«La sola cosa da fare è mettere in sicurezza l'aeroporto di Kabul»

Di Uz Rieger

18.8.2021

Centinaia di afgani 8si dice almeno 650) sono ammassati su un aereo che potrebbe portare meno di 200 passeggeri, trasporto statunitense C-17 il 15 agosto 2021. L'aeronautica è volata via da Kabul.
Centinaia di afghani (si dice almeno 650) sono ammassati su un aereo che potrebbe portare meno di 200 passeggeri, trasporto statunitense C-17 il 15 agosto 2021. L'aeronautica è volata via da Kabul.
KEYSTONE

La rapida marcia trionfale dei talebani in Afghanistan ha colto gli Stati Uniti e i loro alleati di sorpresa. Niklas Masuhr, ricercatore sui conflitti e la sicurezza con sede a Zurigo, rivela le cause e spiega cosa potrebbe significare per l'Afghanistan e l'Occidente.

Di Uz Rieger

18.8.2021

I talebani hanno raggiunto Kabul molto più velocemente del previsto. Scene drammatiche si sono viste all'aeroporto della città, da dove migliaia di persone hanno cercato di fuggire con gli aerei.

La rapida marcia trionfale dei talebani è stata preceduta dal ritiro ufficiale delle truppe internazionali dal paese dal 1° maggio. In un discorso televisivo in aprile, il presidente statunitense Joe Biden ha giustificato il ritiro dicendo che l'esercito afghano - in cui gli Stati Uniti avevano investito più di 80 miliardi di dollari - era ben preparato. Aveva 300.000 soldati che erano stati accuratamente addestrati con l'aiuto occidentale.

Biden ha anche detto che s'aspettava che i soldati afghani combattessero coraggiosamente contro i talebani. E ancora il mese scorso, il presidente degli Stati Uniti riteneva impossibile che i talebani potessero prendere il controllo dell'Afghanistan. Ora, in pochissimo tempo, è successo il contrario: gli islamisti radicali hanno preso il controllo del Paese e l'Occidente si trova di fronte a un disastro con la sua strategia.

Niklas Masuhr
Niklas Masuhr
zVg

L'esperto di conflitti e sicurezza Niklas Masuhr conduce ricerche presso il Center for Security Studies dell'ETH di Zurigo.

«blue News» ha chiesto all'esperto di conflitti e politica di sicurezza Niklas Masuhr del Centro per gli studi sulla sicurezza del Politecnico di Zurigo come è potuto avvenire il fiasco militare in Afghanistan e cosa significa per il paese e i suoi sostenitori occidentali.

Signor Masuhr, la rapida avanzata dei talebani è sorprendente. Come si è arrivati a questo?

L'accelerazione dell'avanzata dei talebani è iniziata già a maggio, ma le forze di sicurezza afghane avevano già subito enormi perdite dal 2014, quando la NATO ha terminato le operazioni di combattimento. Le avanzate a cui stiamo assistendo da luglio sono l'offensiva finale dei talebani, che era già stata annunciata.

I combattenti talebani siedono in una stanza del palazzo presidenziale a Kabul il 15 agosto 2021.
I combattenti talebani siedono in una stanza del palazzo presidenziale a Kabul il 15 agosto 2021.
KEYSTONE

Quali sono le ragioni di questo rapido progresso?

Le forze armate afghane, dopo molti anni di combattimenti, sono sorpassate dagli eventi. Anche le forze speciali del Corpo di comando, che erano ancora in grado di condurre operazioni offensive, sono riuscite a fermare i talebani solo localmente, ma sono gravemente indebolite. Allo stesso tempo, dopo che il presidente statunitense Biden ha ordinato il ritiro definitivo in aprile, il sostegno a stelle e strisce è stato ridimensionato, per esempio nella manutenzione di aerei ed elicotteri. Il che ha contribuito in modo decisivo all'incapacità delle forze armate afghane di agire.

Oltre a questo, l'esercito afghano ha chiaramente avuto problemi strutturali di corruzione e anche di coesione, che ora stanno venendo alla luce.

