Scoperto un cartello anche nella pavimentazione stradale

ATS

1.9.2019 - 16:00

Stando alla NZZ am Sonntag lo scandalo appaltopoli nei Grigioni potrebbe estendersi nei prossimi giorni ad alcune imprese di pavimentazione stradale
Source: KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

Lo scandalo appaltopoli nei Grigioni si potrebbe estendere nei prossimi giorni.

Secondo la NZZ am Sonntag, che cita fonti bene informate, la Commissione della concorrenza (Comco) avrebbe scoperto che anche alcune imprese di pavimentazione stradale avevano concordato i prezzi tra il 2004 e il 2010 per pilotare gli appalti.

Il caso, sempre stando al domenicale, verrà reso noto a breve e potrebbe creare nuove tensioni nei Grigioni a poche settimane dalle elezioni federali.

200 milioni il valore degli appalti manipolati

Il valore complessivo degli appalti manipolati è stimato in circa 200 milioni di franchi svizzeri. La Comco però potrà sanzionare solo i reati commessi in un periodo di tre anni.

Le ditte coinvolte sarebbero una dozzina, in maggioranza di grandi dimensioni. L'entità delle somme in gioco è paragonabile a quella degli appalti pilotati nel settore edile in Bassa Engadina.

Le multe sono salate

Per quella vicenda la COMCO ha inflitto ha inflitto una multa complessiva di 7,5 milioni di franchi a sette imprese di costruzione grigionesi, ma alcune aziende hanno contestato le multe davanti al Tribunale amministrativo federale (TAF).

Secondo le fonti, in questo nuovo caso le sanzioni saranno altrettanto elevate. Il Cantone, in qualità di principale committente nella costruzione di strade, risulta essere ancora una volta la principale vittima, ma l'intesa cartellistica ha penalizzato anche molti comuni.

Ticino e Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

ATS