Truffa aggravata

Lauree farlocche a processo

SwissTXT

30.10.2018 - 16:10

Ti-Press

Si è aperto martedì a Lugano il processo ai due responsabili della IPUS, che proponevano lauree senza nessun valore.

I due, un 60enne e una 48enne, sono accusati di aver raggirato centinaia di ragazzi, utilizzando le rette per scopi personali. Avrebbero sottratto dalle casse della scuola quasi 1 milione di franchi in tre anni, secondo la procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti.

In aula il principale imputato si è definito innocente, respingendo le accuse che vanno dalla ripetuta truffa aggravata alla ripetuta amministrazione infedele qualificata.

La donna ha invece ammesso la ripetuta cattiva gestione e la mancata contabilità; giustificandosi con la semplice negligenza.

Ticino & Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

SwissTXT