Taiwan rimane sfiduciata

L'«isola della resilienza» è il «luogo più pericoloso del mondo»

dpa / tchs

9.8.2022

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
dpa

Si tratta della più grande dimostrazione di forza militare della Cina contro Taiwan da molto tempo a questa parte. Ma molti hanno accolto con favore la visita di Pelosi e ora apprezzano l'attenzione internazionale per la loro democrazia.

dpa / tchs

9.8.2022

Missili balistici atterrano nelle acque intorno a Taiwan. Aerei militari e droni testano la difesa aerea. Navi da guerra cinesi sparano munizioni vicino alla Repubblica democratica insulare.

Taiwan è stata a lungo considerata «il posto più pericoloso del mondo», come ha intitolato una volta la rivista «The Economist». Ma la paura di una possibile guerra non ha mai preoccupato i 23 milioni di taiwanesi come ora.

Ma sull'isola regna un misto di calma, di inquietudine e preoccupazione, ma anche e soprattutto di sfida e anche orgoglio per «l'isola della resilienza», come l'ha elogiata la leader statunitense Nancy Pelosi durante la sua visita a Taipei.

Le manovre militari cinesi su larga scala in risposta alla sua visita non hanno fatto altro che inimicare ulteriormente i taiwanesi contro la Cina. «Molto male», dice la cameriera di un bar di Taipei.

Ma i taiwanesi sono abituati alle sciabolate dei comunisti e vivono la loro vita in maniera normale. Sono stanchi di essere trattati da Pechino come semplice parte della Repubblica Popolare. Nonostante le tensioni, le più alte dalla metà degli anni Novanta, molti esprimono il loro sostegno alla visita di Pelosi, la più alta funzionaria degli Stati Uniti a Taipei in un quarto di secolo.

«Stanno solo cercando di spaventarci»

«All'inizio ero preoccupata, ma ora sono orgogliosa che Pelosi sia venuta a Taiwan», dice Cindy Chou, responsabile delle risorse umane di un'azienda high-tech. «Stanno solo cercando di spaventarci. Perché dovremmo permettere loro di riuscirci?», afferma dal canto suo la signora Tseng, segretaria di un'associazione professionale che si occupa delle manovre. «Mi sento minacciata, ma mi rifiuto di avere paura perché questo è il loro obiettivo».

Molti taiwanesi frequentano spontaneamente corsi di protezione civile, imparando a riconoscere la situazione in ambito di sicurezza, cosa fare in caso di invasione o come prestare i primi soccorsi. Lin Hsin-yi, segretario generale di un'organizzazione non governativa, riferisce che molti dei suoi collaboratori hanno frequentato o vogliono frequentare dei corsi. «Il fatto che non siamo isterici non significa che non siamo consapevoli della situazione e non ci prepariamo».

Gli investitori della borsa di Taipei, che già in passato avevano subito un crollo in situazioni simili, non sono rimasti impressionati dalla più grande mossa militare della Cina da molto tempo a questa parte. Dopo un po' di nervosismo e solo un leggero calo, l'indice venerdì è salito di nuovo del 2,3%, nonostante le immagini in TV delle esercitazioni di tiro e di un tentativo di blocco marittimo e aereo da parte della Cina.

La visita di Pelosi ha portato «un'attenzione inimmaginabile»

«Io non ho paura, ma alcuni miei amici si sentono a disagio e non al sicuro», dice la signora Yen, responsabile delle pubbliche relazioni per una grande azienda di costruzioni.

«Chi lo sa se le esercitazioni militari termineranno davvero presto come annunciato? E nessuno può essere sicuro che i missili lanciati su Taiwan «non atterreranno qui», dice. Ma rifiuta il sostegno all'ex presidente Ma Ying-jeou, che aveva spinto per un riavvicinamento con la Cina: «Nessuno ne ha beneficiato, tranne gli uomini d'affari filo-cinesi. E così Taiwan è scomparsa dalla scena mondiale».

L'attuale presidente Tsai Ing-wen è «sobria e concentrata sul mantenimento dello status quo», ha lodato la signora Yen. Ha detto che Taiwan ha «riconquistato una certa presenza nel mondo» combattendo la pandemia e aiutando altri Paesi.

«La visita di Pelosi ha avuto alcuni benefici e alcuni costi - riassume - e forse dietro ci sono motivazioni complesse. Ma è ovvio che Taiwan abbia ottenuto un'attenzione inimmaginabile da parte dei media di tutto il mondo. E per una volta non per i semiconduttori, ma mostrando come il popolo taiwanese stia lottando per la democrazia, la libertà, i diritti umani. E quanto noi vogliamo proteggerli».

Potenziamento internazionale

Pertanto, molti taiwanesi accolgono con favore l'aggiornamento internazionale e la battuta d'arresto dei tentativi di Pechino di isolare il Paese dal mondo.

Il capo dell'Istituto di ricerca sull'opinione pubblica di Taiwan (TPOF), You Ying-lung, ha dichiarato: «Anche se la Cina si oppone fortemente e haa boicottato la visita di Pelosi, la stragrande maggioranza dei taiwanesi è favorevole alla sua visita e non recederebbe da questa posizione a causa delle pressioni di Pechino».

«Non c'è mai stata tranquillità intorno a Taiwan e la Cina l'ha sempre minacciata, quindi ci siamo abituati, ma il risultato di questo incidente è che la maggior parte dei taiwanesi si sente più fiduciosa e unita», afferma il sondaggista. «È possibile che i taiwanesi siano davvero immuni alle esercitazioni militari cinesi?», chiede poi sornione su Facebook e fornisce subito la risposta: «Il motivo è che abbiamo fatto molte iniezioni di questo tipo, quindi siamo vaccinati».