Sopetti di malversazioni

Paolo Clemente Wicht si dice "innocente su tutta linea"

SwissTXT / pab

21.9.2018

Paolo Clemente Wicht (archivio)
Ti-Press

Innocente su tutta la linea. Con una nuova presa di posizione, venerdì Paolo Clemente Wicht ha tenuto a ribadire la sua totale estraneità alle accuse contestategli dalla procura.

Wicht è tornato a definire “illazioni” le malversazioni per circa sette milioni di franchi che l’ex presidente dell’UDC ticinese avrebbe compiuto ai danni della moglie.

Stesso discorso per la seconda denuncia sporta contro di lui, stavolta da un investitore. L'uomo accettò di finanziare con circa mezzo milione di franchi la realizzazione di tre villette nel Sopraceneri, senza però più rivedere il denaro investito.

"Una questione privata"

Come già spiegato giovedì alla RSI dal suo legale, Enrico Germano, Wicht respinge ogni addebito: “Si tratta di una questione di natura privata per un’operazione commerciale. Una volta vendute le ville sarebbe dovuto entrare un utile, e questo investitore avrebbe potuto pretendere la restituzione con un congruo guadagno. Ma le difficoltà del divorzio hanno nel frattempo arenato la vendita.”

In settimana il procuratore pubblico Andrea Minesso ha chiesto una proroga della carcerazione preventiva dell’ex fiduciario. La decisione del giudice competente giungerà a giorni.

Tornare alla home page