URC 2022

Il presidente ucraino Zelensky non verrà a Lugano

ATS / sam

30.6.2022 - 13:16

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.
KEYSTONE

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky non sarà presente a Lugano lunedì e martedì, in occasione del convegno sulla ricostruzione del suo Paese. La delegazione sarà guidata dal premier Denys Chmygal.

ATS / sam

30.6.2022 - 13:16

Nel presentare la conferenza un mese fa, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis aveva detto che uno di questi due leader sarebbe venuto in Ticino, ma che la decisione sarebbe stata presa all'ultimo momento. La situazione della sicurezza non consente a Zelensky di lasciare il suo Paese.

Di fronte alla guerra, «è il primo responsabile. La legge lo obbliga a rimanere in Ucraina», ha detto giovedì a Berna alla stampa l'ambasciatore ucraino in Svizzera Artem Rybchenko. Ha aggiunto che il capo dello Stato, che parlerà in video, è stato coinvolto nella preparazione del convegno «fin dall'inizio».

Zelensky aveva anche sottolineato, durante il World Economic Forum (WEF) di Davos, l'importanza di questa conferenza per il suo Paese.

L'ambasciatore ha aggiunto che Chmygal guiderà una delegazione ufficiale di oltre 60 persone, tra cui sette ministri tra cui il capo della diplomazia Dmitro Kuleba.

«Problemi tecnici»

In totale, parteciperanno più di 100 ucraini, tra cui circa 20 parlamentari e rappresentanti della regione, del settore privato e della società civile. Rybchenko ha voluto estinguere ogni controversia sulla mancanza di rappresentatività dell'opposizione tra i parlamentari: «Non stiamo parlando di politica, ma di questioni tecniche», ha detto.

Ci saranno i capi commissione, che però fanno tutti parte del partito presidenziale, ha aggiunto Rybchenko.

A Lugano sono attesi più di mille partecipanti di alto livello, tra cui il presidente della Confederazione Ignazio Cassis. Tra questi, nessun capo di Stato, ma alcuni capi di governo, compresi quelli della Repubblica Ceca, che detiene la presidenza dell'Unione Europea, della Lituania o della Polonia.

Un totale di quindici ministri degli esteri faranno il viaggio. Da parte loro, le maggiori potenze saranno spesso rappresentate solo a livello viceministeriale.

ATS / sam