Late Night USA

Ecco come Steven Colbert reagisce al raid nella tenuta di Trump

Di Philipp Dahm

11.8.2022

Steven Colbert sembra divertirsi. Cosa sta succedendo?
Steven Colbert sembra divertirsi. Cosa sta succedendo?
YouTube/Late Show with Steven Colbert

La notizia della perquisizione dell'FBI nella tenuta di Donald Trump in Florida è un balsamo per l'anima del comico satirico televisivo Steven Colbert. Nel suo programma «Late Night», spiega l'azione e non risparmia le gesta.

Di Philipp Dahm

11.8.2022

«Fuori può fare caldo, ma qui dentro è Natale», dice Steven Colbert. È un bel regalo, e qual è il motivo? «Tutti abbiamo ricevuto il regalo che volevamo: gli agenti dell'FBI hanno fatto irruzione a Mar-a-Lago».

È risaputo che Donald Trump e il conduttore del «Late Show» non diventeranno amici in questa vita. Non c'è quindi da stupirsi che Colbert stia assaporando il momento.

Nemici intimi: Colbert è contento che le autorità stiano prendendo provvedimenti contro Donald Trump.
Nemici intimi: Colbert è contento che le autorità stiano prendendo provvedimenti contro Donald Trump.
YouTube/Late Show with Steven Colbert

È dispiaciuto per gli agenti che hanno dovuto perquisire gli «uffici e le stanze private» dell'ex presidente: «Signore, ho finito di perquisire la stanza con i contenitori vuoti di McChicken. Dove devo frugare ora? Per favore, non in bagno. Per favore, non in bagno!».

Non è noto il motivo per cui gli agenti federali abbiano fatto le perquisizioni nella villa di Mar-a-Lago, in Florida. «Pensateci: stiamo parlando dell'ex presidente degli Stati Uniti d'America. L'FBI sta perquisendo la sua casa e io penso: «Chissà su quale dei suoi crimini stanno indagando?"».

La vendetta dei bibliotecari

D'altra parte, la causa può essere almeno ipotizzata, perché è stata la National Archives and Records Administration a promuovere l'iniziativa: «È vero: i bibliotecari lo stanno abbattendo», afferma entusiasta Colbert. «Sono organizzati, sanno dov'è tutto e non sai mai da dove vengono, perché sono così silenziosi».

Late Night USA - Capire l'America
Philipp Dahm
blue News

50 Stati, 330 milioni di persone e ancora più opinioni: come si fa a «capire l'America»? Se vuoi mantenere una visione d'insieme senza incagliarti, hai bisogno di un faro. Le stelle a tarda notte offrono uno dei migliori aiuti alla navigazione: sono i piloti perfetti che nominano senza pietà le grane del Paese e della sua gente, e servono al nostro autore Philipp Dahm come bussola comica per descrivere lo stato dell'anima americana.

A gennaio, la National Archives ha scoperto che Trump aveva portato via dalla Casa Bianca 15 scatole di documenti che per legge appartengono allo Stato. Tra questi, si dice che ci sia della corrispondenza con il dittatore nordcoreano Kim Jong-un e dei cimeli. «Cimeli come le palle di Ted Cruz», ironizza Colbert.

Eric Trump non può certo riderne, come suggerisce la clip al minuto 3:24. Il 38enne ne parla su Fox News. «Probabilmente troverete una mia nota su quanto sono orgoglioso di lui e sul buon lavoro che sta facendo come presidente».

Attento, papà, sono nella stessa stanza...

È il momento della parodia di Eric Trump di Colbert: «Ehi, FBI! Hai trovato il biglietto che dice che sono così orgoglioso di lui? Ne hai trovato anche uno che parla di lui che è così orgoglioso di me? Continuate a cercare! La verità è là fuori da qualche parte». Il presentatore si tocca il cuore e sussurra: «E qui».

