L'Italia dopo il voto

Può Meloni governare abbastanza a lungo da danneggiare l'UE?

Di Andreas Fischer

26.9.2022

L'estremista di destra Giorgia Meloni potrebbe governare l'Italia a maggioranza assoluta.
L'estremista di destra Giorgia Meloni potrebbe governare l'Italia a maggioranza assoluta.
KEYSTONE/EPA/ETTORE FERRARI

L'estremista di destra Giorgia Meloni potrebbe governare l'Italia con la maggioranza assoluta. Potrebbe, ma per fare ciò due imprevedibili rivali dovrebbero agire d'accordo con lei. Queste non sono le migliori prospettive per l'Europa.

Di Andreas Fischer

26.9.2022

Disprezza la Germania, ammira l'Ungheria – è quindi in rotta di collisione con l'UE. Dopo la vittoria alle elezioni parlamentari italiane, Giorgia Meloni, capo del partito di destra Fratelli d'Italia (FDI), molto probabilmente diventerà il nuovo capo del governo italiano.

Chi in Europa è politicamente per il faccia a faccia con l'UE, ha festeggiato il risultato delle elezioni italiane. I governi di Polonia e Ungheria – «Bravo, Giorgia! Una vittoria più che meritata», ha scritto lunedì il primo ministro ungherese Viktor Orban sulla sua pagina Facebook – hanno inviato i migliori auguri e da molti partiti populisti di destra da tutta Europa sono arrivate le congratulazioni.

Dopo i sondaggi, la sua vittoria elettorale non è stata una sorpresa, ma cosa possiamo davvero aspettarci dalla Meloni? Attuerà costantemente la sua agenda? O sarà inevitabilmente raggiunta dal pragmatismo politico?

Quanto possono diventare pericolose Giorgia Meloni e la sua alleanza di destra per l'Europa?

A Bruxelles l'agitazione dopo le elezioni in Italia è grande. I principali eurodeputati mettono in guardia da un governo guidato dalla politica romana. «Giorgia Meloni sarà un Primo Ministro i cui modelli politici sono Viktor Orban e Donald Trump», ipotizza la socialdemocratica tedesca Katharina Barley, vicepresidente del Parlamento europeo.

Le sue apparizioni in campagna elettorale non sono state altro che «una mera dichiarazione d'intenti tattica della campagna elettorale per l'Europa», afferma Barley, che vede nella presunta capa del governo italiano «un pericolo per una cooperazione costruttiva in Europa». Con Meloni, gli autocrati avrebbero «un lobbista a mettere i bastoni tra le ruote ai lavori dell'UE».

Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d'Italia, fino a poco tempo fa apertamente fascista, potrebbe diventare il nuovo primo ministro italiano.
Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d'Italia, fino a poco tempo fa apertamente fascista, potrebbe diventare il nuovo primo ministro italiano.
KEYSTONE/EPA/ANGELO CARCONI

Quindi l'Europa è agli sgoccioli dopo la vittoria elettorale dell'alleanza di destra in Italia?

La cooperazione tra l'Italia e l'UE sta decisamente diventando più difficile. Ma Meloni non rappresenta una minaccia per la stabilità, afferma il politologo Andrea Ungari dell'Università Luiss di Roma.

«L'Italia ha il suo posto in Europa. Quando si parla dall'opposizione è diverso da quando si siede a un tavolo con tutti i capi di Stato e di governo dell'UE», ha detto Ungari.

Un governo Meloni durerà abbastanza a lungo da mettere in pericolo l'Europa?

In Italia, i governi tendono ad avere una vita breve, in media poco più di un anno. Dalla sua fondazione nel 1946, la Repubblica ha avuto un totale di 67 governi con meno di 30 primi ministri. I partner della coalizione a volte cambiano schieramento durante una legislatura. Oppure le persone al vertice di un governo devono essere sostituite affinché un'alleanza possa continuare.

Dopo le ultime elezioni regolari del 2018, in Italia ci sono stati tre governi, tutti falliti. Pochi mesi fa, Mario Draghi, che è particolarmente apprezzato all'estero, ha rassegnato le dimissioni, il che ha reso necessarie le elezioni.

