Svizzera

Covid: esperti ottimisti, ma preoccupa la variante inglese 

mc, ats

5.5.2021 - 17:39

«Abbiamo buone ragioni per essere ottimisti», ha detto oggi Patrick Mathys, responsabile del settore crisi dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), nell'abituale incontro con la stampa.

Patrick Mathys
Patrick Mathys
KEYSTONE

mc, ats

5.5.2021 - 17:39

Il numero di casi di Covid-19 in Svizzera continua a diminuire e la vaccinazione procede come previsto. La variante britannica continua però a preoccupare perché causa più decessi e ricoveri in terapia intensiva rispetto al «vecchio» virus.

Il tasso di riproduzione del virus è sceso sotto l'1 negli ultimi giorni, ha precisato Mathys. I ricoveri ospedalieri oggi sono saliti a 113, ma ultimamente si registra una stagnazione o addirittura una leggera diminuzione. La situazione si sta «allentando» anche nei reparti di terapia intensiva. «C'è una buona probabilità che la distensione continui nelle prossime settimane grazie alla vaccinazione», ha aggiunto.

Variante inglese più pericolosa

Per quanto riguarda le varianti, la britannica continua a dominare in Svizzera, mentre quelle brasiliana e sudafricana sono rare. La variante indiana, di cui conosciamo molto poco, è stata identificata una dozzina di volte, ha aggiunto il responsabile dell'UFSP.

La variante britannica porta alla morte circa il 50% più spesso della variante precedentemente dominante. Inoltre, sempre più persone ricoverate devono ricorrere alla terapia intensiva, ha spiegato Urs Karrer, vicepresidente della task force Covid 19. Durante la prima ondata il 15% dei pazienti ricoverati hanno dovuto essere trasferiti in unità di terapia intensiva, attualmente la percentuale è del 30%.

Con il nuovo virus, anche i 50-60enni sono diventati un gruppo a rischio. Molti pazienti gravemente malati hanno tra i 40 e i 50 anni: sono persone attive, che hanno figli piccoli o adolescenti che vanno a scuola, e che hanno molti contatti sociali. Per poter combattere questa variante, supponiamo che sia necessaria un'immunità dell'80% della popolazione, ha precisato ancora Karrer.

Recuperare operazioni posticipate

Le operazioni che hanno dovuto essere rinviate a causa del sovraffollamento dei letti di terapia intensiva non hanno ancora potuto essere eseguite. Gli ospedali devono fare i conti con una proiezione di sei mesi, ha spiegato Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato.

La situazione nelle unità di terapia intensiva degli ospedali si è stabilizzata e «ci sono riserve sufficienti di letti di terapia intensiva». Il personale che lavora in questi reparti è stato estremamente sollecitato dall'inizio della pandemia e continuerà ad esserlo ancora per diversi mesi per gli interventi finora rimandati che richiedono un soggiorno in terapia intensiva.

Vaccinazioni e certificato

La Svizzera ha attualmente capacità di vaccinazione superiori alla disponibilità di vaccini praticamente ovunque, ha detto Linda Nartey, medico cantonale bernese e vice presidente dell'Associazione dei medici cantonali. «Appena il vaccino viene consegnato, viene somministrato rapidamente». Nelle prossime settimane, la campagna di vaccinazione sarà estesa a tutti i gruppi di persone in tutti i cantoni, ha aggiunto, invitando la popolazione ad iscriversi nel proprio cantone e ad evitare il «turismo del vaccino».

I vaccini non sono ancora stati autorizzati per bambini e adolescenti. Secondo Urs Karrer è comunque possibile che i ragazzi fra i 6 e i 16 anni vengano vaccinati entro la fine dell'anno.

Per quanto riguarda il certificato vaccinale, è possibile che in Svizzera ce ne saranno due: quello di Pharmasuisse e della Federazione dei medici svizzeri e quello della Confederazione. Per l'UFSP è di fondamentale importanza che il documento sia compatibile sul piano internazionale. Gli esperti della Confederazione quindi continueranno a lavorare come previsto, ha precisato Patrick Mathys ricordando che a metà maggio l'UE deciderà le condizioni quadro per il certificato.

mc, ats