OCST contro No Billag

SwissTXT

31.1.2018 - 15:03

Sul testo si voterà il prossimo 4 marzo
SwissTXT

L'Organizzazione Cristiano Sociale ticinese (OCST) si schiera contro l'iniziativa No Billag, in votazione il prossimo 4 marzo che, se approvata, porterebbe alla chiusura della RSI.

"Proponendo di abolirne la principale fonte di finanziamento, l'iniziativa non fa altro che mettere in discussione l'esistenza e la funzione del servizio pubblico radiotelevisivo. I numeri sono chiari, dato che la perdita del 75 per cento delle entrate sarebbe difficilmente compensabile", si legge nel comunicato di mercoledì. "Va aggiunto il forte impatto economico e occupazionale ella SSR: solo in Ticino più di mille persone occupate", sottolinea il sindacato.

Tornare alla home page

SwissTXT