L'esploratrice svizzera

Sarah Marquis: «All'improvviso capii cosa stava succedendo: volevano rapirmi»

Di Valérie Passello

2.12.2022

Sarah Marquis
Sarah Marquis
Foto Instagram

Nel suo libro «15 storie di spedizione inedite che hanno cambiato la mia vita», pubblicato da Michel Lafon, Sarah Marquis redige un inventario delle lezioni che la vita ha messo sulla sua strada, sperando possano essere utili a qualcuno. Con la sua penna, l'esploratrice svizzera ci prende per mano e ci porta nella natura. La sua natura.

Di Valérie Passello

2.12.2022

Al suo arrivo nella hall dell'hotel di Losanna dove abbiamo appuntamento, l'ampio sorriso di Sarah Marquis è la prima cosa che si nota. «Diamoci del tu, è più facile», mi dice gentilmente.

La Svizzera, che si è guadagnata il titolo di esploratrice del National Geographic avventurandosi da sola negli angoli più selvaggi del pianeta, ci parla del suo nuovo libro: «15 storie di spedizione inedite che hanno cambiato la mia vita» (in francese).

Allegra, calorosa, accessibile e vivace, sembra quasi di conoscerla da sempre. Il tempo di conoscerci un po' meglio davanti a un caffè, di avere il suo cane al suo fianco per il colloquio e via con l'intervista!

Nel tuo libro condividi 15 storie, ma dopo 25 anni di esplorazione ce ne saranno centinaia da raccontare! Come le hai selezionate?

Il libro di Sarah Marquis
Il libro
Sarah Marquis

«Ho iniziato a riflettere sulla mia vita di esploratrice cercando di identificare i momenti cruciali che mi hanno fatto scegliere un percorso piuttosto che un altro», ci dice Sarah Marquis.

Era tra Natale e Capodanno dell'anno scorso e pensavo che le persone intorno a me fossero un po' «morbide», avevano bisogno di una piccola spinta. E mi chiedevo cosa avrei potuto fare per loro. Ho iniziato a riflettere sulla mia vita di esploratrice cercando di individuare i «momenti cardine» che mi hanno fatto scegliere una strada piuttosto che un'altra.

Condivido questi punti salienti nel libro, per mostrare alle persone che alcuni semplici strumenti mentali possono aiutare a migliorare se stessi, vedere la vita in modo diverso e riaccendere il proprio fuoco interiore. Si va in Tasmania, Australia o Sud America e si è ogni volta immersi in una delle mie spedizioni, in un momento specifico.

Alcune storie sono divertenti, alcune commoventi e altre più inquietanti. Una di quelle che mi ha segnata è stato il tuo arrivo in un piccolo villaggio di montagna in Cina, dove sei stata accolta da donne che sembravano benevole... Puoi dirci il resto?

La Cina è stata complicata, perché non osavo avere con me un mezzo di navigazione. Nessuna mappa topografica, nessun GPS. Avevo solo la mia bussola. Così ho deciso di partire come gli esploratori di inizio secolo, seguendo il sud. Così, senza sapere bene dove fossi diretta, ma sempre andando verso sud, arrivo in cima a un passo. C'era un piccolo villaggio, dove le donne mi salutavano con gesti e mi invitavano a bere il tè.

La più anziana di queste mi mostra la sua casa. Per me è un onore, quindi la seguo. All'improvviso insiste perché io entri in una stanza e mi chiude dentro. Due volte! Mi ci sono voluti alcuni secondi per capire. Di solito le vittime di aggressioni hanno questo momento di dubbio, dicono a sé stesse: «Non è possibile, è una brava persona, non può succedere a me». Comincio a bussare alla porta, sento ridere dall'altra parte e non mi aprono. Improvvisamente capisco cosa sta succedendo: mi hanno davvero rapita e hanno cattive intenzioni.

«Mente e positività gestiscono le nostre vite»

Sarah Marquis

National Geographic Explorer

Sono uscita da lì urlando e quasi smontando il telaio della porta. Non avevo nessuna intenzione di rimanere lì dentro, questo era chiaro. Quando la donna ha visto che stavo per distruggerle la casa, è venuta ad aprirmi come se nulla fosse e le altre hanno continuato a fingere di bere il loro tè. Più tardi ho appreso dall'ambasciata svizzera che in questa parte della Cina mettono in atto questa pratica per ottenere organi o per la tratta delle schiave bianche.