I soldati statunitensi hanno messo in sicurezza la pista dell'aeroporto di Kabul il 16 agosto 2021.
I soldati statunitensi hanno messo in sicurezza la pista dell'aeroporto di Kabul il 16 agosto 2021.
KEYSTONE

Quali sono le opzioni attuali per la NATO e i suoi paesi partner in Afghanistan?

Al momento, possono solo mettere in sicurezza l'aeroporto di Kabul ed effettuare viaggi per sfollare le persone. Poiché, apparentemente, non si aspettavano che i talebani avanzassero così rapidamente, hanno rinunciato all'iniziativa. Sarà possibile ritirare solo il proprio personale. Molti dei lavoratori locali che probabilmente avrebbero potuto essere portati via se la situazione fosse stata valutata e pianificata meglio, probabilmente ora non possono più essere portati al sicuro.

Chi beneficerà ora del cambio di potere e dell'indebolimento dell'Occidente nella regione?

Questo è difficile da dire. A prima vista, si potrebbe dire Pakistan, Cina e Russia. Ma si può solo speculare. Come si svilupperanno le cose a Kabul potrà essere valutato solo quando sarà chiaro chi formerà il governo.

I talebani hanno qualche alleato «naturale»?

Come si può vedere dalle dichiarazioni corrispondenti di Cina e Russia, entrambi gli Stati sembra vogliano venire a patti con i talebani. A prima vista, si potrebbe pensare: «L'Afghanistan ha risorse minerarie, la Cina ha soldi e fa investimenti in infrastrutture globali, è una partnership naturale». Nel dettaglio, però, è certamente più complicato. Pechino teme la possibile influenza radicalizzante dei talebani sugli uiguri in Cina.

Cosa devono imparare gli Stati Uniti e i loro alleati dal fiasco in Afghanistan?

Penso, in primo luogo, che non ci sarà più nulla di simile alla missione in Afghanistan nel prossimo futuro, vale a dire operazioni e interventi di stabilizzazione su larga scala. In futuro, si cercherà di limitare il più possibile tali missioni.

Inoltre, negli ultimi vent'anni sono stati commessi molti errori che hanno portato all'escalation della situazione in modo tale che l'iniziativa è stata data per spacciata. Per quanto riguarda la situazione attuale, un errore centrale è probabilmente la valutazione troppo ottimistica dello stato dell'esercito afghano. E anche una lezione diretta agli Stati Uniti e ai suoi alleati: se volete condurre un conflitto in cui l'enfasi principale è sulle spalle dei partner locali, allora dovete anche assicurarvi che siano in grado di farlo. Le forze armate afghane ovviamente non lo erano, anche perché forse non sono state adeguatamente addestrate dalle truppe occidentali.

Perché l'esercito afghano non ha resistito ai talebani?

Uno dei motivi è l'alto tasso di logoramento degli ultimi anni. Non è che i combattimenti siano iniziati solo quest'anno. Anche quando c'erano dei cessate il fuoco ufficiali, i combattimenti non si fermavano mai.

Anche la geografia gioca certamente un ruolo. Dopo il 2014, le truppe afgane hanno spesso preso il controllo delle basi operative della NATO e degli Stati Uniti, ma sono state poi geograficamente isolate, soprattutto senza il supporto logistico su larga scala, come gli elicotteri, che avrebbe potuto fornire loro. Questo significa che molte di queste basi sono state facilmente tagliate. I talebani sono stati quindi in grado di negoziare rese locali in molti luoghi.

Inoltre, i due pilastri militari del governo di Kabul, il corpo di comando e l'aviazione, non hanno più potuto dare sostegno a causa della loro usura e perché gli Stati Uniti quest'anno hanno ritirato il loro personale di supporto.

E le affiliazioni tribali e le fedeltà regionali all'interno dell'esercito hanno anche qualcosa a che fare con questo?

