Settimana da 4 giorni

Negli Hotel 25hours di Zurigo praticamente tutti quelli che possono, lo fanno

Di Gabriela Beck

25.6.2022

Nei due Hotel 25hours di Zurigo, il modello di orario di lavoro della settimana di quattro giorni incontra un ampio consenso.. (Immagine illustrativa: Restaurant Neni im 25hours Hotel Zürich Langstrasse)
Nei due Hotel 25hours di Zurigo, il modello di orario di lavoro della settimana di quattro giorni incontra un ampio consenso (immagine illustrativa: Restaurant Neni im 25hours Hotel Zürich Langstrasse).
Stephan Lemke/25hours Hotels

I due hotel 25hours di Zurigo hanno introdotto la settimana di quattro giorni il 1° maggio. Il direttore generale Lukas Meier fa il punto della situazione in un'intervista a blue News.

Di Gabriela Beck

25.6.2022

Da un mese i due hotel 25hours di Zurigo sono in una fase di test che durerà fino alla fine di luglio: il personale lavora per un totale di 38 ore su quattro giorni alla settimana, invece delle precedenti 42 ore distribuite su cinque giorni: ciò corrisponde a un'ora di lavoro in più al giorno o al 90% dell'orario di lavoro con una retribuzione al 100%.

Un buon affare per i dipendenti. Ma perché un datore di lavoro dovrebbe pagare lo stesso stipendio per un lavoro inferiore?

«Avremmo perdite finanziarie maggiori se non avessimo abbastanza lavoratori qualificati», spiega Lukas Meier, direttore generale dei due hotel 25hours di Zurigo. Per questo motivo l'azienda accetta i costi aggiuntivi in un periodo di forte carenza di lavoratori qualificati, soprattutto nel settore alberghiero e della ristorazione. 

Maggior numero di candidati dall'inizio del test

Il numero di candidati dimostra che il concetto è ben accolto. Il mese scorso sono aumentati di circa il 30% rispetto alla media del periodo pre-pandemico. Non sono solo i giovani a sentirsi interpellati, ma anche, ad esempio, le coppie di genitori che, grazie all'innovativo modello di orario di lavoro, possono risparmiarsi un giorno alla settimana per non dover far capo all'asilo nido o all'assistenza esterna.

Una settimana di quattro giorni potrebbe certamente essere un vantaggio competitivo per le aziende, afferma lo psicologo organizzativo Johann Weichbrodt dell'Università di Scienze Applicate della Svizzera nord-occidentale in un'intervista a blue News. «Nel contesto del cambiamento del mondo del lavoro, della flessibilizzazione che stiamo vivendo, la settimana di quattro giorni potrebbe essere un modello».

Due giorni di fila sono giorni di riposo obbligatorio al 25hours a Zurigo, mentre il terzo giorno viene integrato il più possibile nel programma di lavoro secondo i desideri dei singoli dipendenti. «Uno dei nostri tecnici, ad esempio, ha sempre il mercoledì libero, perché così può occuparsi di suo figlio il mercoledì pomeriggio, quando non c'è scuola», spiega Meier.

Il direttore generale: «Praticamente tutti partecipano»

La partecipazione alla fase di test è volontaria. In seguito, i dipendenti potranno decidere se rimanere con la settimana di quattro giorni. Tuttavia, gli apprendisti, i dipendenti a tempo parziale e le donne in gravidanza sono esclusi dal concetto a causa dei periodi di riposo prescritti dalla legge.

Dei 160 dipendenti dei 25hours Hotels di Zurigo, 100 partecipano volontariamente. Sono praticamente tutti quelli che possono essere presi in considerazione per il progetto, dice Meier.

Il direttore generale sottolinea che tutti i dipendenti idonei possono optare per il modello di quattro giorni, indipendentemente dal settore di lavoro e dalla posizione ricoperta. «Abbiamo già implementato il concetto al 100% alla reception e circa il 70% nel ristorante», continua Meier.

Il motivo è che al momento l'azienda non ha abbastanza personale per passare completamente alla settimana di quattro giorni. «Fino ad allora, ai dipendenti interessati del ristorante verrà accreditato un giorno al mese».

Il piano di lavoro di base è già pronto, ma l'interconnessione individuale delle aree di lavoro viene elaborata ancora meglio. Meier cita un esempio: chi fa il turno presto alla reception del 25hours di Zurigo aiuta anche ad allestire i tavoli del ristorante sulla terrazza. «L'adattamento ai nuovi orari di lavoro richiede tempo, così come l'abbandono delle strutture lavorative classiche richiede un ripensamento», sottolinea l'esperto.

Due terzi degli hotel hanno difficoltà a coprire i posti

L'impegno del gruppo alberghiero è ben accolto da HotellerieSuisse, l'associazione di categoria dell'industria ricettiva svizzera. «In genere troviamo positivo quando gli hotel prendono l'iniziativa e sperimentano e introducono nuovi modelli di lavoro», spiega a «Gastro Journal» Ueli Schneider, responsabile del Business Development e membro del Comitato esecutivo.

Soprattutto in un periodo in cui c'è una forte carenza di lavoratori qualificati, in particolare nel settore alberghiero e della ristorazione, questa è una misura importante. Un'indagine condotta da HotellerieSuisse nel gennaio 2022 mostra che più di due terzi di tutti gli hotel hanno difficoltà a coprire le posizioni nelle loro strutture.

Nella sua sede di Amburgo, la catena alberghiera 25hours, fondata in Germania, ha già sperimentato con successo la settimana di quattro giorni. Il direttore generale Lukas Meier è già convinto del nuovo modello di orario di lavoro per i suoi hotel di Zurigo: «Continueremo sicuramente a seguire questo concetto.»