In questo tipo di situazione, non dobbiamo lasciarci sopraffare. Bisogna combattere, uscire dal proprio guscio. Anche se sembra che non ci sia una via d'uscita, ce n'è sempre una.

Un altro momento in cui si ha paura per te è quando attraversi una foresta alla ricerca della tigre della Tasmania...

Metà della Tasmania, la parte occidentale, è disabitata. Ci sono foreste primordiali, che sono di una bellezza incredibile. Ma si tratta di un inferno verde. È umido, ci sono funghi ovunque, gli animali non ci sono quasi più perché la vegetazione è troppo fitta. Ci sono alberi che crescono e cadono dopo due anni o meno, e altri che nascono sopra di loro, formando delle specie di prigioni giganti, incredibili pareti verdi che sono molto difficili da attraversare. Mi sono trovata in queste ragnatele vegetali ed è stato molto complicato uscirne.

E c'è stata una caduta...

Quel giorno ero preoccupata perché mi trovavo su una sorta di cresta, quando davanti a me si è aperta una gola. Ho dovuto scendere al suo interno, attraversare il piccolo fiume e risalire dall'altra parte: uno sforzo indicibile. Volevo calarmi con una corda per evitare di scendere fino in fondo, ma non ci sono riuscita, perché queste non sono proprio foreste come quelle che abbiamo qui: c'è così tanta vegetazione che avanzare di cento metri è uno sforzo enorme.

Quando sono arrivata quasi in fondo, l'intero bordo di quella gola è crollato. Vedo ancora davanti ai miei occhi la scena: è terra nera, humus, ciottoli, radici. Poi ci sono io e il mio zaino da trenta chili mi cade in testa... e perdo conoscenza. Quando mi riprendo e cerco di alzarmi, noto che tutto il lato sinistro del mio corpo non funziona più.

«Abbiamo superpoteri che non immaginiamo nemmeno»

Sarah Marquis

Sorprendentemente in questi momenti siamo tutti molto connessi. Perché c'è dolore. Siamo quindi molto presenti nel nostro corpo, nei nostri sentimenti. Ho pensato: «Sarah, un passo alla volta. Sai come fare». Mi ci sono voluti ben tre giorni per strisciare fuori da lì. Ma ce l'ho fatta (ride), anche grazie alla squadra in Svizzera che ha reagito molto bene e ha trovato un elicottero per venirmi a prendere. Ho poi scoperto in seguito che avevo una spalla rotta.

In questi casi sono la mente e l'esperienza che rendono possibile andare oltre il dolore. Bisogna celebrare le proprie vittorie. Perché un passo è già un passo nella giusta direzione. È questo che volevo offrire ai miei lettori: dei momenti che dimostrano che i muscoli e l'allenamento sono importanti, ma fondamentale è avere una mente di ferro. La mente e la positività gestiscono le nostre vite. Se si ha una mente calma si riesce a prendere quello che ci circonda con uno spirito positivo e possiamo così attrarre positivo.

Una cosa che colpisce molto delle tue storie è il modo in cui usi il tuo istinto: è un dono o è alla portata di tutti, se coltivato?

Ho scoperto molto presto di essere un'esploratrice. Sono sempre andata contro quello che facevano gli altri, perché avevo questo fuoco interiore che urlava dentro di me. Tutti abbiamo una missione di vita, ma la cosa difficile è che non ci viene insegnato ad ascoltarla. Mi ci sono voluti dieci anni per capire perché stavo camminando. In Australia, durante la mia grande spedizione, ho capito di essere un piccolo ponte tra l'uomo e la natura.

In natura, sono completamente aperta e «nuda». L'udito è molto importante per me, riesco ad aumentarlo di dieci volte. Anche il mio olfatto: ora riesco a trovare acqua a cinque chilometri di distanza. C'è questo lato selvaggio che si sviluppa in noi. Se usi un senso abbastanza a lungo, si diventa un esperto in quel campo. Ed è quello che ho fatto io.

«L'elevazione della coscienza umana è in arrivo»

Ho mantenuto il mio corpo a un livello atletico per poi mettermi in condizioni naturali e vedere fino a che punto potevo andare. Sono convinta che, come essere umano, ci limitiamo. Abbiamo superpoteri che non immaginiamo nemmeno. E ogni volta che mi spingo al limite mi rendo conto che non c'è.