Questo è uno degli argomenti più frequentemente menzionati, ossia che l'affiliazione allo Stato dell'Afghanistan e al governo di Kabul è molto artificiale. E questo avrà certamente giocato un ruolo, ma non spiega tutto. I talebani non sono un attore unificato che coordina tutto a livello centrale, ma piuttosto una coalizione.

L'avanzamento è sicuramente pianificato, ma non sono strutturati fino al livello più basso. Allo stesso tempo, le forze armate e la polizia afghane hanno anche sofferto del fatto che la corruzione sistematica ha portato molte unità a non essere pagate, il che non ha certo contribuito a rafforzare la lealtà.

Cosa possono aspettarsi ora i soldati dell'esercito afghano?

Al momento, si può solo speculare su come la presa del potere da parte dei talebani influenzerà i singoli gruppi. Per quanto riguarda le forze di sicurezza, tuttavia, abbiamo visto negli ultimi anni e mesi che i talebani hanno, per esempio, giustiziato prigionieri del corpo di comando e assassinato piloti dell'aviazione afghana. In altre parole, hanno deliberatamente cercato di attaccare psicologicamente i pilastri militari di Kabul. Quindi ci può essere una differenza tra il fante dell'esercito o il poliziotto nelle campagne e i membri delle forze di sicurezza che erano più strettamente legati allo Stato afghano, o alle truppe occidentali.

Quanto i talebani vogliano vendicarsi e di chi, è una questione aperta, ma hanno certamente dimostrato di poter essere molto brutali. Per non parlare dei membri della società civile afghana, che ha potuto formarsi negli ultimi venti anni.

Cosa ha portato Biden a credere che l'esercito dell'Afghanistan potesse proteggere il Paese?

Per prima cosa, i comandanti statunitensi possono aver sopravvalutato la capacità di combattimento delle forze armate e delle forze di sicurezza afghane negli ultimi anni. Dal 2014 in poi, la strategia è stata: la NATO e gli Stati Uniti si ritirano dai combattimenti e il campo viene consegnato agli afghani. Per coloro che erano in carica sul terreno, c'erano incentivi a ritrarre le forze di sicurezza afghane come più capaci di quanto non fossero in realtà. Ed è possibile che, soprattutto negli ultimi mesi, abbiano fatto affidamento su previsioni di intelligence troppo ottimistiche.

Quali errori hanno commesso gli Stati della NATO e i loro partner nei confronti dell'esercito afghano?

A quanto pare non si sono resi conto abbastanza chiaramente che le forze di sicurezza afghane erano ancora troppo dipendenti dal sostegno degli Stati Uniti fino alla fine e non sono mai state in grado di gestire le cose, ad esempio, senza il personale di manutenzione e l'aviazione statunitensi. L'amministrazione Biden sta ora scaricando la responsabilità del crollo su Kabul, ma questa è ovviamente solo una mezza verità, perché a Washington hanno chiaramente sbagliato i calcoli e accelerato questo crollo attraverso il loro stesso rapido ritiro.

Cosa avrebbe dovuto fare l'Occidente per ultimo per stabilizzare l'esercito afghano?

Qui non si può semplicemente identificare un punto di svolta in cui l'Occidente o gli Stati Uniti avrebbero potuto giungere a una conclusione diversa. Il ritiro è iniziato nel 2014 sotto Obama, è continuato sotto Trump e in realtà ci stiamo dirigendo verso questo punto da sei o sette anni. Ciò che si sarebbe potuto e dovuto fare diversamente in ogni caso - non necessariamente dal punto di vista strategico, ma operativo - è il ritiro finale.

Il ritiro sarebbe avvenuto in ogni caso, ma probabilmente sarebbe stato possibile sfollare un numero di forze locali significativamente maggiore di quello che si sta facendo ora e, inoltre, il danno politico alla credibilità sarebbe stato certamente minore se il tutto fosse stato fatto in modo più ordinato. Politicamente, non sarebbe stato certo facile aumentare il numero delle truppe negli ultimi metri, dal punto di vista degli Stati Uniti, come si sarebbe dovuto fare, ma la catastrofe umanitaria che si sta profilando a Kabul avrebbe potuto almeno essere attutita.