Nel cuore c'è la verità, dice Eric, ehm, Steven Colbert.
Nel cuore c'è la verità, dice Eric, ehm, Steven Colbert.
YouTube/Late Show with Steven Colbert

Come hanno fatto i Trump a scoprire l'operazione dell'FBI? Eric riferisce al minuto 4:20 che in quel momento era con suo padre: «In effetti, sono stato io a ricevere la chiamata al mattino. Ho chiamato mio padre e gli ho detto cosa era successo».

«Quindi eri con tuo padre la mattina in cui è successo», racconta Colbert. «Hai ricevuto una telefonata che ti informava che stava accadendo. Poi lo hai chiamato per dirgli cosa stava succedendo? Dalla stessa stanza?». Il conduttore mima di nuovo Eric: «Parte la segreteria telefonica, lui non risponde... Papà, sono io. Sono io, da questa parte! Papà, sono io, tuo figlio. Non quello che ti piace. L'altro. Ho una notizia terribile: sono nella stessa stanza con te». 

«Nessun presidente è stato criminale come te!»

Lo stesso Trump ha riferito dell'operazione dell'FBI: «Sono tempi bui per la nostra nazione», ha scritto il 78enne sulla sua piattaforma Truth Social. Mar-a-Lago è stato «assediato, perquisito e occupato». «Non è mai successo niente del genere a un presidente degli Stati Uniti».

Eric Trump (in alto a sinistra) parla di suo padre (in basso) a Fox News. Sulla cassaforte, tra l'altro, ha anche detto al canale che la famiglia non aveva nulla lì dentro.
Eric Trump (in alto a sinistra) parla di suo padre (in basso) a Fox News. Sulla cassaforte, tra l'altro, ha anche detto al canale che la famiglia non aveva nulla lì dentro.
YouTube/Late Show with Steven Colbert

«Ovviamente non è mai successo a nessuno prima d'ora», si entusiasma Colbert. «Nessun presidente è stato così criminale come te!». Anche la cassaforte è stata violata dagli agenti dell'FBI, fatto che Trump commenta così: «Che differenza c'è tra questo e il Watergate, quando gli agenti hanno fatto irruzione nella sede del Comitato Nazionale Democratico?».

Colbert conosce le risposte. «Prima di tutto, nel Watergate è stato Dick Nixon che ha violato la legge. Ora la legge ha fatto irruzione in Dick». Dick qui non è probabilmente il nomignolo di Richard Nixon, ma il gergo per la parola «pene».

Dark Brandon colpisce ancora

«In secondo luogo, il Watergate fu un'irruzione illegale da parte di mercenari politici chiamati ‹The Plummers›. In questo caso invece si tratta dell'FBI con un mandato di perquisizione legittimo firmato da un giudice per motivi probabili. Può non piacervi, ma è così che funziona il governo».

«Ecco perché non si sentono chiamate di emergenza del tipo: ‹Aiuto, mi hanno derubato. L'Amministrazione fiscale federale detrae ogni mese piccoli importi da tutte le mie buste paga›».

Il dolore di un uomo è la gioia di un altro uomo: Joe Biden sta cavalcando l'onda del successo dopo l'approvazione della sua ultima proposta di legge sul clima e sulla salute.

Il prezzo della benzina è sceso di nuovo, il terrorista di punta Al-Zawahiri è stato liquidato e, più recentemente, il successore di Trump ha firmato una legge per incrementare la produzione di semiconduttori negli Stati Uniti. Ecco perché c'è un nuovo meme dell'uomo della Casa Bianca: Dark Brandon.

Il tutto è una variazione della frase «Let's Go Brandon», che in realtà significa «Fuck Joe Biden» («Fa****o Joe Biden» ndr.). Così i Democratici hanno cambiato le carte in tavola. Dopo i loro recenti successi, ora dovrebbe essere «Joe Biden ti scopa». O almeno questo è ciò che pensa Colbert. Nulla può fermarlo, tranne il suo giubbotto, come mostra la clip al minuto 9:09.