«Coraggio, vieni, sparami»

Ecco otto ragioni per il pessimo morale dell'esercito russo

Di Philipp Dahm

17.3.2022

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
KEYSTONE

Vanno in guerra senza saperlo. Credono che saranno accolti a braccia aperte e che presto torneranno a casa: il fatto che i soldati russi manchino di motivazione è imputabile anche al Cremlino.

Di Philipp Dahm

17.3.2022

In realtà è impossibile spiegare perché Mosca non stia colmando il divario: l'Ucraina ha ancora un corridoio a sud vicino alla città di Odessa verso la Romania, membro della NATO, e in realtà ci si sarebbe aspettati che questa zona fosse rapidamente presa dalle truppe russe in caso di invasione.

I vantaggi sono ovvi: Kiev sarebbe chiusa dal Mar Nero, l'afflusso di armi  dalla Romania potrebbe essere fermato e, ultimo ma non meno importante, Odessa, la terza città più grande del paese, sarebbe assediata e il potere economico del presidente ucraino Volodymyr Zelensky sarebbe limitato.

Se si deve credere alla parte ucraina, l'attacco alla città sul Mar Nero era già pianificato nei dettagli. «Sembra che ci sia stata una ribellione a bordo delle navi russe», ha riferito a suo tempo l'Odessa Journal: «Le giovani reclute si sono rifiutate di seguire gli ordini e di attaccare le coste della metropoli».

La ragione data è a volte che i marinai sono per lo più provenienti dalla Crimea e hanno stretti legami con la gente del posto, mentre altre volte che non sono in grado di capire le tattiche o che hanno troppo rispetto per i marines ucraini di stanza lì. Qualsiasi sia la verità, è un fatto che l'esercito russo abbia un problema con la motivazione dei suoi soldati.

Ecco almeno otto ragioni.

1. Sorpresi dall'offensiva

Quando l'esercito russo ha marciato fino al confine con l'Ucraina prima dello scoppio della guerra, molti soldati hanno pensato che stessero facendo delle manovre. Rappresentativo di ciò è lo scambio di messaggi di testo di una recluta letto dall'ambasciatore ucraino dell'ONU il 28 febbraio.

La madre vuole sapere perché non si è fatto sentire per molto tempo. E se è davvero una manovra. «Mamma, non sono più in Crimea. Non sono esercizi», scrive il figlio. Il padre vuole sapere se può inviare un pacco. «Che tipo di pacco vuoi mandarmi, mamma? Voglio solo impiccarmi adesso».

La madre vuole sapere cosa sia successo. Risposta: «Mamma, sono in Ucraina. Qui c'è una vera e propria guerra. Ho paura. Stiamo bombardando tutte le città. Anche obiettivi civili. Mamma, è così difficile».

2. Schieramento dei cadetti

Secondo la legge russa, all'esercito è vietato usare i cadetti in guerra. Ma i generali apparentemente aggirano il divieto convincendo gli interessati a prolungare volontariamente il loro servizio senza spiegare ai soldati le conseguenze del loro consenso. Lo afferma la rivista online «Meduza».

Dopo le smentite iniziali, il Ministero della difesa russo ha ammesso che i cadetti sono stati effettivamente «scoperti» in Ucraina e immediatamente ritirati dal campo di battaglia. «Sottolineo che nessun cadetto sta o prenderà parte alle ostilità», assicura prontamente il presidente russo Vladimir Putin. «E non saranno chiamati altri riservisti».

Era il 5 marzo: che Mosca abbia davvero a disposizione forze sufficienti per fare a meno di quegli uomini deve essere messo in dubbio.

3. Resistenza civile

«Alcuni di loro pensavano di essere in una manovra», racconta al Guardian Artem Mazhulin della regione di Kharkiv. «Non si aspettavano alcuna resistenza. Molti cadetti sono nati nel 2002 o 2003, stiamo parlando di ragazzi di 19 e 20 anni».

Perché ai soldati russi è stato «assicurato che sarebbero stati accolti come liberatori», come dice il giornale britannico? L'errore è stato ovviamente commesso dalla leadership militare, che ha dato per scontato che almeno la parte russofona degli ucraini sarebbe stata felice dell'invasione e che forse alcuni degli altri sarebbero stati contenti all'idea di far rivivere i bei vecchi tempi sovietici.

