Guerra

In Ucraina per l'esperto «la Russia ha perso la superiorità»

Di Stefan Michel

6.10.2022

Alcuni soldati ucraini in una strada tra Izium e Lyman il 4 ottobre.
Alcuni soldati ucraini in una strada tra Izium e Lyman il 4 ottobre.
KEYSTONE/AP Photo/Francisco Seco

Ogni escalation ordinata dal presidente Putin è una conseguenza del fallimento dell'esercito russo. Ecco come il ricercatore di sicurezza dell'ETH di Zurigo Benno Zogg spiega le azioni della Russia in Ucraina.

Di Stefan Michel

6.10.2022

Prima la mobilitazione parziale, poi i referendum, seguiti dalle annessioni ratificate mercoledì: come interpreta questi passi del presidente Putin o della leadership dell'esercito russo?

Tutti questi passi sono stati innescati dalle sconfitte russe. Rappresentano il disperato tentativo di contrastare il fatto che la Russia ha completamente perso l'iniziativa sul campo di battaglia. La mobilitazione parziale è un riconoscimento del fatto che le perdite sono elevate. Non si possono nemmeno chiamare così le annessioni, perché sono avvenute solo in una realtà parallela.

In che senso?

La Russia ha annesso territori che non controlla. Anche il Cremlino ha dovuto ammettere che i confini dei nuovi territori non erano chiari. Questa è una tipica via di mezzo di Putin, non una dichiarazione chiara. Naturalmente, minaccia che l'esercito russo stia difendendo il territorio russo. Ma questo avviene da una posizione di debolezza. Non c'è dietro un piano chiaro.

Sul campo di battaglia, questi passi non hanno portato alcun successo finora. Quali sviluppi vi aspettate nelle prossime settimane?

Nelle prossime settimane e mesi, l'Ucraina continuerà ad avanzare. Le loro formazioni tengono in movimento le truppe russe. Ciò significa che i russi non possono costruire una nuova linea di difesa. L'Ucraina è chiaramente superiore alla Russia dal punto di vista strategico e tattico. L'unica domanda è dove l'Ucraina riuscirà ad arrivare prima dell'arrivo dell'inverno.

Quale sarà l'effetto della mobilitazione parziale, che consentirà alla Russia di aumentare i suoi livelli numerici delle truppe in Ucraina?

La mobilitazione è stata condotta in modo affrettato, i soldati sono poco addestrati e mal equipaggiati. Rafforzano i ranghi in termini di personale, ma non compensano gli svantaggi tattici e strategici.

Fino a che punto il Presidente Putin è disposto a portare la guerra al nucleare?

Purtroppo che possa rischiare questa opzione in caso di dubbio, in caso di disperazione, è un pericolo reale. Ma come in passato, non vediamo segnali in questa direzione. L'utilità militare di un dispiegamento sarebbe molto dubbia. La minaccia delle armi nucleari è la vera arma, quasi più del dispiegamento reale, e lui lo sa.

Quali sarebbero le reazioni degli Stati Uniti e dell'Occidente, e dall'altra parte della Cina e anche dell'India, se la Russia usasse davvero le armi nucleari?

La Cina, l'India e altri Paesi che non sono ancora molto critici nei confronti della Russia vorrebbero isolarla, non sarebbero più in grado di cooperare con un Paese che usa armi nucleari senza motivo. Da parte statunitense, ci si aspetta che un massiccio contrattacco contro le truppe di Mosca in Russia venga intrapreso con armi convenzionali e non nucleari, al fine di indebolire in modo decisivo la Russia dal punto di vista militare. Quindi, anche se Putin dovesse usare le armi nucleari, probabilmente non ci sarebbe la minaccia di una grande guerra nucleare.

Cosa significa la riconquista della città di Lyman nell'Ucraina orientale?

Lyman era strategicamente e logisticamente importante per le truppe russe. Lì le truppe ucraine sono quasi riuscite ad accerchiare le unità russe. Anche il Cremlino ha dovuto riconoscerlo. Fino ad allora, ha sempre sorvolato sui ritiri. A Lyman ha dovuto ammettere la sconfitta.

Nessuna delle città riconquistate finora dall'Ucraina è di per sé decisiva per la guerra. Ma ogni ulteriore perdita da parte della Russia rende più difficile per il suo esercito mantenere il territorio in Ucraina.

L'esperto Benno Zogg
Benno Zogg
Screenshot intervista blue News

Benno Zogg è ricercatore senior e capo del team per la sicurezza svizzera ed euro-atlantica al Centro per gli studi sulla sicurezza e membro del direttivo della rete di think tank dell'OSCE.

L'esercito ucraino attacca ripetutamente le vie di rifornimento delle unità russe. Quanto riesce a farlo?

Le truppe russe controllano ancora un'area contigua e non sono completamente tagliate fuori dai rifornimenti. Ma rifornire il fronte sta diventando sempre più difficile. Questo perché i sistemi di artiglieria statunitensi chiamati HIMARS hanno una portata e una precisione che la Russia non può eguagliare con le sue armi. Per questo motivo sono costretti ad arretrare i loro centri logistici, il che complica enormemente la fornitura.

Con l'avanzata su Kherson e l'esplosione dei ponti sul Dnepr, si disse che le unità russe con le forze più forti erano ora intrappolate a Kherson e Mykolaiv. E la libertà di movimento delle truppe russe nel frattempo?

