Gli animi si scaldano a Palazzo federale «Il comportamento di Aeschi è uno scandalo»

Sven Ziegler

12.6.2024

Il consigliere nazionale dell'UDC Aeschi è stato trattenuto dalla polizia.
Il consigliere nazionale dell'UDC Aeschi è stato trattenuto dalla polizia.
X / Thomas Aeschi

Il «disguido» a Palazzo federale suscita sentimenti contrastanti tra i parlamentari. Alcuni mostrano comprensione per il comportamento dei consiglieri nazionali dell'UDC, altri li criticano aspramente.

Sven Ziegler

12.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Mercoledì mattina si è verificato un incidente tra agenti di polizia e parlamentari dell'UDC sotto la Cupola di Palazzo federale.
  • Il presidente del gruppo Thomas Aeschi e il consigliere nazionale Michael Graber volevano scendere una scalinata mentre questa era brevemente chiusa.
  • Sono stati trattenuti e poi scortati in modo duro dagli agenti di polizia.
  • Le reazioni all'incidente sono state contrastanti.

Mercoledì mattina c'è stato un mezzo scandalo a Palazzo federale. Il capogruppo dell'UDC Thomas Aeschi e il consigliere nazionale Michael Graber si sono scontrati con agenti di polizia del Servizio di sicurezza federale.

Erano stati dispiegati per rendere sicura la visita del presidente del Parlamento ucraino Ruslan Stefanchuk. Proprio mentre Stefanchuk doveva farsi fotografare presso la grande Scalinata, Aeschi voleva passare, ed è stato trattenuto dalla polizia.

Immagini e video hanno documentato l'incidente e si sono rapidamente diffusi tra i media. Anche i colleghi parlamentari hanno reagito sui social.

Il consigliere nazionale del PLR Christian Wasserfallen, ad esempio, ha mostrato comprensione per Aeschi: «C'è la polizia federale armata di mitragliatrici ovunque nella tromba delle scale del palazzo del Parlamento, che impedisce alle persone e ai parlamentari di muoversi liberamente nell'edificio. È inaccettabile!».

Il consigliere nazionale dei Verdi liberali Beat Flach sottolinea invece che ci sono numerose altre vie di accesso al parterre. «Si possono sfruttare bene per un evento di Stato nella sala», scrive Flach rivolgendosi ad Aeschi.

La consigliera nazionale del Centro Elisabeth Schneider-Schneiter ha usato parole chiare su X. «Nel Palazzo federale ci sono regole che il Parlamento stabilisce per la propria sicurezza. Le forze di sicurezza fanno rispettare queste regole per conto nostro», ha dichiarato. «Il comportamento di questi parlamentari è una vergogna».

Il co-leader del PS, Cédric Wermuth, ha dichiarato a 20 Minuten: «Aeschi si comporta come se fosse il solo proprietario del Palazzo federale. Come capogruppo parlamentare, ha cercato di impedire alla polizia federale di fare il proprio lavoro. Questo è assolutamente oltraggioso e irrispettoso. Probabilmente crede di essere al di sopra della legge».

Aeschi si difende

Anche il consigliere nazionale del Centro Reto Nause mostra poca comprensione in un'intervista al giornale. Ogni bambino sa che bisogna seguire le istruzioni di un agente di polizia.« Non importa chi sei o pensi di essere! Il comportamento di Thomas Aeschi è uno scandalo e rende più difficile l'importante lavoro delle forze di sicurezza».

Aeschi ha dichiarato a blue News che non stava cercando di superare un blocco della polizia. Era preoccupato che il lavoro parlamentare avesse la priorità nel Parlamento federale. «Ho spiegato all'agente di polizia che dovevo scendere le scale solo per un momento. E non volevo certo aggredire l'onorevole Stefanchuk».

Nel frattempo si è già avuta una discussione con la Fedpol, responsabile della sicurezza del Palazzo federale: «Mi è stato detto che la polizia avrebbe cercato di non bloccare le scale in futuro», ha detto Aeschi. Le disposizioni dovrebbero essere adattate. «In questo senso, l'azione ha avuto successo».