Aiuto ai rifugiati

Uno svizzero viaggia attraverso tutta l'Europa per salvare una famiglia

Di Lia Pescatore

2.3.2022

«Voglio fare qualcosa»: Bruno Schwaller di Recherswil, nel Canton Soletta, con sua moglie Monica.
zVg

La consigliera federale Karin Keller-Sutter, ma anche il contadino Bruno Schwaller, testimoniano la solidarietà con l'Ucraina. Ma le loro strade non potrebbero essere più diverse.

Di Lia Pescatore

2.3.2022

Bruno Schwaller ha già abbastanza da fare: ha quattro figli e gestisce una fattoria a Recherswil, nel canton Soletta. Questa settimana gli sarà consegnato un nuovo lotto di bibbie, le fragole devono essere fertilizzate e verrà prodotto il pollo.

All'inizio non voleva avere nulla a che fare con quello che stava succedendo in Ucraina, dice in un'intervista a blue News. Ma gli riesce difficile farsi scivolare addosso quello che accade. «Ho la tendenza ad assorbire queste notizie come una spugna». Quindi ben presto non ha più potuto non farsi prendere dall'argomento e ha capito immediatamente una cosa: «Voglio fare qualcosa».

«È un contrapporsi tra due mondi». Bruno è seduto nella sua auto appena fuori Olten quando lo contattiamo. La sua voce è distorta dall'interfono dell'auto. Per mostrare la sua solidarietà con il popopo ucraino non è per lui sufficiente l'aver pubblicato un post sui social media, l'aver donato soldi o l'aver manifestato. Per questo si sta dirigendo verso il confine ucraino-ungherese, dove raccoglierà una famiglia che è fuggita dalla guerra.

Ha ottenuto il contatto attraverso una società ucraino-olandese da cui acquista un dispositivo di navigazione per trattori. In realtà, dice, l'azienda ha chiesto ai suoi clienti di sottoscrivere un abbonamento pluriennale solo per riuscire a far uscire la sua gente dall'Ucraina. «È uno scontro tra due mondi», dice Schwaller. Tra la sola compassione e la volontà di assumersi la responsabilità, dice di aver scelto la seconda. «Mi restituisce qualcosa di me stesso».

L'azienda è stata in grado di metterlo in contatto con una famiglia, che ora andrà a prendere al confine ucraino-ungherese. Conosce i membri da una foto, sa i loro nomi e l'età. Si sono scambiati alcuni messaggi via Telegram, dice. Il padre gli è sembrato simpatico e questo è stato sufficiente per prendere la sua decisione. È successo qualche giorni fa.

In realtà, la famiglia di Kiev avrebbe dovuto attraversare il confine in auto. Ma hanno dovuto lasciare il loro mezzo indietro perché non aveva documenti per l'UE o qualcosa del genere, «non l'ho capito bene», dice. La situazione è caotica, «il piano cambia ogni ora», dice Schwaller.

La mattina ha ricevuto un ultimo messaggio dalla famiglia: voleva attraversare la frontiera martedì, ma è già partita lunedì sera a causa delle lunghe code. O almeno è così che ha tradotto Google Translate: «Ti stiamo aspettando con impazienza, Bruno, sei la nostra speranza». «Questo ha rafforzato la mia determinazione», dice Schwaller.

Campax lancia un appello per gli alloggi

Schwaller non è l'unico che vuole accogliere i rifugiati in Svizzera. L'organizzazione Campax ha inviato una lettera alla popolazione elvetica. «È ora che anche noi in Svizzera facciamo la nostra parte e aiutiamo», ha si legge. Tutti possono dare un contributo, per esempio accogliendo i rifugiati. L'amministratore delegato Andreas Freimüller ha scritto, poche ore dopo l'appello, che era già stato trovato alloggio per 3.000 persone.

Secondo la Segreteria di Stato per la Migrazione, questo è possibile per i privati senza restrizioni legali «a condizione che l'alloggio sia gratuito». Se invece gli stranieri vengono ospitati a pagamento, il loro arrivo deve essere segnalato alla polizia locale.

Richiesta di ammissione di 10.000 persone che cercano rifugio

Ma le richieste di Campax sono rivolte anche allo Stato. Insieme ad altre organizzazioni, ha indirizzato venerdì una lettera alla consigliera federale Karin Keller-Sutter, chiedendo l'ammissione di 10.000 persone in fuga dall'Ucraina. Ha anche sottolineato che il nostro Paese deve creare vie d'accesso legali attraverso le quali le persone bisognose di protezione possano raggiungere la Svizzera in modo sicuro e incolume.

Keller-Sutter ha sottolineato lunedì in conferenza stampa: «Non abbandoneremo il popolo in Ucraina». Molti dei rifugiati hanno trovato alloggio presso famiglie e amici nei paesi vicini, «stanno solo cercando una protezione temporanea». Non ci sono quasi mai richieste di asilo.

Quest'affermazione ci è stata confermata anche dalla Segreteria di Stato per la Migrazione. Il Consiglio federale stima che fino a 2.000 persone stiano cercando rifugio in Svizzera. Secondo le cifre dell'ONU pubblicate lunedì a mezzogiorno, più di mezzo milione di persone sono già fuggite dall'Ucraina nei Paesi vicini.

La consigliera federale ha sottolineato, davanti ai media, che gli ucraini possono rimanere nell'area Schengen per 90 giorni senza un visto. L'unico requisito di solito è la presentazione di un passaporto biometrico. Qui, il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) vuole essere «generoso e senza complicazioni», ha detto. E quindi anche le persone che non hanno un passaporto biometrico, o addirittura non hanno tale documento, dovrebbero essere autorizzate ad entrare nel Paese.

Ma cosa succede dopo i 90 giorni? «Non possiamo dare per scontato che la situazione tornerà alla normalità entro questo termine», ha fatto sapere Keller-Sutter. Questo è il motivo per cui sono in corso colloqui tra gli Stati di Schengen, ed è stato anche un argomento della riunione dei ministri della giustizia e degli interni che ha avuto luogo domenica.

Alla fine di questo incontro, gli Stati dell'UE hanno tenuto la prospettiva di attivare una direttiva europea che garantirebbe lo status di protezione temporanea oltre i 90 giorni, ossia fino a 3 anni. In Svizzera, questo sarebbe equivalente allo status «S», ha detto Keller-Sutter lunedì.

«Spero che ne nasca un'amicizia»

Questi negoziati incontrano poco interesse da parte dell'agricoltore Bruno Schwaller. Trattare con le autorità richiede solo energia, «in questo tempo posso guidare per cinque ore». Lui è già alla frontiera nei suoi pensieri, e anche a casa, dove sua moglie e i suoi figli stanno preparando tutto per l'arrivo e anche aspettando gli ospiti con una certa preoccupazione.

In un angolo della sua mente Schwaller ha sempre una grande speranza: che da tutto questo nasca un'amicizia. La famiglia ucraina condividerebbe con loro un pezzo di vita; «spero che un giorno potrò andare in vacanza con la famiglia in Ucraina per conoscere anche la loro».