Le unità russe nella regione di Kherson non sono in trappola. Ma non possono più semplicemente attraversare il Dnepr, perché questo è possibile solo attraverso ponti pesantemente danneggiati o via nave. L'approvvigionamento è diventato molto più difficile. A Kherson potrebbe avvenire la prossima ritirata forzata dell'esercito russo.

Il Mar Nero, tuttavia, è ancora aperto alle truppe russe.

Anche questa non è una rotta sicura, come è emerso chiaramente all'ultimo momento con la distruzione della Moskva, la nave ammiraglia della Flotta del Mar Nero. Per questo motivo Mosca sta usando la sua marina con molta cautela. La Russia ha perso la superiorità a terra, in mare e in aria.

Le forze aeree dell'Ucraina sono minuscole rispetto a quelle della Russia. Come ha ottenuto la superiorità aerea in queste condizioni?

Le difese aeree dell'Ucraina hanno impedito alla Russia di raggiungere la superiorità aerea. Sistemi di grandi dimensioni come l'S-300 e piccole difese aeree trasportabili dall'uomo sono letali per gli aerei a bassa quota in prima linea. In una base aerea in Crimea, gli ucraini hanno persino distrutto un gran numero di aerei a terra. La Russia non osa quasi più usare i suoi jet da combattimento. Invece, da tempo si affida alla sua imprecisa artiglieria e lascia che gli aerei sparino missili contro l'Ucraina a grande distanza.

Con Lyman, l'Ucraina ha conquistato una città che, secondo il Cremlino, appartiene alla Russia. Tuttavia, la temuta reazione massiccia non si è concretizzata. Cosa ne deduce?

Tutti i combattimenti si svolgono in aree che la Russia vuole annettere. Questo dimostra che le annessioni erano pura teoria. Naturalmente, la minaccia nucleare è ancora presente. Ora diventa chiaro che questo non è automatico. Con Belgorod, anche una città della stessa Russia è stata attaccata mesi fa. Tuttavia, Putin non ha usato armi nucleari.

Potrebbe essere che Putin stia semplicemente aspettando di lanciare un massiccio contrattacco?

Finché il fronte russo non crollerà, l'integrità del territorio russo e il regime di Putin non saranno minacciati, questo non accadrà. Questi ultimi sarebbero fattori che potrebbero cambiare i calcoli dell'esercito russo. Finora, tutte le minacce sono retoriche senza conseguenze sul campo.

La Russia può inviare altri uomini al fronte per molto tempo. Il problema è la loro attrezzatura. Cosa si può dire al riguardo?

Nel migliore dei casi, la Russia disporrebbe di personale addestrato, che consentirebbe una maggiore rotazione delle forze al fronte. Ma i mobilitati con la forza non entreranno in azione con un grande morale di combattimento, anzi, potrebbero addirittura indebolirlo. E la mobilitazione parziale aumenta le tensioni in Russia. Abbiamo visto che ci sono state proteste e attacchi ai centri di reclutamento.

Forse Putin riuscirà a creare alcune nuove unità di combattimento entro la primavera. Ma forse a quel punto un'offensiva russa non sarà più possibile.

Questo significa che non ci si può aspettare più nulla dall'esercito russo fino alla prossima primavera?

Verso l'autunno e l'inverno, i progressi diventano più difficili, anche per l'Ucraina. Le truppe di Kiev stanno cercando di riconquistare quanto più territorio possibile prima dell'inverno.

E la Russia non può opporsi?

La Russia non ha né le truppe né la strategia né la coesione per resistere agli attacchi ucraini. Le spaccature sono evidenti anche nella leadership dell'esercito, quando il leader ceceno Kadyrov e il capo della forza mercenaria Wagner criticano la strategia dell'esercito russo.

Il successo dell'esercito ucraino dipende anche dalle forniture di armi occidentali. Potrebbe arrivare il punto in cui l'Occidente non potrà più fornire perché le sue scorte si stanno esaurendo?

Per quanto tempo l'Occidente fornirà armi all'Ucraina è una decisione principalmente politica. Le scorte e la produzione dell'Occidente sono sufficientemente ampie. È nell'interesse della NATO rafforzare l'Ucraina in modo che possa avanzare, anche se temporaneamente i propri arsenali degli eserciti NATO non sono stati riempiti in modo ottimale. Il potenziale delle forniture di armi è probabilmente lungi dall'essere esaurito. Per l'Ucraina, le forniture dall'Occidente sono fondamentali per difendersi.

C'è la possibilità di un accordo negoziato?

Non al momento. Putin ha alzato la posta in gioco e si sta dimostrando ancora più marziale. L'Ucraina non ha interesse a riporre le proprie speranze in un accordo con lui ora, mentre i territori continuano a essere liberati. Posso immaginare, tuttavia, che Mosca possa offrire cessate il fuoco locali quest'anno con l'obiettivo di guadagnare tempo per dividere la coalizione che sostiene l'Ucraina. Ma dietro non c'è la volontà di un vero accordo negoziale.

Le ultime settimane hanno dimostrato ancora una volta quanto la Russia combatta senza compromessi e come Putin veda se stesso. Ci vorrebbe un ritiro volontario della Russia dall'Ucraina, e non uno forzato, perché qualcosa cambi. Non posso immaginare un compromesso finché Putin sarà al potere.