Ucraina

Kiev: «Mosca cancella Severodonetsk da faccia della Terra»

SDA

25.5.2022 - 09:55

Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy attends a news conference with Polish President Andrzej Duda after their meeting in Kyiv, Ukraine, Sunday, May 22, 2022. (AP Photo/Efrem Lukatsky)
L'Ucraina tornerà ai colloqui con la Russia quando le truppe russe si ritireranno completamente, ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
KEYSTONE

«L'esercito russo ha deciso di distruggere completamente Severodonetsk.»

SDA

25.5.2022 - 09:55

«Stanno semplicemente cancellando Severodonetsk dalla faccia della Terra», ha detto in un video pubblicato su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale di Lugansk (est), Sergiy Gaidai, stando a quanto riporta il quotidiano britannico Guardian.

La città è sotto l'intenso fuoco di Mosca, che mira così a consolidare il controllo sulla provincia e avanzare ulteriormente verso est.

«La situazione è molto difficile e sfortunatamente sta solo peggiorando», ha proseguito Gaidai, descrivendo ciò che ha definito un''"offensiva su vasta scala in tutte le direzioni» con raid aerei e colpi di artiglieria.

Gaidai ha aggiunto che i 15'000 abitanti della città non sono riusciti a fuggire perché i bombardamenti sono troppo intensi.

Intanto, numerose esplosioni sono state udite questa mattina a Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina. Secondo quanto riporta il media on line ucraino in lingua inglese The Kyiv Independent, le sirene antiaeree hanno suonato intorno alle 3.20 ora locale (le 4.20 in Svizzera) e le esplosioni sono state segnalate dopo le 5.00 ora locale.

Zelensky: in Donbass situazione difficile

Il giornale in linea ucraino Ukrainska Pravda indica che il presidente Volodymir Zelensky in un discorso ieri sera giudica la situazione nel Donbass «estremamente difficile. Tutta la forza dell'esercito russo che ha ancora viene lanciata lì per attaccare. Lyman, Popasna, Severodonetsk, Slovyansk, gli occupanti vogliono distruggere tutto lì.

Ma nelle intercettazioni delle loro conversazioni, sentiamo che sono ben consapevoli che questa guerra non ha senso per la Russia e che strategicamente il loro esercito non ha alcuna possibilità. Ma ci vogliono tempo e molti sforzi straordinari del nostro popolo per rompere il loro vantaggio nella quantità di equipaggiamento e armi», ha affermato Zelensky.

Stando al Guardian, oggi parlando in un video messaggio del peggioramento della situazione nella regione del Donbass, Zelensky ha chiesto ai governi stranieri di continuare a fornire supporto militare sotto forma di armi ed equipaggiamenti perché questo è «il miglior investimento per mantenere la stabilità nel mondo».

Torniamo ai negoziati se russi si ritirano

L'Ucraina tornerà ai colloqui con la Russia quando le truppe russe si ritireranno completamente, ha affermato Zelensky in un'intervista al quotidiano giapponese NHK, come riferisce l'agenzia di stampa statale ucraina Ukrinform.

«Per ogni ucraino – afferma il presidente ucraino – la vittoria è il ritorno dei territori. Crediamo che la Crimea e il Donbass siano i nostri territori. Stiamo combattendo per noi stessi. Vorrei che arrivassimo almeno ai confini del 24 febbraio, e poi ci proponiamo di sederci nuovamente al tavolo dei negoziati e concordare la pace, la fine della guerra e il ritorno dei nostri territori».

Ricordati tre mesi di guerra

La capacità del paese di resistere alla Russia è stata una sorpresa e una fonte di ispirazione per il resto del mondo, ha inoltre detto Zelensky in un discorso video per ricordare che sono passati tre mesi dall'inizio della guerra.

«Dobbiamo sempre ricordare che siamo sopravvissuti a questi tre mesi grazie all'impresa di decine di migliaia di persone che hanno difeso lo Stato. E a costo di decine di migliaia di vite di uomini e donne ucraini uccisi dagli occupanti. Memoria eterna a tutti coloro che hanno dato la vita per l'Ucraina», ha affermato.

Almeno 22'000 morti a Mariupol

«Mariupol è ora una città di fantasmi», ha affermato all'emittente televisiva Cnn Petro Andriushchenko, consigliere del sindaco della città portuale ucraina. L'uomo, fuggito nel territorio ucraino, ha affermato che i funzionari del municipio di Mariupol ritengono che almeno 22'000 residenti della città siano stati uccisi durante i tre mesi di guerra.

Cnn precisa che tale bilancio non può essere supportato in modo indipendente, in quanto la stampa libera non è in grado di accedere alla città e quelli che sono ancora all'interno hanno troppa paura per parlare apertamente.

La cifra di 22'000 si basa, ha detto Andriushchenko, sui numerosi contatti che lui e altri funzionari del municipio continuano ad avere con funzionari intrappolati all'interno. Tuttavia il consigliere è convinto che la cifra reale delle vittime possa essere molto più alta.

Militari Azov sono «in condizioni soddisfacenti»

I militari del battaglione Azov, catturati quattro giorni fa dalle forze russe dopo l'assedio di tre mesi all'acciaieria Azovstal, sono detenuti in condizioni «soddisfacenti». Lo ha detto al Guardian Kateryna Prokopenko, moglie del comandante ucraino del reggimento Azov che ha guidato la difesa di Mariupol, Denys Prokopenko. Denys Prokopenko ha potuto chiamare brevemente la moglie. «Ha detto che stava 'bene' e mi ha chiesto come stavo», ha detto Kateryna Prokopenko al giornale. «Ho sentito da altre fonti che le condizioni sono più o meno soddisfacenti».

«Vengono nutriti, ricevono acqua. Le condizioni soddisfano i requisiti e non hanno subito violenze in questo breve periodo», ha dichiarato Prokopenko.

«Cosa accadrà in seguito, ovviamente, non lo sappiamo, ma al momento ci sono terze parti – l'Onu e la Croce Rossa – che stanno controllando la situazione».

La maggior parte dei combattenti di Azov feriti è detenuta in una prigione a Olenivka, un villaggio nella Donetsk occupata dai russi, ma un gruppo più piccolo di combattenti gravemente feriti si trova in un ospedale nella città di Novoazovsk, sempre nella Donetsk occupata dai russi. Prokopenko ha dichiarato che, a sua conoscenza, nessuno dei combattenti è stato portato in Russia.

SDA