Mottarone, un nuovo teste si presenta in procura con un audio del 2019

SDA

28.9.2021 - 14:37

Una fotografia del luogo del dramma scattata dal Copro Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico
Una fotografia del luogo del dramma scattata dal Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico
Copro Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico

C'è un nuovo testimone nell'inchiesta della procura di Verbania sulla sciagura del Mottarone. Si tratta, secondo quanto si è appreso, di un ex dipendente della funivia che il 7 giugno si è presentato spontaneamente agli inquirenti riferendo che già in passato aveva parlato di alcune «situazioni» sul funzionamento dell'impianto.

SDA

28.9.2021 - 14:37

Per corroborare il suo racconto, l'uomo aveva consegnato il file audio di una conversazione con due colleghi (uno dei quali è Gabriele Tadini, caposervizio, oggi l'unico indagato agli arresti domiciliari) risalente al 2019.

Oggi, nel corso dell'udienza davanti al Tribunale del riesame, il pm Olimpia Bossi, con una mossa a sorpresa, ne ha depositata una riproduzione su cd.

I difensori hanno chiesto di poter ascoltare il file nella sua interezza anche perché, sempre secondo quanto si è appreso, non è stata fatta una trascrizione completa del colloquio: esistono solo alcuni stralci contenuti in un brogliaccio messo a punto della polizia giudiziaria. I giudici si sono detti d'accordo e hanno aggiornato l'udienza a domani.

SDA