Terza dose, «Non capisco l'atteggiamento di attesa della Svizzera»

ATS

20.10.2021

Organizzare la vaccinazione di oltre un milione di persone che sono state vaccinate tra gennaio e marzo 2021, la più anziana e più a rischio, richiede tempo, osserva Philippe Eggimann.
Organizzare la vaccinazione di oltre un milione di persone che sono state vaccinate tra gennaio e marzo 2021, quelle più anziane e più a rischio, richiede tempo, osserva Philippe Eggimann.
KEYSTONE / archivio

Il presidente della Società medica della Svizzera romanda (SMSR), Philippe Eggimann, invita a iniziare senza indugio la campagna per la terza dose del vaccino contro il Covid-19. «Non capisco questa politica di attesa», ha sbottato mercoledì alla stampa.

ATS

20.10.2021

Dal punto di vista della tossicità e dei rischi, «obiettivamente non vedo cosa possa cambiare tra la seconda e la terza dose», spiega Eggimann in un'intervista sul quotidiano friburghese La Liberté e sui giornali affiliati. L'esperto prende atto che l'autorità di vigilanza sulla salute Swissmedic ha accettato senza discussione la terza iniezione per le persone immunodepresse.

Citando uno studio pubblicato poche settimane fa sul New England Journal of Medicine, lo specialista in malattie infettive indica che le persone di età superiore ai 60 anni che hanno ricevuto una dose di richiamo sei mesi dopo sono da 8 a 9 volte meno ospedalizzate rispetto a quelle che hanno ricevuto solo due iniezioni.

«Non capisco perché Swissmedic e l'Ufficio federale della sanità pubblica si stiano scaricando il barile per lanciare la campagna per la terza dose». Eggimann ricorda che l'immunità contro il Covid-19 sta gradualmente diminuendo negli over 65, «per lo più vaccinati da più di 6 mesi».

Più politica che scienza

«Per me, come per molte delle decisioni prese durante questa quarta ondata, si tratta più di politica che di scienza», afferma Eggimann.

Organizzare la vaccinazione di oltre un milione di persone che hanno ricevuto le prime due dosi tra gennaio e marzo 2021, la più anziana e più a rischio, richiede tempo, osserva. «Ci vorranno almeno alcune settimane per vaccinarli». Raccomanda di procedere come all'inizio della campagna vaccinale, «con gli over 75, le persone con gravi comorbilità e poi i 65 anni e risalire la catena».

Il capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic, Claus Bolte, ha indicato lunedì sera durante il programma televisivo «10vor10» dell'emittente televisiva di lingua tedesca SRF che è in corso l'iter sulla terza dose e che la decisione può essere presa «nelle prossime due o tre settimane».