La situazione della guerra I piloti di droni di Zelensky danno la caccia all'elicottero di Putin

Di Philipp Dahm

8.9.2023

Un soldato della 3ª Brigata d'assalto ucraina carica una bomba su un drone vicino a Bakhmut, luogo di aspri combattimenti con le forze russe nella regione di Donetsk, Ucraina, domenica 3 settembre 2023.
Un soldato della 3ª Brigata d'assalto ucraina carica una bomba su un drone vicino a Bakhmut, luogo di aspri combattimenti con le forze russe nella regione di Donetsk, Ucraina, domenica 3 settembre 2023.
KEYSTONE

Ci sono diversi esempi sul campo di battaglia in Ucraina in questo momento che illustrano il principio di causa ed effetto. Lo slancio è dalla parte di Kiev.

Di Philipp Dahm

8.9.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Basso costo, alto danno potenziale: l'Ucraina inizia ad attaccare gli elicotteri russi con i droni.
  • La strategia sta dando i suoi frutti: i droni ucraini Bayraktar operano impunemente in Crimea, dove le difese aeree sono state decimate.
  • Nel fuoco di controbatteria l'artiglieria ucraina sembra attualmente superiore alla controparte russa nel sud del Paese.
  • A causa dell'interruzione delle comunicazioni, troppi ufficiali russi si avvicinano troppo al fronte dove rimangono uccisi.
  • Un contrattacco russo della 76ª Divisione d'assalto aereo della Guardia e di altre truppe a Robotyne è stato respinto.
  • A sud di Bachmut, gli insediamenti sono stati spianati e non offrono più protezione alla fanteria.

All'inizio il video non sembra spettacolare. In bassa risoluzione, il pubblico vola insieme a un drone FPV – in prima persona. L'oggetto volante senza pilota si dirige verso un elicottero russo: il Ka-52 Alligator, che è considerato uno dei migliori elicotteri da combattimento sul mercato.

Ben presto diventa chiaro che il drone sta cercando di speronare l'elicottero, ma è troppo veloce, mentre il drone sta esaurendo la sua carica. «Sarete presto catturati», prevede tuttavia il pilota ucraino quando pubblica la clip su Telegram.

Appartiene ai cosiddetti uccelli di Magyar. Robert Browdi, nome di battaglia Magyar, è il comandante della 2ª Compagnia d'attacco della 28ª Brigata meccanizzata: la sua unità di droni è leggendaria.

Anche se l'attacco kamikaze mostrato fallisce, l'operazione sembra essere un presagio: migliaia di droni sono in uso ogni giorno nelle zone di guerra, spesso causando danni sproporzionatamente alti per il loro basso prezzo.

Togliere dal cielo un Ka-52 con un investimento di poche migliaia di dollari al costo di 16 milioni di dollari ha senso dal punto di vista militare.

Dopo che le forze armate ucraine hanno recentemente protetto i motoscafi con missili antiaerei lanciati a spalla, non dovrebbe passare molto tempo prima che anche i droni nazionali possano sparare missili aria-aria, data l'adattabilità dell'industria degli armamenti.

Allora l'aria sarà davvero rarefatta per i piloti di elicotteri russi.

«I colpi dietro le linee nemiche pagano»

In generale, il campo di battaglia in Ucraina è attualmente una buona indicazione di quanto stia funzionando la strategia di Kiev di colpire le difese aeree e l'artiglieria del nemico.

Come il 23 agosto, quando un S-400 Triumf è stato distrutto per la prima volta in Crimea: «Un giorno nero come la pece per Putin – solo guai».

Nella penisola, le difese aeree si sono apparentemente assottigliate a tal punto che il Bayraktar TB-2, che era spesso sulle prime pagine dei giornali all'inizio della guerra, ora può di nuovo cacciare impunemente.

Allo stesso tempo, nell'Ucraina meridionale, l'artiglieria di Kiev sembra aver preso il sopravvento sul nemico. Ciò è dovuto ai duelli di artiglieria, alias fuoco di controbatteria, che le forze di Kiev stanno cercando dall'inizio di agosto.

Poiché l'esercito russo ha trascurato questo punto e gli ucraini interrompono anche le vie di rifornimento del nemico, le armi a lungo raggio di Mosca hanno perso efficacia.

«Gli attacchi ucraini dietro le linee nemiche stanno dando i loro frutti», si meraviglia «New Lines Magazine», tenendo conto del mega attacco con i droni del 29 agosto.

