Haiti

Haiti, si aggrava il bilancio dopo il terremoto

SDA

16.8.2021 - 08:50

Oltre 700 vittime dopo il terremoto ad Haiti
Oltre 700 vittime dopo il terremoto ad Haiti
Keystone

Continua a peggiorare il bilancio delle vittime in seguito al terremoto ad Haiti. Il bilancio provvisorio è stato aggiornato lunedì mattina a 1.297 morti e oltre 5.700 feriti registrati, secondo i servizi di protezione civile.

SDA

16.8.2021 - 08:50

Le case distrutte dal sisma di 7.2 gradi sulla scala Richter sarebbero quasi 3.000 e centinaia quelle danneggiate.

Il 12 gennaio 2010 un terremoto di magnitudo 7 aveva devastato la capitale haitiana e diverse città di provincia. Più di 200'000 persone erano morte e oltre 300'000 erano rimaste ferite, mentre 1,5 milioni di persone erano rimaste senza casa.

Alcune testimonianze

La casa a due piani di Marcel François a Les Cayes è ormai in rovina. «È per grazia di Dio e anche grazie al mio telefono che sono vivo perché sono stato in grado di dire alla gente fuori dove mi trovavo», ha detto il 30enne all'AFP. Suo fratello minore Job, aiutato dai vicini, ha trascorso più di tre ore per tirarlo fuori dalle macerie con la sola forza delle braccia. «Ero sull'autobus per andare al lavoro quando c'è stato il terremoto. Sono riuscito a raggiungere Marcel al telefono, ma mi ha detto ‹vieni a salvarmi, sono sotto il cemento›», racconta Job François.

Ferito alla testa dopo essere stato estratto dai blocchi di cemento e dai mobili rotti, Marcel François è stato immediatamente portato in ospedale in stato di shock, non avendo notizie della figlia di 10 mesi, che era ancora intrappolata tra le rovine. «Pensavo che fosse morta. Piangevo quando sono arrivato all'ospedale, ero rassegnato», dice il trentenne con emozione. Grazie all'azione congiunta degli abitanti e di suo zio, la piccola è stata portata fuori dalla casa quattro ore dopo il terremoto. Marcel e Job Francois aspettavano l'aiuto di squadre professionali domenica mattina per rimuovere il corpo senza vita della loro inquilina, una donna di 27 anni che viveva al piano terra e che è morta pochi minuti dopo il terremoto.

Soccorritori all'opera, ma la tempesta avanza

Gli sforzi dei soccorritori per aiutare le vittime potrebbero essere ostacolati, tuttavia, dall'avvicinarsi della tempesta tropicale Grace, con il potenziale di piogge torrenziali e rapide inondazioni.

Personale e medicinali sono già stati inviati dal Ministero della Salute nella penisola sud-occidentale, ma la logistica di emergenza è messa a repentaglio dall'insicurezza che affligge Haiti da mesi. L'unica strada che collega la capitale alla metà meridionale del paese attraversa per poco più di due chilometri il quartiere povero di Martissant, che dall'inizio di giugno è sotto il controllo di bande armate.

«Dobbiamo far passare tutti gli aiuti», ha detto sabato sera il primo ministro Ariel Henry. I pochi ospedali nelle aree colpite stanno lottando per fornire cure di emergenza.

Papa: «si muova l'interesse partecipe della comunità internazionale»

Papa Francesco domenica ha espresso la sua «vicinanza» al popolo di Haiti, auspicando che «si muova l'interesse partecipe della comunità internazionale» verso i sopravvissuti e che «la solidarietà di tutti possa lenire le conseguenze della tragedia».

Molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, la Repubblica Dominicana, il Messico e l'Ecuador, hanno già offerto la loro assistenza inviando personale, razioni di emergenza e attrezzature mediche.

Un team di crisi è stato convocato a Berna per decidere la linea d'azione della Svizzera, ha dichiarato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) . Il gruppo sta coordinando gli aiuti con l'ambasciata elvetica a Port-au-Prince, che ha già inviato una squadra di esperti sul posto. Haiti infatti è uno dei paesi prioritari della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC). La Catena della Solidarietà e Caritas Svizzera hanno già lanciato appelli per donazioni a favore delle vittime del terremoto.

Il paese più povero delle Americhe ricorda ancora il terremoto del 12 gennaio 2010, che ha devastato la capitale e diverse città di provincia. Più di 200.000 persone sono morte e 300.000 ferite nel disastro, mentre 1,5 milioni di haitiani sono rimasti senza casa. Gli sforzi del paese per riprendersi dal disastro sono stati rallentati da una grave instabilità politica. Undici anni dopo, l'isola è ancora nella morsa di un'acuta crisi socio-politica, con l'assassinio del presidente Jovenel Moïse il mese scorso.

SDA