Afghanistan

Chi sono i più potenti leader dei talebani?

Di Lukas Meyer

18.8.2021

Il mullah Abdul Ghani Baradar (al centro) con i membri della delegazione talebana alla conferenza di pace a Mosca.
Il mullah Abdul Ghani Baradar (al centro) con i membri della delegazione talebana alla conferenza di pace a Mosca.
KEYSTONE

I talebani sono tornati al potere in Afghanistan. Chi sono i leader degli islamisti militanti? Come sono organizzati?

Di Lukas Meyer

18.8.2021

I talebani sono tornati. Hanno già governato l'Afghanistan dal 1996 al 2001, e ora vogliono stabilire il secondo emirato islamico.

La struttura

I talebani controllano alcune zone dell'Afghanistan da molto tempo e hanno organizzato delle strutture. Un Consiglio di leadership intorno al capo talebano, il suo vice e circa altre due dozzine di persone prendono le decisioni importanti.

Inoltre, ci sono varie commissioni per i singoli Dipartimenti che funzionano come Ministeri ombra. Negli ultimi anni poi hanno imparato a fare propaganda. Due portavoce sono pure in contatto con i media occidentali, e hanno i loro team che si occupano di gestire le informazioni durante i combattimenti. Hanno lo scopo di dimostrare che i talebani sono a favore della legge e dell'ordine e non vogliono vendicarsi.

Negli ultimi 20 anni, i talebani hanno pianificato la loro riconquista dal proprio esilio in Pakistan. Per molto tempo si sono autofinanziati coltivando i papaveri da cui si estrae l'oppio. Nel frattempo, secondo le stime della NATO, possono contare su 85.000 combattenti, senza dimenticare che ne guadagnano ogni giorno di più. 

I capi dei talebani

Molti leader talebani sono diventati clandestini dopo l'intervento degli Stati Uniti nel 2001. Ecco perché si sa molto poco della maggior parte di loro, spesso non ci sono nemmeno delle fotografie. Negli ultimi anni, sono emersi alcuni rappresentanti politici che hanno negoziato con Washington e col governo di Kabul.

Hibatullah Akhundzada è il leader dei talebani dal 2016. È succeduto al mullah Mansur, ucciso in un attacco di droni statunitensi. Come «capo supremo dei fedeli», Akhundzada ha l'ultima parola in materia politica, religiosa e militare. Se, come si sospetta, i talebani proclameranno un emirato, lui sarebbe automaticamente l'uomo di punta dello Stato. 

Hibatullah Akhundzada
Hibatullah Akhundzada
KEYSTONE

Il 60enne prima era un predicatore e insegnante di religione nella città pakistana di Kuchlak. Durante il primo emirato, era il giudice capo dei talebani o il capo dei tribunali, a seconda della fonte. Era uno stretto confidente del Mullah Omar ed è considerato un integralista.

Sirajuddin Haqqani è uno dei tre vice di Akhundzada ed è responsabile delle risorse finanziarie e militari dei talebani in Pakistan. Ha circa 40 anni e dirige la rete Haqqani, fondata da suo padre, il defunto mujahid Jalaluddin Haqqani. Gli Stati Uniti classificano la rete come un'organizzazione terroristica e hanno messo una taglia a sette cifre sulla testa di Haqqani.

Il mullah Mohammad Yaqoob è il figlio maggiore del leggendario fondatore mullah Mohammad Omar, che è morto di malattia nel 2013. È anche il vice di Akhundzada ed è responsabile delle milizie e delle operazioni militari. È considerato la mente dell'attuale campagna dei Talebani, il cui successo dovrebbe dargli ulteriore potere.

Avrebbe dovuto assumere la leadership dei talebani già nel 2016, ma poi ha proposto Akhundzada perché si considerava troppo giovane e inesperto.

Il mullah Akhtar Mohammad Mansur (a sinistra) ha preso il posto del mullah Omar (a destra) nel 2013.
Il mullah Akhtar Mohammad Mansur (a sinistra) ha preso il posto del mullah Omar (a destra) nel 2013.
KEYSTONE

Il mullah Abdul Ghani Baradar è un membro fondatore dei talebani ed è stato a lungo il vice del mullah Omar. È stato catturato in Pakistan nel 2010, ma rilasciato nel 2018 sotto la pressione degli Stati Uniti perché lo consideravano un negoziatore moderato. Dirige l'ufficio politico dei talebani ed è anche un vice di Akhundzada. 

Ha negoziato a Doha l'accordo con gli Stati Uniti sulla fine della missione militare in Afghanistan, ha incontrato più volte il segretario di Stato Mike Pompeo e ha anche parlato con Donald Trump.

Martedì è rientrato in Afghanistan con una delegazione per discutere con gli altri leader del nuovo governo.

Il mullah Abdul Ghani Baradar (a destra) e Zalmay Khalilzad, inviato USA, dopo la firma di un accordo di pace tra i talebani e gli USA a Doha nel febbraio 2020.
Il mullah Abdul Ghani Baradar (a destra) e Zalmay Khalilzad, inviato diplomatico statunitense, dopo la firma di un accordo di pace tra i talebani e gli Stati Uniti a Doha nel febbraio 2020.
KEYSTONE

Sher Mohammad Abbas Stanikzai ha fatto parte del governo negli anni '90 e vive a Doha da dieci anni, dove è stato il capo dell'ufficio politico che assicura la rappresentanza internazionale dei talebani dal 2015. Ha partecipato ai vari negoziati.

L'inviato dalla Russia in Afghanistan, Zamir Kabulov, parla con Baradar (terzo da sinistra) e Stanikzai (terzo da destra).
L'inviato dalla Russia in Afghanistan, Zamir Kabulov, parla con Baradar (terzo da sinistra) e Stanikzai (terzo da destra).
KEYSTONE

Infine, il mullah Abdul Hakim Haqqani è il capo negoziatore dei talebani. È anche a capo degli organi legali dei Talebani e del Consiglio degli studiosi religiosi. È considerato uno stretto confidente di Akhundzada.