Animali abbandonati in Ucraina

I silenziosi testimoni della guerra

amo / dpa

22.5.2022

Diversi milioni di persone sono fuggite dal Paese dall'inizio della guerra in Ucraina. E spesso sono costrette ad abbandonare i loro animali, che sono spaventati, feriti e combattono per la propria vita. Eppure, per alcuni un lieto fine c'è.

amo / dpa

22.5.2022

Alexander Feldman guarda tristemente nella telecamera. Non bisogna capire la sua lingua, si sente dal suo tono che qualcosa lo infastidisce. Riguarda i suoi predatori. Non c'è nessuna salvezza per loro, dice Feldman. È il fondatore del parco faunistico privato Feldman Ecopark vicino a Kharkiv.

Vi ospita, tra gli altri, leoni, giaguari e tigri. I recinti e l'intera infrastruttura sono stati colpiti dall'artiglieria e dalle forze aeree. Non c'è modo di trasportare via gli animali e salvarli. Feldman non vede altra opzione che addormentare i suoi predatori.

Poco più tardi Feldman dà il cessato allarme. «La nostra squadra ha fatto irruzione nell'area dell'ecoparco con una truppa abbastanza grande. Anche se ci sono stati di nuovo i bombardamenti, ciò non ci ha impedito di evacuare cinque leoni e altri animali», ha detto Feldman in un altro videomessaggio. Feldman e la sua squadra stanno salvando gli animali da calcune settimane.

Riguardo a un video di un mese fa che mostra una tigre anestetizzata che viene trasportata via, scrive che si fermeranno solo quando anche l'ultimo animale sarà al sicuro.

Cosa fare con i leoni, le tigri e gli orsi evacuati?

Se già ospitare degli erbivori e piccoli animali in gran numero è una sfida, ospitare dei predatori diventa un compito erculeo. Nataliya Popova dell'organizzazione per il benessere degli animali «UAnimals» si dedica a questo compito.

Quando ha visto gli animali abbandonati dagli zoo e dalle riserve morire di fame o essere uccisi, ha agito. Ha rapidamente trasformato la sua struttura equestre vicino a Kiev in un santuario per animali selvatici, scrive il «Guardian».

I nuovi animali arrivati rimangono con Nataliya solo per un breve periodo. Infatti ha già donato più di cento animali a molteplici zoo in Bulgaria e Polonia, dove sono state date loro delle case sicure. Tra loro ci sono sette orsi, quattro tigri e tre leoni dell'ecoparco distrutto di Alexander Feldman.

epa09807528 A tiger at the zoo of Poznan in Poznan, west-central Poland, 07 March 2022. Six tigers and six lions evacuated from Ukraine arrived at the zoo of Poznan. Russian troops entered Ukraine on 24 February prompting the country's president to declare martial law and triggering a series of announcements by Western countries to impose severe economic sanctions on Russia. EPA/Jakub Kaczmarczyk POLAND OUT
Una tigre nella sua nuova casa in uno zoo in Polonia. È stata salvata ed evacuato dall'Ucraina. 
KEYSTONE/EPA/Jakub Kaczmarczyk POLAND OUT

Roadtrip in furgone con leoni e lupi

Il 45enne inglese Tim Locks ha intrapreso un viaggio straordinario. Ha consegnato forniture di soccorso dall'Inghilterra all'Ucraina. Lì ha sentito che un leone e un lupo erano stati abbandonati a meno di un miglio da una zona contesa. Ha viaggiato per più di mille chilometri da Leopoli fino all'estremo sud-ovest dell'Ucraina per salvare i due predatori.

Simba e Akela, come li ha chiamati lui, li ha caricati nelle loro gabbie nel bagagliaio del suo furgone con una gru, scrive il «Daily Mail». Il solo caricamento ha richiesto diverse ore, poiché le due gabbie si adattavano a malapena al bagagliaio. Con lupo e leone nel bagagliaio, Locks ha attraversato il confine con la Romania. Lì, ora Simba e Akela hanno un posto sicuro in uno zoo.

Adult male lion named Simba sits inside a cell at a zoo in Radauti, about 30 kilometers (18 miles) south of Romania's northern Siret border on Wednesday, March 23, 2022.The lion and a wolf wolf named Akyla, have been evacuated from a zoo in war-torn Ukraine to safety in Romania in what an animal rights group says was a four-day mission
Il leone Simba è sopravvissuto al viaggio nel furgone di Tim Locks ed è arrivato sano e salvo nella sua nuova casa in Romania il 23 marzo. 
KEYSTONE/AP Photo/Eldar Emric

In fuga anche cani e gatti

A differenza degli animali dello zoo, gli animali più piccoli come cani e gatti di solito non vengono rinchiusi, ma scappano per paura e non vengono mai trovati dai loro proprietari. Il risultato sono numerosi animali domestici abbandonati.

Quando migliaia di persone sono fuggite da Kiev, Asya Serpinska ha fatto il contrario: è rimasta. La 77enne gestisce il suo rifugio per animali a Hostomel. L'insediamento è a nord di Bucha.

Mentre fuori infuriava la guerra, Serpinska, insieme a due aiutanti, ha cercato di mantenere in vita 700 cani, 100 gatti e ha salvato un leone. «Sapevo che era mia responsabilità prendermi cura di loro», ha detto Serpinska sul «Washington Post».