L'alleanza di destra di FDI, Lega e Forza Italia (FI) è un'alleanza di convenienza composta da tre partiti, con obiettivi diversi. Per la Meloni, nonostante la netta vittoria elettorale, sarà una sfida non indifferente formare un governo stabile, tanto più che ha in Silvio Berlusconi e Matteo Salvini due partner «consapevoli della missione» nel governo.

Entrambi i politici si battono per degli incarichi che Meloni in realtà non gli vuole attribuire: Salvini vorrebbe tornare a essere ministro dell'interno e Berlusconi vorrebbe essere presidente del Senato. Ma Salvini è malconcio e imprevedibile dopo i pessimi risultati elettorali della sua Lega. Non si può fare nemmeno affidamento su Berlusconi, che domenica ha ammesso di avere «un po' paura» della Meloni.

È difficile dire esattamente cosa stiano combinando i due potenti uomini. Quindi non è affatto certo che Meloni diventerà presidente del Consiglio.

Giorgia Meloni ha ottenuto il maggior numero di voti alle elezioni con Fratelli d'Italia, ma dovrebbe fare affidamento su due partner di coalizione per formare un governo che vorrebbe perseguire la propria agenda: il boss della Lega Matteo Salvini (a sinistra) e l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Giorgia Meloni ha ottenuto il maggior numero di voti alle elezioni con Fratelli d'Italia, ma dovrebbe fare affidamento su due partner di coalizione per formare un governo che vorrebbe perseguire la propria agenda: il boss della Lega Matteo Salvini (a sinistra) e l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
KEYSTONE/AP Photo/Gregorio Borgia

Cosa significa il risultato per la coesione europea contro Putin?

La stessa Meloni ha preso un chiaro impegno per un percorso filo-occidentale durante la campagna elettorale e intende continuare a sostenere l'Ucraina. I suoi partner di coalizione, invece, l'ex presidente del Consiglio Berlusconi e il populista di destra Salvini, mantengono da anni stretti legami con la Russia e anche con lo stesso Vladimir Putin.

Salvini, ad esempio, che è stato spesso fotografato con indosso una maglia da tifoso di Putin, dubita pubblicamente dell'efficacia delle sanzioni contro la Russia e incolpa l'UE per il drammatico aumento dei costi energetici. Berlusconi, d'altra parte, ha recentemente spiegato in un talk show che il suo «vecchio amico Putin» in realtà vuole solo sostituire il governo ucraino con «persone perbene».

Dichiarazioni di questo tipo provocano naturalmente disordini in Europa, che sta già lottando sempre più per l'unità dalla parte di Kiev nella guerra di aggressione russa contro l'Ucraina. Non si può biasimare gli ucraini per la preoccupazione che il fronte europeo, precedentemente ampiamente unito, si stia sgretolando.

Come sta reagendo il mondo della finanza ai risultati elettorali in Italia?

Durante la campagna elettorale, la coalizione di destra ha presentato proposte enormemente costose per far fronte alle conseguenze della crisi energetica e dell'inflazione. Ciò include massicci tagli alle tasse: senza alcuna spiegazione su come verranno finanziati.

Tuttavia, la vittoria elettorale della schiera di destra non ha avuto effetti negativi sulla borsa di Milano. Al contrario: lunedì mattina l'indice FTSE MIB è salito dello 0,93%. La borsa italiana ha così registrato il maggior incremento delle sedi di negoziazione europee, tutte anch'esse in rialzo.

In un'intervista allo «Spiegel», l'economista Jörg Krämer spiega che gli investitori conoscevano i sondaggi e hanno avuto abbastanza tempo per prepararsi alla vittoria dei partiti di destra: «Sono consapevoli dei rischi politici posti dalla nuova coalizione di destra». Ad esempio, che potrebbero accollarsi nuovi debiti «per distribuire denaro che l'Italia in realtà non ha».

L'esperto di finanza ritiene credibile l'impegno di Meloni per l'Europa e l'euro: «I politici italiani conoscono i vantaggi finanziari e non li metteranno a rischio». Solo nel 2022, il Paese ha ricevuto 40 miliardi di euro dal fondo per il Covid dell'UE.

Redatto con materiale d'agenzia.