Kiev indignata dalle richieste

L'Ucraina dovrebbe davvero cedere il suo territorio alla Russia?

Di Philipp Dahm

27.5.2022

Ukrainian President Volodymyr Zelensky addresses by videolink the opening plenary session during the 51st annual meeting of the World Economic Forum, WEF, in Davos, Switzerland, on Monday, May 23, 2022. The forum has been postponed due to the Covid-19 outbreak and was rescheduled to early summer. The meeting brings together entrepreneurs, scientists, corporate and political leaders in Davos under the topic
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è rivolto in videoconferenza alla sessione plenaria di apertura durante il 51° incontro annuale del World Economic Forum (WEF) a Davos, lunedì 23 maggio 2022.
KEYSTONE/Gian Ehrenzeller

La politica mondiale discussa al WEF: a Davos è stato innanzitutto Henry Kissinger a chiedere delle concessioni territoriali di Kiev, e prontamente Volodymyr Zelensky ha ribattuto. Ma la domanda è: può esserci una pace senza che Putin ottenga nulla?

Di Philipp Dahm

27.5.2022

Henry Kissinger può avere 98 anni, ma l'ex segretario di Stato statunitense e consigliere per la sicurezza nazionale di Richard Nixon e Gerald Ford è ancora un peso massimo della politica e un ospite gradito. Non c'è da stupirsi che il diplomatico di origine tedesca sia stato invitato al WEF di Davos.

Kissinger ha avvertito il pubblico svizzero del WEF tramite un video che la guerra in Ucraina potrebbe cambiare in modo permanente l'ordine globale. La Russia ha svolto un ruolo importante nel continente per 400 anni, che l'Europa non deve dimenticare.

Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy, addresses by videolink the opening plenary session during the 51st annual meeting of the World Economic Forum, WEF, in Davos, Switzerland, on Monday, May 23, 2022. The forum has been postponed due to the Covid-19 outbreak and was rescheduled to early summer. The meeting brings together entrepreneurs, scientists, corporate and political leaders in Davos under the topic
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si rivolge per la prima volta al pubblico del WEF a Davos il 23 maggio 2022.
KEYSTONE/Laurent Gillieron

«I negoziati di pace devono iniziare nelle prossime due settimane», ritiene Kissinger. In caso contrario, ci saranno seri «sconvolgimenti e tensioni». I partiti dovrebbero ripristinare lo status quo, ritiene Kissinger. «Se si dovesse portare la guerra oltre questo punto, non riguarderebbe più la libertà dell'Ucraina, ma una nuova guerra contro la stessa Russia».

E Kissinger non è il solo ad essere di questo avviso. Soprattutto da quando il «New York Times» ha pubblicato un articolo il 19 maggio in cui chiedeva delle concessioni territoriali dall'Ucraina per porre fine alla guerra, gli osservatori occidentali si sono chiesti come procedere: il conflitto può finire, se Kiev vuole ripristinare i confini come erano prima del 2014?

Il 44enne spiega anche perché è scettico sugli attuali negoziati con la Russia: Mosca deve prima ritirare le sue truppe nelle posizioni pre-24 febbraio prima di poter incontrare Vladimir Putin. Zelensky rimane fedele alla sua linea: dallo scoppio della guerra ha ripetutamente rifiutato di cedere la terra ucraina.

Un recente sondaggio suggerisce che il presidente può contare sul fatto che la popolazione condivide la sua posizione: l'82% degli intervistati, come Zelensky, rifiuta la cessione dei territori ucraini alla Russia, anche se ciò significa prolungare la guerra. Un atteggiamento che si adatta alla volontà incondizionata di resistere fino ad ora dimostrata.

Gli «allarmisti di Davos»

La sola idea di cedere una parte del territorio alla Russia è un affronto per la maggior parte degli ucraini, che preferiscono vedere i propri compatrioti morire in trincea per fermare l'avanzata di Mosca verso ovest. D'altra parte, alcuni ucraini vorrebbero cedere la terra ucraina a Putin per non irritarlo e avere finalmente la pace.

Kissinger e gli «allarmisti di Davos» non sarebbero stati ascoltati dal popolo, ha poi twittato il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak: gli ucraini sono «un po' impegnati a difendere la libertà e la democrazia», ha asserito il 50enne. Podolyak, che è stato il principale negoziatore nei precedenti colloqui di pace con la Russia, oltre alle polemiche presenta però anche un'argomentazione.

Se l'Ucraina rinunciasse alla propria terra, secondo Podolyak sia la Polonia che la Lituania sarebbero le prossime. Anche se trattata in modo superficiale, la domanda è però legittima: quando mai nella Storia le concessioni territoriali hanno portato gli aggressori a moderarsi?

L'«annessione» dei Sudeti e dell'Austria da parte della Germania nazista nel 1938 ne è un oscuro ammonimento.