Temperature estive

Una Pasqua baciata dal sole

Swisstxt/Red.

15.4.2022

Ticino: primavera. Nella foto un prato fiorito di margherite.
© Ti-Press / Benedetto Galli
Immagine simbolica.
©Ti-Press / Benedetto Galli

Quella di venerdì è stata la prima giornata estiva del 2022, con temperature oltre i 25 gradi. Il bel tempo resterà anche per il fine settimana di Pasqua. Come riporta la RSI, da mercoledì è previsto invece un peggioramento.

Swisstxt/Red.

15.4.2022

«Questo fine settimana sarà decisamente dominato dal sole», afferma Stefano Zanini di MeteoSvizzera ai microfoni dell'emittente di Comano. Venerdì è stata «una giornata soleggiata con temperature che hanno raggiunto i 25 gradi».

Il Record, come comunica MeteoSvizzera con un tweet, va alla Riviera, che ha toccato i 29 gradi.

Bel tempo anche nel fine settimana

Zanini ha buone notizie anche per i prossimi giorni di festa. «Anche la giornata di sabato sarà all’insegna del sole, con un po’ di vento da nord fino alle basse quote, che spingerà nuovamente le temperature a valori fino a 25° anche se le massime di oggi probabilmente non le raggiungeremo più», spiega alla RSI.

Domenica, invece, «fluirà dell’aria un po’ più fresca dalla pianura padana, ciò che farà si che le temperature massime caleranno di qualche grado. Avremo delle massime sui 20/21° e sul Sottoceneri al mattino potrebbero vedersi qua e la dei banchi di nuvolosità bassa destinati a sparire abbastanza rapidamente dopo il sorgere del sole».

E dopo martedì?

Il bel tempo continuerà fino a martedì: le temperature saranno attorno i 20 gradi e ci sarà il sole.

Ma Zanini comunica alla RSI che «a partire da mercoledì  le previsioni sono ancora incerte. Ci sarà più umidità, che risalirà da sud, causerà più presente e più estesa non prevediamo però le precipitazioni più estese che da tempo stiamo aspettando. Le temperature perderanno ancora un paio di gradi e quindi le massime saranno sui 17».

L'assenza di precipitazioni significative è una cattiva notizia per l'agricoltura e per le grigliate all'esterno. È sempre in vigore, dal 13 gennaio, il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto.