Reclute nel mirino

Emmen: sono due i sottoufficiali in cella 

SwissTXT

23.10.2018 - 17:37

La giustizia militare ha aperto un incarto sui fatti di Emmen
Source: keystone

I sottufficiali in cella per il caso della recluta ticinese bersagliata dal lancio di sassi e noci alla scuola reclute di Emmen sono due: oltre a quello che ha ordinato l'azione, anche quello che ha ripreso la scena.

Le punizioni in questione -per inosservanza del regolamento- sono di cinque giorni e rispettivamente tre, agli arresti.

Il portavoce dell'esercito, Daniel Reist, ha dichiarato alla RSI che "I due sono in cella da lunedì, così da poter essere rilasciati per la fine della scuola reclute, sabato".

"L'inchiesta disciplinare è conclusa, mentre resta aperta quella condotta dalla giustizia militare", ha concluso Reist.

Ticino&Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

SwissTXT