Covid

Ora in molti vogliono farsi vaccinare, in Ticino triplicate le prenotazioni

aru / pab

9.9.2021

Immagine illustrativa: ora, le persone non vaccinate vengono sempre più punzecchiate, perché da lunedì sarà richiesto il Certificato Covid anche nei centri sportivi e nei ristoranti.
Immagine illustrativa: ora, le persone non vaccinate vengono sempre più punzecchiate, perché da lunedì sarà richiesto il Certificato Covid anche nei centri sportivi e nei ristoranti.
KEYSTONE

Ora che l'estensione del Certificato Covid obbligatorio è affare fatto, molte persone vogliono farsi, nonostante tutto, immunizzare. A Berna prenotazioni raddoppiate in 24 ore, in Ticino addirittura triplicate. 

aru / pab

9.9.2021

Coloro che non vogliono farsi vaccinare contro il Covid o manifestano contro le misure rimangono parte della crisi, ha detto mercoledì Lukas Engelberger alla conferenza stampa del Consiglio federale. Il capo della sanità di Basilea Città ha spiegato che con una vaccinazione si diventa «parte della soluzione».

E ha lanciato un appello alla coscienza di tutti coloro che hanno aspettato per farsi immunizzare: «Per favore, occupatevi oggi della vostra vaccinazione».

E gli svizzeri hanno apparentemente ascoltato l'appello: dopo che il Consiglio federale ha annunciato l'estensione dell'uso del certificato Covid per ristoranti, bar e centri fitness, che entrerà in vigore la prossima settimana, i centri di vaccinazione sono ormai invasi.

L'effetto in Ticino è stato immediato. Come ha reso noto a Ticinoline Ryan Pedevilla, capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione, le iscrizioni in un solo giorno sono triplicate, passando da una media di 250 prenotazioni giornaliere alle 757 registrate nella giornata di mercoledì.

Come scrive la versione tedesca del portale «20 Minuten», circa 2.000 persone si sono registrate per la prima vaccinazione a Berna nelle ultime 24 ore. Normalmente, al giorno se ne registravano tra le 500 e le 1.000. Un portavoce ha riferito che a Basilea-Città ha notato un aumento del 5% nel numero di prime vaccinazioni dalla fine di agosto.

Non ci sono ancora cifre ufficiali per il Canton Zurigo. Il capo del centro di vaccinazione di riferimento, Jan Fehr, dice però che non solo i giovani si stanno registrando per un appuntamento, ma anche più di due dozzine di persone di oltre 75 anni.

Anche prima della decisione del governo di mercoledì, erano state registrate più vaccinazioni, dice Tobias Bär, capo della comunicazione dei direttori cantonali della sanità. La media giornaliera delle vaccinazioni in Svizzera è di 22.000 dosi. Martedì, il giorno prima della decisione, questa cifra era già di 24.249 dosi.

Nel frattempo, le cose stanno diventando scomode per i centri fitness. Come riporta il portale zurighese «Nau», sono numerose le cancellazioni, stando alle loro ricerche, in alcune strutture della regione di Berna.