Il futuro del lavoro

«Abbiamo la certezza che l'home office funziona molto bene»

Di Lukas Meyer

6.6.2021

Molte aziende vogliono continuare a permettere il telelavoro.
Molte aziende vogliono continuare a permettere il telelavoro.
KEYSTONE

Il lavoro ibrido è il futuro. Anche se l'obbligo dell'home office è stato allentato, le grandi aziende in Svizzera vogliono ancora consentire il telelavoro.

Di Lukas Meyer

6.6.2021

Questa settimana sono entrati in vigore numerosi allentamenti delle misure anti-Covid. L'obbligo del telelavoro, chiamato anche home office, è stato trasformato in una raccomandazione, a condizione che le aziende testino i loro dipendenti una volta alla settimana. E questa regola rimarrà in vigore fino a quando tutti coloro che lo desiderano non siano stati vaccinati.

Altri paesi sono già un passo avanti. Negli Stati Uniti, per esempio, il concetto di home office è sotto pressione: le banche di New York stanno richiamando i loro dipendenti in ufficio, secondo il giornale tedesco «Der Spiegel». «Questa è un'anomalia che correggeremo il più rapidamente possibile», ha detto il capo della grande banca Goldman Sachs.

Insomma lavorare da casa non diventerà certamente la nuova normalità. Secondo un sondaggio, i capi e i giovani professionisti in particolare vogliono tornare in ufficio il più presto possibile.

L'home office è stato possibile per molto tempo

Come se la cavano le aziende svizzere? Alla Siemens, per esempio, il lavoro da casa è una pratica consolidata in Svizzera da molti anni, dice l'azienda in risposta a un'inchiesta. Prima della pandemia quest'opzione era usata per un giorno alla settimana, ma ora da due a tre giorni di telelavoro alla settimana sono stati definiti come lo standard globale.

Anche Credit Suisse sta rispondendo alle esigenze dei suoi dipendenti con modelli di lavoro flessibili, secondo un portavoce: «Abbiamo già abilitato il lavoro da casa per molti anni».

Molti non possono

Nella discussione sull'home office, spesso si dimentica che per molte persone la questione non si pone nemmeno. Alla Posta, per esempio, circa 54'000 dipendenti lavorano in più di 100 professioni diverse, secondo l'azienda. La maggior parte di loro non lavora in ufficio, ma nelle agenzie postali, nei centri lettere e pacchi o nella distribuzione.

Anche alla Migros tre quarti dei dipendenti non potrebbero mai lavorare da casa perché lavorano nelle filiali o nei centri di distribuzione, producono alimenti o li trasportano. Anche Siemens, ABB e Novartis hanno dipendenti che non possono lavorare da casa a causa delle loro attività, anche se in ogni caso si applicano concetti di protezione speciali.

I dipendenti di queste aziende praticano il telelavoro quando è possibile. «Il nostro attuale modello di lavoro da casa ha dimostrato il suo valore e ha contribuito in modo significativo a ridurre al minimo il rischio di infezioni in ufficio», dice ABB. Questa opzione esisteva anche prima della pandemia: «Permette ai dipendenti di lavorare in un ambiente flessibile, sempre a seconda delle esigenze del team e del ruolo».

Grandi spese per i test di massa

I test settimanali potrebbero far tornare le persone in ufficio, ma molte aziende non lo fanno affatto. La Posta Svizzera, per esempio, sta attualmente testando solo a Zurigo-Mülligen e a Frauenfeld. Lo sforzo è molto grande, dice una portavoce. «Ecco perché installiamo questi test di massa solo quando vanno a beneficio dei dipendenti che devono lavorare in loco per motivi operativi». Quelli che possono lavorare praticando il telelavoro lo faranno probabilmente fino al 30 agosto.

Novartis si è annunciata per i test di massa, ma la capacità limitata del laboratorio ha avuto come conseguenza che le autorità si sono finora concentrate sulle aziende in cui c'è un maggior rischio di trasmissione o un maggior rischio di un'epidemia, che non include Novartis. «Fino a quando Novartis non sarà in grado di partecipare al programma cantonale di test a Basilea Città, l'home office rimane obbligatorio per tutti i dipendenti che hanno la possibilità di farlo», dice l'azienda.

Il telelavoro rimane una necessità

Le aziende stanno anche considerando come e dove lavoreranno i loro dipendenti a medio e lungo termine. Alla federazione delle cooperative Migros, il «lavoro mobile-flessibile» è stato introdotto nella sede centrale anche prima della pandemia, secondo un portavoce. «Questo significa, fondamentalmente, che non cambierà molto qui. Tranne che d'ora in poi abbiamo la certezza: l'home office funziona davvero molto bene».

La Posta sta valutando come e in quale forma potrà operare in futuro. «La pandemia di Covid ci ha dimostrato che l'home office funziona per la maggior parte dei lavori d'ufficio della Posta e rimarrà una necessità per i nostri collaboratori anche in futuro». Tuttavia, ha precisato il Gigante Giallo, nessuna decisione è stata ancora presa.

Siemens per «lavoro mobile» intende non solo l'home office, ma anche gli spazi di co-working, per esempio. I dipendenti apprezzano molto la flessibilità e il migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. «Abbiamo anche scoperto che sia la produttività che l'efficienza sono altrettanto elevate sia quando si lavora da casa che quando si lavora in un ufficio». Tuttavia, a molti mancano il contatto personale e lo scambio con i colleghi. Ecco perché molti vogliono in futuro «lavorare sia in ufficio che a casa».

Lavoro ibrido

Anche Google sta scommettendo sul lavoro ibrido. Su richiesta di «blue News», l'azienda fa riferimento a un post sul blog (in inglese ndr.) corrispondente del CEO Sundar Pichai. Questo include, tra le altre cose, una settimana di lavoro flessibile e più opzioni quando si tratta di scegliere un posto di lavoro, in tutto il mondo.

Pichai si aspetta che la maggior parte dei dipendenti lavorino tre giorni a settimana in ufficio e due giorni da casa, ma anche che più dipendenti di prima passeranno completamente al lavoro remoto.

L'associazione di datori di lavoro nel settore bancario privato scrive in un sondaggio (in tedesco ndr.): «Le molte esperienze positive con l'home office probabilmente aumenteranno in modo permanente l'estensione del work-from-home a un livello superiore».

È importante mantenere un sano equilibrio: «Troppo lavoro da casa porta all'isolamento e all'alienazione dal datore di lavoro», dice il direttore dell'associazione Balz Stückelberger alla SRF.(in tedesco). Il lavoro in ufficio rimane importante, ed è per questo che anche nel settore finanziario ci si aspetta un nuovo ed equilibrato mix di diverse forme di lavoro.