Cerny: «Il ritardo del Consiglio federale è incomprensibile»

Di Anna Kappeler

19.11.2021

Lugano: Epatocentro Ticino. Nella foto il prof. med. Andreas Cerny.
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Il prof. med. Andreas Cerny, virologo alla Moncucco.
© Ti-Press 

La pandemia di Sars-CoV-2 sta di nuovo imperversando, ma il Consiglio federale si astiene dal prendere ulteriori misure. Giustamente? Oppure ha paura del referendum sulla legge Covid in votazione il 28 novembre? Cosa ne pensano i politologi e gli epidemiologi?

Di Anna Kappeler

19.11.2021

Le cifre delle nuove infezioni di Covid stanno aumentando. Giovedì, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha riportato 6.017 nuovi casi. Mentre i Paesi a noi vicini prendono misure, noi abbiamo il silenzio del Consiglio federale. Dopo la sua riunione settimanale di mercoledì, il Governo si è astenuto dal fornire informazioni ai media sulla situazione pandemica.

Ma il ministro della sanità Alain Berset è apparso il giorno dopo, giovedì, davanti ai media dopo una riunione con i direttori cantonali della sanità. Ma anche in quest'occasione ha detto: «Per ora non sono necessarie altre misure».

Ma la Svizzera può permettersi di aspettare? Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo e presidente dell'Associazione dei medici cantonali, ha una posizione chiara al riguardo: «Non possiamo certo stare a guardare, tocca a tutti noi». Tuttavia, non è solo la politica a essere chiamata in causa, ma «tutti noi». Tutti devono stare di nuovo più attenti, indossare più spesso le mascherine e ridurre un po' i contatti sociali. 

Rudolf Hauri, Kantonsarzt Zug, Praesident der Vereinigung der Kantonsaerztinnen und Kantonsaerzte, VKS, spricht an einem Point de Presse zur Covid 19 Situation, am Dienstag, 9. November 2021, in Bern. (KEYSTONE/Anthony Anex)
Rudolf Hauri, presidente dell'associazione dei medici cantonali e medico cantonale del canton Zugo durante una delle ultime conferenze stampa, il 9 di novembre 2021.
KEYSTONE

«Il numero di casi in aumento sta chiaramente andando nella direzione sbagliata, soprattutto perché anche le ospedalizzazioni stanno aumentando». Hauri è convinto che «anche il Consiglio federale sta monitorando e valutando da vicino la situazione e non sta semplicemente a guardare».

«Perché la Svizzera aspetta con il booster per tutti?»

Andreas Cerny, virologo della clinica Moncucco di Lugano, ha parole chiare: «Il ritardo del Consiglio federale è incomprensibile. Sono sorpreso, se non scioccato. È ingenuo credere che la situazione non peggiorerà massicciamente nel nostro paese nei prossimi giorni o settimane».

«Sappiamo dalla prima, seconda e terza ondata come funziona la pandemia: prima il numero di casi aumenta, e circa dodici giorni dopo salgono i ricoveri». Seguono l'aumento dei trasferimenti in unità di terapia intensiva, e per finire quello dei decessi.

Perché la Svizzera sta «ancora aspettando» con il booster per tutti è «un mistero» per Cerny. Dopo tutto, dice, altri paesi come Israele sono stati in grado di riportare la pandemia sotto controllo solo grazie al booster.

Cerny ha anche delle domande sul booster: il Consiglio federale e i cantoni hanno perso tempo per prepararlo e realizzarlo per tutti. Lo spiega con le cifre delle vaccinazioni: il picco con un numero massimo di vaccinazioni è stato a giugno (489.842 iniezioni a settimana). A titolo di paragone: ora vengono somministrate solo 78.875 vaccinazioni a settimana, dice Cerny, riferendosi alle cifre federali. La sua conclusione: «Siamo molto al di sotto di quello che il nostro sistema sanitario potrebbe fornire».

Il fatto che le cose stiano andando così lentamente è incomprensibile per Cerny. «Swissmedic ha dato il via libera al booster a metà ottobre, ma poi ci sono stati ritardi prima che anche i cantoni abbiano avuto il nullaosta».

Paura del voto del 28 novembre?

Il Consiglio federale sta aspettando il referendum sulla legge Covid in votazione il 28 novembre prima di annunciare altre misure? Mentre il medico cantonale Hauri «non lo suppone», il politologo ticinese Nenad Stojanovic la vede diversamente. «È molto probabile che il Consiglio federale aspetti il referendum per annunciare eventualmente altre misure», dice Stojanovic, che fa ricerche sulla democrazia all'Università di Ginevra.

Per il politologo Sean Müller dell'Università di Losanna è comprensibile che il Consiglio federale non voglia rendere ancora più tesa la situazione introducendo norme più severe. Ma questo non ha senso. «Non fare nulla è anche una decisione. E segnala che tutto è attualmente sotto controllo», dice Müller. Questa incongruenza potrebbe portare a una perdita di fiducia.

«No, non abbiamo condizioni come negli Stati Uniti»

È chiaro che il referendum sulla legge Covid politicamente è esplosivo. E può dividere le famiglie. Stojanovic crede che sia importante ascoltare tutte le voci e mostrare considerazione per le minoranze. Il politologo dà il via libera: «Nonostante l'umore indurito al momento, non credo che avremo presto condizioni di divisione come negli Stati Uniti». La Svizzera ha un panorama partitico più vario rispetto a quello statunitense dove ci sono, in sostanza, solo due partiti.

«Grazie alla democrazia diretta, ogni singolo elettore può essere in minoranza in ogni votazione, ma altrettanto facilmente essere in maggioranza. In questo modo, i fronti rigidi sono già impediti dal sistema. A lungo termine, questo permette di superare una divisione». Il che rende il sistema stabile in Svizzera.

Müller dell'Università di Losanna dice: «Nessuno vuole davvero vivere in questo stato in modo permanente. Ecco perché non credo che questa divisione durerà ancora a lungo. Di conseguenza, anche il suo pericolo diminuirà». Secondo Müller, avremmo condizioni come negli Stati Uniti solo se i risultati di un'elezione o di un voto non fossero accettati per motivi inventati. Per fortuna, tutti i partiti svizzeri sono ben lontani da questo scenario.