Il politologo sulle dimissioni di Maurer

«È un inizio di campagna elettorale scelto con intelligenza»

Di Monique Misteli

1.10.2022

Ueli Maurer lascerà a dicembre.
Ueli Maurer lascerà a dicembre.
KEYSTONE

Il consigliere federale Ueli Maurer ha annunciato venerdì le sue dimissioni per la fine dell'anno. Abbiamo interpellato un politologo per capire le conseguenze di questa decisione.

Di Monique Misteli

1.10.2022

Signor Müller, perché il consigliere federale Maurer ha rassegnato ieri le sue dimissioni?

Naturalmente, solo lo stesso Ueli Maurer conosce la vera ragione che lo ha spinto a lasciare la carica alla fine dell'anno. Ma già da qualche tempo si ha la sensazione che il consigliere federale non sia più così impegnato come all'inizio del suo mandato. Quindi una certa stanchezza è certamente una delle ragioni. Ma le dimissioni prima delle elezioni generali di dicembre 2023 servono soprattutto al suo partito, che in questo modo ottiene una visibilità molto maggiore. Da questo punto di vista, lo interpreterei come un inizio di campagna abilmente programmato.

Il successore di Maurer sarà eletto a dicembre. Cosa significa questo per il Parlamento?

Chi è Sean Müller?
fds
zvg

Sean Müller è da febbraio 2020 professore assistente presso l'Istituto di scienze politiche dell'Università di Losanna. In questi giorni esce il suo libro «Der Ständerat. Die Zweite Kammer der Schweiz» (La seconda Camera della Svizzera), scritto insieme al politologo Adrian Vatter.

Sebbene l'Assemblea federale unitaria sia completamente libera di decidere il successore, la preselezione fatta dal partito interessato viene solitamente rispettata. Anche il genere e la provenienza cantonale sono importanti, ma ovviamente contano anche l'esperienza e la creazione di reti tra le parlamentari donne. L'aspettativa dell'UDC è quindi quella di avere almeno una lista di due persone con candidati diversi: uomo e donna e/o di due cantoni svizzero-tedeschi.

L'UDC potrebbe anche presentare due uomini: il Parlamento sarebbe tenuto a rispettarlo?

Il Parlamento può eleggere chi vuole, purché abbia diritto di voto nelle questioni federali. Christoph Blocher è stato addirittura cacciato nel 2007 a favore di una donna. Questa volta non succederà. Ma l'UDC sa bene che, per suo interesse personale, va a suo vantaggio offrire una scelta quanto più ampia possibile. Al momento dell'elezione di Guy Parmelin, il comitato di ricerca interno ha presentato un ticket trilingue. E ciò è stato accolto molto bene.

Dopo Maurer, il Canton Zurigo sarà fuori dal Consiglio federale. Che ruolo gioca l'appartenenza cantonale?

La rappresentanza dei cantoni in quanto tale è oggi meno importante di un tempo, ma i partiti e i singoli sono ben felici di usarla come argomento a favore o contro una determinata candidatura. Per l'UDC si tratterà soprattutto di motivare le persone più capaci (dal suo punto di vista) e di far eleggere una di loro. Considerato il suo ancora forte radicamento nell'area di Zurigo, probabilmente si andrà in quella direzione. Ma alla fine sarà la maggioranza dei parlamentari a decidere.