Un gatto siede in una scatola di munizioni a Bucha. Molti animali hanno dovuto essere abbandonati dai loro proprietari.
KEYSTONE/AP Photo/Rodrigo Abd

Sebbene Serpinska abbia già accolto numerosi animali, ne arrivano costantemente di nuovi. La donna racconta di un rifugio per animali a Borodyanka, dove i cani sono stati lasciati in gabbia senza cibo. Ben più della metà dei circa 500 animali erano già morti quando Serpinska è arrivata. Per prima cosa ha aperto le gabbie e ha rilasciato gli animali rimanenti. Dopodiché si è presa cura dei cani.

Amici pelosi traumatizzati nei rifugi per animali

Circa 150 cani e 200 gatti hanno trovato rifugio anche in un canile a Leopoli. Cosa sia successo ai loro proprietari non è noto. Alcuni degli amici a quattro zampe sono stati salvati da soldati, passanti e attivisti per i diritti degli animali dentro e dalle case distrutte. Alcuni vagano per le strade, altri finiscono in ricoveri per animali, ormai sovraffollati.

I volontari ora si prendono cura di loro, portano a spasso i cani, giocano con i gatti e forniscono assistenza medica agli animali feriti. «Molti sono traumatizzati. Alcuni cani hanno ancora paura. Si rifiutano di lasciare il canile o l'edificio», ha detto al canale di notizie americano Radio Free Europe Orest Zalipsk, direttore del rifugio per animali «House of Rescued Animals».

Come un cane ferito impara a camminare in Polonia

Anche in Polonia ci sono volontari in servizio per gli animali feriti provenienti dall'Ucraina. I volontari li salvano e li portano oltre il confine. Lo stesso è successo alla piccola cagnetta Vira, che prima è arrivata dal Donbass nell'Ucraina occidentale e da lì alla clinica di Przemysl, in Polonia.

«C'è un proiettile nella sua spina dorsale», spiega il veterinario polacco Jakub Kotowicz, indicando un punto luminoso e rotondo sull'immagine a raggi X. Il proiettile ha colpito l'animale due o tre anni fa, stima. Già allora il Donbass era una zona di guerra. Un nervo è danneggiato, un'operazione sarebbe troppo rischiosa. Ora la fisioterapia dovrebbe aiutare a rimettere in piedi Vira.

Veterinary doctor Jakob Kotowicz, left, and his assistant treat a broken leg of a dog in a water bath at the ADA foundation centre in Przemysl, southeastern Poland, Monday, March 28, 2022. Amid the exodus of more than 2.2 million Ukrainian refugees to Poland who fled the Russian invasion are the pet lovers who could not leave their animals behind. The evacuation of the animals was dangerous but was made possible due to the efforts and cooperation of several animal rights groups and Ukrainian refugees. (AP Photo/Sergei Grits)
La cagna Vira sta imparando a camminare di nuovo sotto le cure del veterinario Jakob Kotowicz.
KEYSTONE/AP Photo/Sergei Grits

La clinica veterinaria si trova nel sud-est della Polonia, vicino al confine con l'Ucraina. Una fondazione senza scopo di lucro gestisce un moderno rifugio per cani e gatti, ma anche per animali selvatici feriti. Dall'inizio dell'aggressione russa contro l'Ucraina, veterinari, fisioterapisti e infermieri hanno curato sempre di più animali malati e feriti provenienti dal paese vicino che sono diventati improvvisamente incustoditi.

Lui e i suoi colleghi hanno curato circa 900 cani ucraini nelle ultime settimane di guerra, afferma il veterinario Kotowicz, uno dei co-fondatori della fondazione. La maggior parte di loro ha ora trovato una nuova casa in Polonia o in altri paesi europei.

Una nuova vita per il capretto Sascha

Ma non sono solo gli animali domestici ad essere curati nella clinica veterinaria. Tra i pazienti ucraini ci sono anche una cicogna con un'ala rotta e un pipistrello ferito.

Veterinary doctor Redeslew Fediczynsk caresses an injured goat at the ADA foundation centre in Przemysl, southeastern Poland, Monday, March 28, 2022. Amid the exodus of more than 2.2 million Ukrainian refugees to Poland who fled the Russian invasion are the pet lovers who could not leave their animals behind. The evacuation of the animals was dangerous but was made possible due to the efforts and cooperation of several animal rights groups and Ukrainian refugees. (AP Photo/Sergei Grits)
Il veterinario Redeslew Fediczynsk si prende amorevolmente cura del capretto Sascha.
KEYSTONE/AP Photo/Sergei Grits

E Sascha, il capretto nato con le zampe anteriori ricurve all'indietro. La proprietaria vive nella campagna vicino a Leopoli e si è rivolta disperatamente alla clinica veterinaria polacca. Gli specialisti hanno fatto realizzare delle protesi per le gambe anteriori di Sascha, che gli hanno allacciato di ora in ora. Ora il capretto saltella allegramente nel cortile anche senza gli appoggi.

«Anche Sascha è una vittima della guerra», afferma il veterinario Redeslew Fedaczynski. Il piccolo capretto è ora conosciuto in tutta l'Ucraina ed è un simbolo di speranza.

Redatto con materiale della DPA.