Notizie regionali

Eritrea morta, il marito resta in cella

SwissTXT

6.10.2017 - 18:36

SwissTXT

Dovrà rimanere in cella almeno fino a dicembre il 35enne eritreo accusato di avere ucciso la compagna, gettandola dal balcone del loro appartamento di Bellinzona la sera del 3 luglio scorso. Lo ha deciso venerdì la giudice dei provvedimenti coercitivi Claudia Solcà. Il procuratore pubblico Moreno Capella aveva chiesto una proroga di tre mesi, la difesa la scarcerazione. Intanto sembra prendere corpo il movente della gelosia. È quanto emerge perlomeno dalle dichiarazioni che alcuni conoscenti della coppia hanno rilasciato agli inquirenti. L'uomo - hanno raccontato a verbale - credeva che lei avesse una relazione. Da qui il suo comportamento, molto possessivo.

Tornare alla home page

SwissTXT