Brasile

Il governo Lula vuole indagare Bolsonaro per il tentato golpe

SDA

13.1.2023 - 19:58

Il presidente in carica Lula ha inoltre deciso di declassificare i dati della carta aziendale dell'ex presidente Bolsonaro rendendoli pubblici.
Il presidente in carica Lula ha inoltre deciso di declassificare i dati della carta aziendale dell'ex presidente Bolsonaro rendendoli pubblici.
KEYSTONE

Quello di oggi non poteva essere un venerdì 13 più infausto per Jair Bolsonaro.

SDA

13.1.2023 - 19:58

Dal suo ritiro vacanziero a Orlando (dove pure il clima è sembrato accanirsi, in una giornata contrassegnata dalle piogge) l'ex presidente brasiliano ha ricevuto la notizia del suo nome associato all'accusa di tentato colpo di Stato.

In una bozza di decreto trovata dalla polizia federale nella casa del suo ex ministro della Giustizia Anderson Torres, l'ex leader di destra avrebbe ipotizzato il ribaltamento del risultato delle elezioni di ottobre, vinte dal suo acerrimo nemico, Luiz Inacio Lula da Silva.

Per mettere in pratica il presunto golpe, Bolsonaro si stava preparando a instaurare lo «stato di difesa» presso il Tribunale superiore elettorale (Tse) in quanto era ancora presidente della Repubblica, si intuisce dal documento trapelato ai media.

Lo stato di difesa, previsto dall'articolo 136 della Costituzione, avrebbe consentito al presidente ancora in carica di intervenire, tra l'altro, per «ripristinare tempestivamente l'ordine pubblico o la quiete sociale minacciati da grave e imminente dissesto istituzionale».

Non solo: il decreto prevedeva anche la formazione di una commissione composta dall'allora presidente Bolsonaro e da membri del ministero della Difesa per supervisionare il Tse, con l'obiettivo di produrre un rapporto che analizzasse l'equità delle elezioni del 2022.

«L'anello mancante»

Per il neo ministro della Giustizia, Flavio Dino, la bozza di decreto trovata nella casa di Torres potrebbe essere «l'anello mancante» tra le proteste seguite al risultato delle elezioni presidenziali (contestato, senza prove, dai bolsonaristi) e l'assalto ai palazzi del potere commesso domenica scorsa a Brasilia dai sostenitori più radicali dell'ex capitano dell'esercito.

Non meno spinosa la situazione dello stesso Torres: nominato segretario alla Pubblica sicurezza di Brasilia a dicembre (e partito per ferie, anche a lui a Orlando, proprio alla vigilia della Capitol Hill verdeoro), l'ex ministro è accusato di comportamento omissivo.

Il suo arresto è considerato «inevitabile» dal capogruppo della maggioranza al Senato Randolfe Rodrigues. Se non si presenterà spontaneamente alla polizia per costituirsi entro lunedì prossimo, Dino ne chiederà l'estradizione dagli Stati Uniti.

Dove tra l'altro decine di deputati democratici, compresi alcuni della commissione esteri della Camera, hanno inviato una lettera al presidente degli Stati Uniti Joe Biden chiedendo che sia cancellato il visto di Bolsonaro.

Una fase nerissima per Bolsonaro

La procura generale brasiliana ha intanto deciso di inviare una missione ufficiale proprio a Washington per riunirsi con le autorità giudiziarie locali al fine di ottenere informazioni sull'assalto al Campidoglio avvenuto nel gennaio 2021.

La somiglianza tra quei fatti e quelli brasiliani di pochi giorni fa ovviamente non è passata inosservata e l'aspettativa è che lo scambio di dati possa servire a tracciare la rotta anche degli inquirenti sudamericani.

La fase nerissima di Bolsonaro è proseguita con la divulgazione delle sue spese personali effettuate con la carta aziendale messa a disposizione della Presidenza durante i quattro anni di mandato. L'ex presidente aveva imposto la segretezza per 100 anni, ma Lula ha deciso di declassificare i dati rendendoli pubblici.

Ne è emerso che, pur avendo speso meno di Lula e Dilma Rousseff nei loro rispettivi primi due mandati, Bolsonaro ha concentrato la maggioranza dei soldi a disposizione per vitto, alloggio e trasporti.

Secondo Estadao, alcune di queste spese avrebbero coinciso con le cosiddette motociatas, i raduni in moto promossi da Bolsonaro insieme a migliaia di suoi simpatizzanti per le vie di varie città. Alla vigilia di uno di questi eventi svoltosi a Rio de Janeiro, nel maggio 2021, sono stati per esempio spesi 33'000 reais (circa seimila franchi) in un unico panificio.

SDA