Elezioni per il rinnovo delle autorità cantonali friburghesi, attesa l'onda verde

pv, ats

5.11.2021 - 15:17

Quest'edizione delle elezioni cantonali di Friburgo ha attirato un elevato numero di candidati.
Keystone

Questo finesettimana i friburghesi voteranno per il rinnovo delle autorità cantonali: l'elezione potrebbe essere segnata da una nuova spinta ambientalista, sia per il Consiglio di Stato che per il Gran Consiglio.

pv, ats

5.11.2021 - 15:17

Un eventuale secondo turno è previsto il 28 novembre.

La corsa per l'esecutivo – attualmente composto di tre membri del Centro, due PLR e due PS – promette di essere competitiva, con 19 candidati (cinque in più rispetto al 2016), tra cui nove donne, che mirano a una delle sette poltrone.

Quattro consiglieri di Stato si sono ricandidati per un nuovo mandato: si tratta del socialista Jean-François Steiert, attuale presidente del Consiglio di Stato, di Jean-Pierre Siggen (Centro) e Olivier Curty (Centro), come pure di Didier Castella (PLR). Tutti e quattro hanno ottime possibilità di essere riconfermati, mentre per quanto concerne gli altri tre posti, la lotta potrebbe risultare molto serrata.

Cinque contendenti risultano sicuramente in buona posizione: l'ecologista Sylvie Bonvin-Sansonnens ha tutte le carte in regola per farcela, magari al secondo turno il 28 novembre. Ben piazzata risulta anche Valérie Piller Carrard (PS), consigliera nazionale da una decina di anni, che dovrebbe senza problemi garantire il mantenimento della seconda presenza socialista in governo. A dare filo da torcere alle due donne vi saranno sicuramente la rappresentante dell'Alleanza del Centro di origine ticinese Luana Menoud-Baldi, Romain Collaud (PLR) e Philippe Demierre (UDC). Alla corsa partecipano pure un'altra decina di candidati di svariati partiti minori.

Hanno rinunciato a ripresentarsi gli attuali consiglieri di Stato Georges Godel (Centro) e Anne-Claude Demierre (PS), entrambi in carica da 15 anni, e Maurice Ropraz (PLR), che lascia dopo due mandati.

Gran Consiglio

L'elezione del legislativo friburghese ha attirato ben 664 candidati, 48 in più del 2016, che cercheranno di aggiudicarsi uno dei 110 seggi del Gran Consiglio. In crescita il numero di candidate donne: 238 (quasi il 36%), contro le 200 del 2016. Il futuro parlamento cantonale potrebbe anche essere più giovane, con un'età media di 44,9 anni, rispetto ai 50,6 anni di cinque anni fa.

Secondo gli osservatori, si potrebbe assistere a un'impennata dei rappresentanti ecologisti: nelle elezioni comunali dello scorso marzo, Verdi e Verdi liberali si sono imposti soprattutto negli otto comuni più grandi.

pv, ats