Guerra

Un milionario di Zurigo raccoglie fondi per dare un blindato all'Ucraina

taich

6.10.2022

Raccolta di fondi per la difesa dell'Ucraina dall'aggressore russo: l'imprenditore zurighese Steff Fischer vuole finanziare un carro armato russo T-72 per Kiev.
Raccolta di fondi per la difesa dell'Ucraina dall'aggressore russo: l'imprenditore zurighese Steff Fischer vuole finanziare un carro armato russo T-72 per Kiev.
KEYSTONE

Steff Fischer, imprenditore immobiliare di Zurigo di 66 anni, sta raccogliendo fondi per finanziare un carro armato T-72 per l'Ucraina.

taich

6.10.2022

Tutto è iniziato lunedì scorso con una notizia riportata in un ticker sull'Ucraina del «Tages-Anzeiger»: Steff Fischer ha letto che 11.288 cittadini della Repubblica Ceca hanno donato un totale di circa 1,3 milioni di dollari per finanziare un carro armato per l'esercito ucraino. Il ministro della Difesa ceco ha ringraziato i partecipanti: con le loro donazioni hanno fatto a Putin «un regalo adeguato» per il suo 70° compleanno, il 7 ottobre.

Nel frattempo, nella Repubblica Ceca è in corso una seconda campagna di raccolta fondi per l'Ucraina. Questa volta si tratta di raccogliere denaro per le munizioni.

Annunciata su Facebook la campagna di raccolta fondi in Svizzera Fischer era così entusiasta che ha deciso spontaneamente di avviare una campagna simile in Svizzera. «Da domani, martedì, il conto di donazione della Zürcher Kantonalbank è pronto. La Svizzera sarà il secondo Paese», annunciava sulla sua pagina del social network.

Secondo Fischer, il conto per le donazioni è stato aperto presso la ZKB. Oggetto: «Un carro armato per l'Ucraina». Il numero di conto corrente, tuttavia, non è ancora stato reso noto. Non è stato ancora stabilito quanto Fischer stesso voglia contribuire all'acquisto del mezzo.

Finanziamenti invece di esportazioni di armi

Le consegne di materiale bellico dalla Svizzera all'Ucraina sono vietate dalla legge sulla neutralità internazionale e dalla legge svizzera sul materiale bellico.

Pertanto, Fischer intende trasferire le donazioni in arrivo al governo ucraino affinché possa acquistare un carro armato T-72 sovietico. Se le donazioni sono sufficienti, potrebbero essere utilizzate anche per finanziare un moderno carro armato tedesco.

«Date all'Ucraina tutto l'aiuto possibile»

Naturalmente, Fischer è consapevole che la guerra non sarà vinta per l'Ucraina con la consegna di un carro armato. Il suo obiettivo è piuttosto quello di utilizzare l'azione del blindato per avviare un dibattito anche in Svizzera: «Come si sta comportando la Svizzera in questa crisi - è neutrale o semi-neutrale, e cosa significa in realtà? È in linea con i tempi stare a guardare gli altri che si sacrificano per noi?», chiede Fischer al «Tages-Anzeiger».

Crede che anche il popolo ucraino soffra e muoia per noi. Per questo vuole dare loro «tutto l'aiuto possibile, affinché possano proteggersi e difendersi».

Fischer vede anche l'autocrazia russa come una minaccia per la democrazia, che deve essere difesa anche in Svizzera.

Radici nella scena di sinistra - ma non un pacifista puro

Steff Fischer è conosciuto a Zurigo soprattutto come imprenditore immobiliare che, ad esempio, ha svolto un ruolo importante nel plasmare il paesaggio cittadino con l'Europaallee. Più recentemente, ha sostenuto il Kulturhaus Kosmos.

Nonostante l'enorme successo economico, Fischer si considera ancora un uomo di sinistra. Negli anni '80, ha partecipato agli squat e ancora oggi si batte per affitti accessibili.

Fischer critica il fatto che molti esponenti della sinistra si schierano contro la guerra di aggressione di Putin, che è contraria al diritto internazionale, ma rifiutano in toto le forniture di armi all'Ucraina. Non si considera un pacifista puro. Concorda sul fatto che chi viene attaccato dovrebbe usare tutti i mezzi per difendersi.