L'esperto

La perquisizione dell'FBI «È senza precedenti, come molte cose con Trump»

lpe

10.8.2022

L'ex presidente statunitense Donald Trump / archivio
L'ex presidente statunitense Donald Trump / archivio
KEYSTONE/AP/Evan Vucci

Dopo l'irruzione dell'FBI nella tenuta di Donald Trump, l'ex presidente statunitense è certo: si tratta di un attacco dei Democratici. Ma quanto è verosimile tale accusa? E una condanna potrebbe impedire al Tycoon di tornare alla Casa Bianca? Le spiegazioni di un esperto.

lpe

10.8.2022

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha descritto l'irruzione degli agenti dell'FBI nella sua tenuta di Mar-a-Lago come un atto di «persecuzione politica» e un attacco da parte di «democratici radicali di sinistra». La polizia federale potrebbe essere alla ricerca di documenti che Trump avrebbe rubato. Ma cosa significa l'indagine per lui e il suo partito in vista delle elezioni di midterm? Martin Thunert, politologo presso il Centro di studi americani di Heidelberg (HCA) della Ruprecht-Karls-Universität Heidelberg, ha risposto per iscritto a otto domande.

Come va valutata storicamente l'incursione nella tenuta di Donald Trump?

«Come molte cose con Trump, non ha precedenti. Che io sappia, non era mai successo che le stanze private di un ex presidente o di un possibile candidato alla presidenza fossero perquisite dall'FBI».

Trump vede una cospirazione democratica dietro il raid. Quanto è probabile che l'indagine sia motivata politicamente?

«Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e l'FBI sono sempre stati accusati dall'ala progressista dei Democratici di non essere aggressivi contro Trump. Ora l'FBI sta intraprendendo un'azione senza precedenti contro un ex presidente. Non vedo una cospirazione politica dietro a tutto ciò, ma non si può escludere che ci sia un calcolo politico in quanto fatto per mettere a tacere le voci citate. Queste considerazioni possono anche giocare un ruolo nella tempistica dell'incursione. D'altra parte, l'attuale direttore dell'FBI è stato comunque nominato da Trump. Tra i repubblicani, compresi alcuni dei critici del tycoon, il raid è certamente visto come politicamente motivato. Approfondisce il divario politico negli Stati Uniti». 

C'è un collegamento con l'assalto al Campidoglio?

«No, questa sembra essere un'indagine dell'FBI separata dalle udienze sui fatti del 6 gennaio 2021. Si tratta di documenti ufficiali del periodo presidenziale che Trump avrebbe portato con sé quando ha lasciato la Casa Bianca, ma che sono destinati all'Archivio Nazionale e non possono far parte della proprietà privata dell'ex presidente. Non sappiamo ancora se questo possa riguardare anche documenti che potrebbero dire qualcosa sulle sue attività nel giorno dell'Epifania del 2021». 

L'FBI ha già influenzato le elezioni nel caso della vicenda delle e-mail di Hillary Clinton, riaprendo le indagini. La storia si ripete?

«Nel caso di Hillary Clinton, l'FBI, nelle vesti dell'allora direttore James Comey, licenziato da Trump nel 2017, ha annunciato la riapertura delle indagini su Clinton dieci giorni prima delle elezioni presidenziali del 2016. Ieri l'FBI ha indagato nelle stanze private di un ex presidente tre mesi prima delle elezioni del Congresso e ben prima del possibile annuncio di una nuova candidatura presidenziale di Trump. Non si tratta della stessa dimensione. Ciò che sarà decisivo è ciò che l'FBI è riuscita a ottenere, o se l'FBI possa aver oltrepassato i limiti nel raid e non abbia rispettato la privacy e quindi i diritti civili di Trump».

L'indagine può danneggiare Trump?

«Tra i suoi sostenitori e con lo stesso Trump, è più probabile che ciò stimoli la determinazione a ricandidarsi alla nomination del Partito Repubblicano per le elezioni presidenziali del 2024. Trump come vittima del «Deep State», i servizi di sicurezza che sarebbero sempre sleali nei confronti del 45° presidente e di cui ci si deve fidare per fare qualsiasi cosa per danneggiare Trump, è una delle principali narrazioni dei sostenitori del Maga (ndr: Maga è l'abbreviazione di «Make America Great Again», celeberrimo slogan di Trump candidato). Questo è olio sul fuoco del movimento Maga, il cui potere complessivo, tuttavia, sta diminuendo».

In che modo una condanna potrebbe influire su un'eventuale candidatura?

«Da un lato, c'è una legge federale che stabilisce che le persone colpevoli di appropriazione indebita di documenti del governo federale non possono candidarsi in futuro alle elezioni federali, comprese le elezioni presidenziali. Ma questo non solo richiederebbe la perquisizione di Trump: dovrebbe essere condannato da una sentenza definitiva del tribunale. D'altra parte, è solo la Costituzione degli Stati Uniti a stabilire quali requisiti devono essere soddisfatti per candidarsi alla presidenza. Secondo alcuni avvocati, la legge federale appena citata non può quindi essere applicata. Mi sembra che la posizione giuridica sia poco chiara».

In che modo l'indagine potrebbe influenzare le elezioni di midterm?

«Trump non sarà sulla scheda elettorale nelle elezioni di midterm del 2022. I repubblicani potrebbero essere danneggiati dall'esito dell'indagine se venisse trovato materiale critico che potrebbe incriminare il tycoon. Se si scoprisse che i documenti rubati da Trump erano piuttosto innocui, si avvalorerebbe la tesi di un'indagine a sfondo politico, soprattutto se si scoprisse che l'FBI si è introdotta anche nella cassaforte privata di Trump, come lui sostiene».

«Le elezioni di midterm del 2022 saranno decise da questioni economico-sociali come l'inflazione, i prezzi del gas, i tassi d'interesse, i prezzi delle case e lo stato del confine meridionale degli Stati Uniti, ma anche da questioni relative alle norme molto restrittive sull'aborto negli Stati americani governati dai repubblicani. Ma il raid di Mar-a-Lago probabilmente faciliterà la mobilitazione dei sostenitori di Trump».

Questa indagine approfondirà le spaccature tra Democratici e Repubblicani?

«La risposta è chiara: sì, assolutamente».