La situazione in Ucraina

Kiev vuole contrastare la mobilitazione con un «esercito di droni»

Di Philipp Dahm

23.9.2022

Dei lavoratori ripuliscono i detriti di un hotel danneggiato nel parco centrale di Zaporizhzhia, giovedì 22 settembre 2022.
Dei lavoratori ripuliscono i detriti di un hotel danneggiato nel parco centrale di Zaporizhzhia, giovedì 22 settembre 2022.
KEYSTONE/AP Photo/Hanna Arhirova

L'ex capo dei servizi segreti finlandesi non teme la parziale mobilitazione russa. La Russia, nel frattempo, avverte Parigi di ulteriori consegne di armi a Kiev e l'Ucraina è felice dei nuovi e potenti droni.

Di Philipp Dahm

23.9.2022

L'annuncio della mobilitazione parziale russa mostra i suoi effetti. Detto fatto, i voli dalla Russia sono al completo. Le immagini mostrano le strade congestionate davanti al confine con la Finlandia.

La situazione è simile nel Caucaso e nell'Estremo Oriente: si sono formate lunghe code anche quando si entra in Georgia, come mostra la foto sotto. E anche davanti alla barriera al confine con la Mongolia c'è un ingorgo.

In coda al confine tra Russia e Georgia.
In coda al confine tra Russia e Georgia.
u/Fr0zenStars

Queste non sono buone condizioni per reclutare altri 300.000 soldati. «Poiché la Russia non ha dichiarato guerra, la mobilitazione [totale] non sembra possibile», ha detto a Yle Pekka Toveri, l'ex capo del servizio di intelligence militare finlandese. «D'altra parte, non avrebbero nemmeno le risorse».

L'ex capo del servizio segreto finlandese non ha paura

In teoria, secondo Toveri, la Federazione Russa potrebbe raccogliere un milione di riservisti. In pratica, il sistema russo non consente una tale mobilitazione: mancano non solo i materiali, ma anche le opportunità formative. Ultimo, ma non meno importante, l'economia non ce la farebbe se così tanti uomini venissero a mancare nel mercato del lavoro.

Stando a Toveri però la mobilitazione è inevitabile per Mosca: «È un indicatore di grandi perdite e impasse». «Mobilitando parzialmente, gli equipaggi dei carri armati, i fanti e gli artiglieri possono essere prelevati dalla riserva», analizza il 61enne.

Tuttavia, il Cremlino sta aumentando allo stesso tempo la pressione sull'industria nazionale. È necessario «assicurare la consegna delle armi e dell'equipaggiamento necessari alle truppe il prima possibile», ha affermato l'agenzia di stampa statale russa RIA Novosti, citando il presidente Vladimir Putin.

La Russia mette in guardia l'Occidente, senza successo, contro le consegne di armi

L'equipaggiamento bellico deve essere prodotto con particolare attenzione alle unità di combattimento in Ucraina, senza dipendere dall'estero. «L'industria della difesa è proprio l'area in cui tutti i programmi di sostituzione delle importazioni devono essere attuati incondizionatamente», sottolinea Putin. L'industria dovrebbe studiare da vicino le armi dell'Occidente.

Un soldato ucraino si fa un selfie davanti a un Krab polacco il 3 settembre nell'oblast di Donetsk.
Un soldato ucraino si fa un selfie davanti a un Krab polacco il 3 settembre nell'oblast di Donetsk.
AP

A tal proposito, il Cremlino chiede che un numero maggiore di loro non raggiunga il campo di battaglia dopo che Parigi ha annunciato nuove consegne «nelle prossime settimane». Il viceministro degli esteri russo Alexander Grushko lo ha chiarito all'ambasciatore francese a Mosca, Pierre Levy. Le consegne di armi sono «inaccettabili»: il «regime di Kiev» le usa per «sparare a civili e infrastrutture».

Tuttavia, il devoto desiderio del Cremlino non si avvererà. La Svezia sta discutendo la consegna dei missili antiaerei portatili Robotsystem 70 e del sistema di artiglieria Archer, in grado di sparare proiettili da 155 millimetri fino a 60 chilometri. Anche il governo tedesco sta discutendo a Berlino dei carri armati Leopard 2, ma la loro consegna a Kiev è per ora improbabile.

Un esercito di droni contro i riservisti russi

L'UE ha inoltre annunciato ulteriori consegne di armi all'Ucraina e nuove sanzioni contro la Russia. «È chiaro che la Russia sta cercando di distruggere l'Ucraina», ha affermato il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell, spiegando l'atteggiamento di Bruxelles. «Adotteremo nuove misure restrittive sia a livello personale che settoriale». Solo il primo ministro ungherese Viktor Orban vuole revocare tutte le sanzioni entro la fine dell'anno.

La stessa Ucraina vuole combattere i riservisti russi con un «esercito di droni», ha annunciato tra l'altro il ministro per la trasformazione digitale. «Dobbiamo diventare ancora più innovativi, più veloci e più flessibili», scrive Mykhailo Fedorov su Telegram. «Crediamo nelle forze armate, le supportiamo e sviluppiamo tecnologie».

Ma in questo campo c'è anche l'aiuto dell'Occidente. Washington ha annunciato che fornirà all'Ucraina più droni. Dopo lo Switchblade 300 già consegnato, gli Stati Uniti stanno ora inviando lo Switchblade 600, la cui testata più grande penetra anche nei carri armati. In arrivo anche 37 droni polacchi Warmate Kamikaze finanziati dalla campagna internazionale di raccolta fondi Legion of Boom avviata dalla Lituania.

Com'è la situazione al fronte?

Poco è cambiato sul campo di battaglia dall'annuncio del presidente russo. A Kharkiv, l'Ucraina afferma di aver respinto un contrattacco russo a Kupyansk mentre i recenti guadagni territoriali continuano a consolidarsi. Un'avanzata per Kiev è la cattura del villaggio di Drobysheve, interrompendo una linea ferroviaria per Lyman e circondando ulteriormente l'importante città occupata dai russi.

Allo stesso tempo, l'esercito ucraino ha attaccato obiettivi a Lohansk. Apparentemente, una base con un deposito di munizioni a Nowoaydar è stata distrutta dall'artiglieria. Bombardata anche Svatove: importante snodo dei trasporti che riforniva le città di Sieverdonetsk e Lysychansk.

I guadagni di Kiev a Kherson sono minimi e l'oblast di Donetsk è fermo. D'altra parte, c'è movimento al di fuori dell'Ucraina, nella Romania centrale: la NATO sta allestendo una nuova base per un suo gruppo di combattimento a Cincu dopo un «cambiamento fondamentale in termini di deterrenza e difesa», riporta l'emittente statunitense Radio Free Europe/ Radio Liberty.