Una volta che si sviluppano i propri «superpoteri», non c'è il rischio di fidarsi troppo di loro e di commettere errori quando si parte per una nuova spedizione?

Sì, certo, quando si diventa un «maestro» in qualcosa, poi ci si sguazza. Ed è questo il problema: quando si padroneggia una materia, se poi non si usa la curiosità, quella tipica dei bambini, si rischia di venire ingannati. Perché il mondo è in continua evoluzione.

Prima di scrivere un libro cado in preda del panico, mi sembra di non averne mai scritto uno prima, ho paura di non essere all'altezza. Nelle spedizioni è la stessa cosa. Parto con le stesse preoccupazioni che avevo all'inizio, anche se forse ora non più così tante, perché all'inizio c'era una sorta di spensieratezza (ride). Ma la paura c'è sempre ed è un salvavita.

La tua missione, come hai detto, è quella di essere un ponte tra uomo e natura: oggi, che la crisi climatica è al centro dell'attenzione, hai la sensazione che sempre più persone stiano attraversando questo ponte?

Il mondo si sta muovendo molto velocemente. I due anni che abbiamo appena vissuto ci hanno rallentato e abbiamo iniziato finalmente a guardarci in giro. Abbiamo notato che ci sono gli alberi e la natura intorno a noi, la gente sta andando sempre più in montagna, alcuni si sono avvicinati alla campagna, altri hanno deciso di fare un piccolo giardino... Per me tutto ciò è positivo, un passo nella giusta direzione.

Siamo molto negativi riguardo alla ripresa, all'inquietudine, alla mancanza di consapevolezza delle cose. Ma ciò che vediamo nei media non è una rappresentazione delle persone. Vedo giovani incredibili che hanno una consapevolezza incredibilmente folle, che hanno cambiato completamente la loro vita. La buona notizia è che in Svizzera ci sono sempre più vegani e ciò significa che c'è una consapevolezza del valore della vita.

«L'esplorazione, così come la vivo, è uno stato mentale»

La transizione e l'elevazione della coscienza umana è in arrivo. Non abbastanza velocemente per i miei gusti, ma è proprio quello che cerco di trasmettere attraverso le mie storie. C'è solo la bellezza. Questa consapevolezza della natura porta solo a un miglioramento della nostra sublimazione dell'essere umano. Ci vengono mostrate molte cose negative, ma la cosa bella è che ci solleviamo, ci connettiamo l'uno con l'altro, diventiamo più forti, c'è un'empatia che viene fuori e questo è ciò che ci rende umani.

Scrivere, testimoniare, trasmettere, far sognare i lettori: è questo il tuo modo di fare campagna?

Sono 25 anni che insisto su questo piccolo ponte tra uomo e natura, perché è chiaro che non siamo separati. Noi siamo natura. Il mondo vegetale, animale, minerale, ecc., hanno vibrazioni diverse, ma tutto vibra e noi siamo parte di questo mondo. Siamo un tutt'uno. Finché questi mondi non si intrecciano, non ci sarà evoluzione.

Poiché la consapevolezza appartiene a ogni essere umano, questo potere decisionale è nostro. Non possiamo massacrare delfini o balene in nome della nostra «cultura». La cultura non è questo. Ognuno di noi cresce individualmente e collettivamente, si tratta di una cosa bella che possiamo sperimentare su questo pianeta. Ma se non abbiamo più questo pianeta, dove andiamo?

La gente ti chiede spesso perché cammini, dicono che ti fa arrabbiare... Piuttosto io ti chiedo: cosa ti farebbe smettere di camminare?

L'esplorazione, così come la vivo io, è uno stato mentale. Oggi ho entrambe le gambe, va tutto bene, sono in gran forma. Ma il giorno in cui non ce le avrò più... Beh, ne parlo nel libro. È uno stato d'animo, una curiosità da principiante, da apprendista. Stamattina ho guidato fin qui e ho visto un arcobaleno. È questo il senso dell'esplorazione: meravigliarsi delle piccole cose.

Da due anni vivo nella mia piccola casa in Vallese, incastonata tra due montagne. Vedo arrivare le mie cinciallegre, do da mangiare ai miei piccoli scoiattoli... Questo è attualmente il mio mondo e ne sono felice. Questa è la vita: potersi meravigliare in ogni momento, ovunque tu sia.