Le truppe d'élite russe falliscono a Robotyne

In termini di causa ed effetto, Volodymyr Zelensky beneficia anche dell'interruzione delle comunicazioni russe: poiché i comandanti faticano a consultarsi con le loro truppe, troppo spesso sono costretti a viaggiare troppo vicino al fronte.

Ciò si riflette nell'alto numero di vittime anche tra gli ufficiali di grado medio-basso, che ora mancano alla guida dei soldati russi, lamenta il blogger militare Murz.

La pianificazione strategica di Kiev ha un impatto concreto sulla situazione tattica. Ad esempio, il mega attacco di droni del 29 agosto ha attaccato la base della 76ª Divisione d'assalto aereo delle Guardie a Pskov e il suo squadrone di trasporto. Questa unità sta attualmente combattendo a Robotyne e potrebbe avere bisogno di rinforzi.

Un contrattacco russo su Robotyne (freccia rossa) è fallito. Le notizie dall'Ucraina prevedono un assalto a Novoprokopivka a breve, anche se l'area sarebbe pesantemente minata. Le linee gialle indicano trincee e altre difese.
Un contrattacco russo su Robotyne (freccia rossa) è fallito. Le notizie dall'Ucraina prevedono un assalto a Novoprokopivka a breve, anche se l'area sarebbe pesantemente minata. Le linee gialle indicano trincee e altre difese.

La 76ª Divisione d'assalto aereo della Guardia, insieme ad altre unità russe, ha tentato una controffensiva a Robotyne, nell'oblast' di Zaporizhzhya. Tuttavia, la cattura delle trincee a sud della città è fallita, così come l'attacco da ovest, a sua volta colpito ai fianchi.

Ciò che è importante per Kiev è che le proprie truppe si sono infiltrate nelle prime due linee di difesa russe in questa sezione del fronte. Ora stanno cercando di estendere il controllo delle trincee a ovest. Un assaggio di ciò che significa è dato dal video X qui sopra, che non mostra alcuna vittima.

E i successi russi?

A sud di Bachmut, non ci sono molte notizie da riferire. I russi hanno sgomberato l'insediamento di Andriivka, ma i soldati ucraini non se ne sono impossessati. Il motivo è che qui non c'è nessuna casa che offra copertura. Anche Klishchiyivka è ancora per l'80% nelle mani dell'Ucraina. Poiché i droni stanno rimuovendo le mine nell'area boschiva a nord del villaggio, il prossimo tentativo di cacciare i russi potrebbe partire da lì.

La situazione negli insediamenti a sud di Bachmut secondo il Military Lab. L'immagine piccola mostra l'esplosione di un deposito di mine russe vicino a una trincea.
La situazione negli insediamenti a sud di Bachmut secondo il Military Lab. L'immagine piccola mostra l'esplosione di un deposito di mine russe vicino a una trincea.
YouTube/Military Lab.

Anche se sulle mappe militari si vedono pochi progressi, le forze armate ucraine sono molto attive: secondo la portavoce Sarah Ashton-Cirillo, solo il 6 settembre ci sono stati 39 diversi combattimenti e 18 sortite dell'aviazione.

Negli ultimi due giorni sono stati colpiti 60 aerei e veicoli russi, mentre la controparte ha avuto successo solo 14 volte. Si tratta di perdite confermate da osservazioni dirette sul terreno.

Ma è solo l'esercito di Kiev a festeggiare i successi? Ovviamente no, come dimostrano i tweet seguenti: a volte il mini-lanciatore di missili fatto in casa non funziona, a volte un drone kamikaze Lancet, con cui l'Ucraina ha molti problemi, cattura un sistema di difesa aerea Buk-M1 nemico, e a volte riesce a distruggere un Challenger 2 britannico con un missile anticarro Kornet in combinazione con l'artiglieria.

Ma sul fronte – anche nel nord, vicino a Kupyansk – le cose non stanno andando avanti per Vladimir Putin.

Le sue preoccupazioni non diminuiranno: gli Stati Uniti stanno pianificando la prossima spedizione di munizioni a grappolo, ma forniranno a Kiev anche proiettili per carri armati all'uranio impoverito in grado di trafiggere le armature pesanti.

In totale, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha promesso al presidente Zelensky ulteriori aiuti militari per un miliardo di dollari.