Uno dei più potenti in Russia

Yevgeny Prigozhin potrebbe diventare un pericolo per Putin?

tjnj

29.11.2022

Yevgeny Prigozhin, confidente di Putin e fondatore del famigerato gruppo mercenario Wagner, starebbe progettando di lanciare un proprio partito. (immagine d'archivio)
Yevgeny Prigozhin, confidente di Putin e fondatore del famigerato gruppo mercenario Wagner, starebbe progettando di lanciare un proprio partito. (immagine d'archivio)
KEYSTONE/AP Photo/Misha Japaridze, Pool, File

L'influente imprenditore russo Yevgeny Prigozhin, stando a diversi media, ha intenzione di fondare un proprio partito. Questo potrebbe allentare la pressione su Putin, ma anche diventare pericoloso per lui.

tjnj

29.11.2022

I tempi in cui in Russia Yevgeny Prigozhin agiva nell'ombra sembrano essere definitivamente finiti. Da settimane, il confidente di Putin fa notizia e si esprime regolarmente. Ad esempio, ha confessato di aver fondato il brutale gruppo mercenario Wagner e di aver influenzato le elezioni statunitensi.

Il giornale critico del Cremlino «Meduza», che opera dall'esilio in Lettonia, riferisce quale potrebbe essere il prossimo passo dell'influente imprenditore. Starebbe progettando di fondare un proprio partito populista.

Questo potrebbe dare l'impressione che Prigozhin si stia preparando a sfidare il potere di Vladimir Putin, ma, almeno a breve termine, non è così.

Un nuovo partito per proteggere Putin?

Questo perché nel sistema russo i partiti non hanno un ruolo fondamentale come in Occidente e lo stesso leader del Cremlino, nel corso degli anni, è passato per diversi di essi. Le personalità politiche sono più importanti delle organizzazioni.

In realtà, è più probabile che un partito di Prigozhin serva inizialmente a proteggere il presidente russo dalle critiche. Infatti, per deviare la frustrazione della popolazione riguardo alla campagna in Ucraina, che non sta andando bene, viene alimentata la narrativa secondo cui l'élite russa corrotta sia responsabili di tutte le disgrazie.

L'«élite» come capro espiatorio

A ottobre Prigozhin aveva criticato questa «élite» per non aver mandato i propri figli al fronte in Ucraina. Dopo che di recente è emerso il video della brutale esecuzione di un mercenario Wagner disertore, il confidente di Putin ha usato la sua dichiarazione per prendere nuovamente posizione contro questa categoria.

«Sono traditori che abbandonano le loro mitragliatrici e disertano, deludendo il loro stesso popolo e la loro patria», ha detto. «Ma non sono gli unici: alcuni traditori siedono tranquillamente nei loro uffici e non sprecano un pensiero per la loro gente». 

Yevgeny Prigozhin è uno degli uomini più potenti della Russia. (immagine d'archivio)
Yevgeny Prigozhin è uno degli uomini più potenti della Russia. (immagine d'archivio)
KEYSTONE/Sergei Ilnitsky/Pool Photo via AP, File

Quindi, se Vladimir Putin dovesse unire le forze con un eventuale partito di Prigozhin, potrebbe dichiarare di aver fatto tabula rasa di questa «élite» che starebbe commettendo un tradimento nei confronti del popolo.

Un'insolita fonte di ispirazione

È strano che una delle fonti citate da «Meduza» rimandi al fatto che questa mossa sarebbe stata ispirata dal critico del Cremlino in prigione Alexei Navalny. Quest'ultimo ha denunciato con regolarità la corruzione dei burocrati russi. Prigozhin ora vuole adattare questo approccio alla prospettiva del Cremlino.

A lungo termine, tuttavia, per Putin un partito populista come quello di Prigozhin potrebbe diventare molto pericoloso. Il profilo politico dell'imprenditore e mercenario continuerebbe a crescere.

Se la reputazione di Putin dovesse crollare al punto da renderlo vulnerabile, Prigozhin sarebbe nella posizione migliore per sostituirlo. Ha dimostrato abbastanza spesso in passato di essere un uomo con pochi scrupoli.