficace condivisione di informazioni con i nostri partner ucraini durante la guerra e durante i mesi precedenti».

Questo ha incluso l'insolita mossa di Biden di autorizzare il rilascio dell'intelligence e renderla pubblica. Gli Stati Uniti volevano mostrare quanto fosse reale la minaccia di un'invasione russa già all'inizio dell'anno. Si trattava anche di sfatare i falsi rapporti diffusi dalla Russia e di convincere gli alleati degli Stati Uniti e la comunità internazionale a prepararsi alla guerra.