Dominanza della lingua russa in Ucraina secondo un sondaggio del 2003.
Dominanza della lingua russa in Ucraina secondo un sondaggio del 2003.
Commons/Julieta39

Ma come si scopre ora, è piuttosto il contrario. La pressione politica permanente che pesa sull'Ucraina dal 2014 tende a serrare i ranghi. Anche gli ucraini che parlano russo rifiutano la corsa agli armamenti di Putin e chiedono scusa per la politica estera russa.

Dove l'esercito russo ha preso il sopravvento, gli occupanti devono affrontare la resistenza, la protesta e le manifestazioni dei civili che fanno capire ai loro vicini cosa pensano della loro presenza.

4. La legittimazione della guerra

Mentre la guerra del 2014 era stata impostata con rapporti appropriati sulla TV russa, la preparazione è mancata nel 2022. Otto anni fa, si parlava di attentati contro i russi, il divieto della lingua russa ha fatto scalpore e l'accompagnamento dei media ha fatto sì che la «missione» di allora fosse chiara a tutti.

Ora le «buone ragioni» mancano: Mosca dice ai suoi soldati e al mondo che l'esercito è in Ucraina per la «denazificazione», ma la popolazione li tratta come occupanti. «Voi siete armati, noi no. Venite, sparateci», gridano nella Kherson occupata. «Non ti vergogni?». E: «Siete voi i fascisti, non noi».

Cittadini protestano contro l'occupazione russa a Kherson il 14 marzo.

Fonte: Radio Free Europe/Radio Liberty

Nella clip si sentono molte donne e persone anziane. Il baccano continua finché i soldati, esasperati, sparano in aria per allontanare i cittadini.

I russi catturati dall'Ucraina raccontano le loro motivazioni in una conferenza stampa. Che lo facciano volontariamente, tuttavia, non può essere verificato.

Fonte: Forze armate ucraine

5. Cibo schifoso

Ovviamente, la leadership russa ha dato per scontato che ci sarebbe stata una guerra lampo e, contando su questa previsione, non si è preparata a dover rifornire l'esercito con i beni di prima necessità per un periodo di tempo più lungo.

Il risultato: vari video mostrano i soldati russi che saccheggiano, anche oggetti di valore, ma spesso i militi cercano anche di fare scorta di cibo, perché le razioni dell'esercito sono tutt'altro che commestibili.

Le telecamere di sicurezza riprendono i negozi ucraini saccheggiati dai soldati russi.

Fonte: Radio Free Europe/Radio Liberty

6. Problemi di approvvigionamento e imboscate

Il cibo è solo la punta dell'iceberg quando si parla di mancanza di rifornimenti per le truppe: senza carburante, da un lato, i soldati non possono muoversi, ovviamente, ma dall'altro, non possono nemmeno riscaldarsi, il che è un grosso problema viste le temperature gelide in Ucraina.

Se mancano anche cose come le munizioni e i pezzi di ricambio, la motivazione si abbassa ancora di più. Le imboscate permanenti contribuiscono ad abbassare ulteriormente il morale dei russi.

Un incubo per i soldati russi: Immagini di droni ucraini mostrano un'imboscata in un sobborgo di Kiev.

Fonte: Forze armate ucraine

7. Resistenza militare

Chi si aspetta una passeggiata e improvvisamente deve correre una maratona faticosa non può essere soddisfatto: la leadership ha promesso all'esercito una campagna rapida, e ora i soldati devono affrontare una lotta molto più lunga e pericolosa di quanto gli attaccanti potessero pensare.

Se poi l'Ucraina indora i suoi successi con post di propaganda sui social media, questo non rende più grande la volontà dell'avversario russo di perseverare.

Propaganda: ecco come le truppe ucraine si ritraggono mentre combattono i russi.

Fonte: Forze armate ucraine

8. Perdite inaspettatamente elevate

Di pari passo con una resistenza più dura, ci sono più perdite da parte dei russi. Il Cremlino minimizza i numeri, ma ci sono gruppi come l'Unione dei Comitati delle Madri dei Soldati della Russia che si occupano di queste perdite.

Un servizio del canale americano CBS sui soldati russi catturati che chiamano le loro madri. NOTA BENE: le immagini sono state girate dall'esercito ucraino e non verificate in modo indipendente.