Gli esperti

Droghe ai rave: «Pericolose per la vita in tempi anche brevi»

Di Andrea Moser

1.12.2022

Una pasticca di Ecstasy.
Una pasticca di Ecstasy.
KEYSTONE

L'uso di droghe durante i party sta diventando sempre più popolare, ma rimane associato a rischi enormi: gli esperti rispondono alle domande più importanti.

Di Andrea Moser

1.12.2022

Nella notte tra domenica e lunedì una 19enne è morta in ospedale al San Giovanni di Bellinzona dopo che dei giovani l'hanno lasciata all'entrata del pronto soccorso in fin di vita. La ragazza aveva partecipato a un rave illegale in Mesolcina. La causa esatta del suo decesso è ancora sconosciuta.

Tuttavia, alcune testimonianze raccolte dalla stampa locale tra i suoi amici fanno sospettare che il consumo di droga possa essere stato decisivo per la tragica sorte della 19enne.

blue News ha chiesto ai due esperti Hans-Jakob Deinzer, assistente sociale presso la fondazione Contact Nightlife/Rafe it save, e Dominique Schori, caposquadra presso il Centro di informazione sulle droghe della città di Zurigo (DIZ), cosa rende così rischioso il consumo di droghe alle feste.

Ecco le risposte alle domande più importanti:

A cosa bisogna fare attenzione quando si fa uso di droghe?

«Una cosa è chiara: il consumo di droga è sempre associato a un rischio», afferma Deinzer. È importante che gli utenti prendano confidenza con la sostanza in anticipo. Le droghe hanno un effetto sul cervello. «Le sostanze psicoattive possono rafforzare sia gli aspetti positivi che quelli negativi», chiarisce Deinzer.

Ecco perché lo stato mentale è molto importante, soprattutto con le sostanze psichedeliche come l'LSD: «Se si è di cattivo umore e poi si consuma LSD, si può andare in qualsiasi direzione psicologica, cioè si può anche finire in un viaggio dell'orrore», dice l'esperto. Inoltre, prima di usare la sostanza, le persone dovrebbero chiedersi se è adatta al luogo in cui ci si trova, perché anche i contesti esterni potrebbero influenzare l'effetto, condivide Deinzer.

Schori del DIZ aggiunge: «Le droghe provengono da un mercato illegale, dove non si sa mai cosa si sta acquistando e se contiene effettivamente ciò che è stato detto al momento dell'acquisto». Raccomanda quindi di far testare gratuitamente le sostanze prima di utilizzarle: «Esistono servizi di controllo delle droghe come il nostro in diverse città svizzere». In questo modo, il consumatore conosce la composizione e la concentrazione della sostanza.

Questo aspetto è importante anche per quanto riguarda il dosaggio. «Le persone si rendono perseguibili possedendo e consumando queste sostanze. Ma il personale addetto al controllo dei farmaci è tenuto al segreto». La preoccupazione che la polizia sia improvvisamente presente è infondata, dice Schori.

Quali sono le sostanze attualmente più utilizzate nel mondo delle feste?

«Negli ultimi due o tre anni, la cocaina è stata la sostanza più frequentemente consegnata durante i controlli antidroga. Poi vengono le anfetamine e l'MDMA, anche se si nota un aumento dell'MDMA alle feste», dice Deinzer.

Anche Schori lo conferma. A ciò si aggiunge un fenomeno piuttosto nuovo: «È problematico che i giovanissimi consumino insieme sostanze da svapo». A titolo di esempio, cita la commistione tra alcol e benzodiazepine come lo Xanax o antidolorifici oppioidi. «Questo diventa pericoloso per la vita in tempi relativamente brevi quando si tratta di dosi elevate», afferma Schori.

Perché il consumo misto è così pericoloso?

Se vengono assunte contemporaneamente sostanze diverse, si parla di consumo misto. «Con il consumo misto, 1+1 non è uguale a 2, ma può dare luogo a ogni genere di cose», chiarisce Deinzer di Contact Nightlife. Se si consumano più di due sostanze, cosa che accade, non è più possibile stimare cosa accadrà, afferma Deinzer, citando come esempio il comune mix di alcol e cocaina.

Schori aggiunge: «Le sostanze più pericolose sono sempre quelle che hanno uno spettro di effetti simile. In particolare, ad esempio, le sostanze che hanno un effetto depressivo o stimolante. Poi c'è sempre il pericolo che il sistema cardiovascolare vada fuori uso, dice Schori.

Per esempio, se si mescola l'alcol con antidolorifici oppioidi o con forti sonniferi e tranquillanti come le benzodiazepine, si ha un effetto depressivo, spiega Schori.

La miscela di sostanze come l'anfetamina e la cocaina è stimolante.

Secondo Schori, queste sono le due combinazioni più pericolose.

Cosa è particolarmente importante durante il consumo stesso?

«È certamente importante bere abbastanza liquidi. Naturalmente, niente bevande alcoliche», dice Schori e aggiunge: «È anche molto importante prendersi cura l'uno dell'altro».

A che punto si deve reagire?

Si è di fronte a un'emergenza al più tardi quando una persona non è più reattiva o addirittura incosciente. «Fondamentalmente, consigliamo sempre di chiamare il numero di emergenza una volta di troppo piuttosto che una volta di meno», dice Schori.

Nel caso del rave in Mesolcina, i partecipanti avevano paura delle conseguenze e quindi non hanno allertato i servizi di emergenza.

I soccorritori sono tenuti al segreto professionale. Se un partecipante a un rave party chiama il 144, non deve dire al telefono che si tratta di un caso di droga in un rave illegale. «Alla fine, gli ospedali e le ambulanze non sono interessati a questo. La sopravvivenza della persona è la priorità», dice Schori.

Se invece la chiamata di emergenza non viene fatta affatto o viene effettuata troppo tardi, può essere intesa come un'omissione di soccorso. In Mesolcina, una giovane donna è morta perché è stata portata in ospedale troppo tardi. «Non si può più risolvere questo problema. Ti rimane dentro per tutta la vita», conclude Schori.