I medici delle cure intense

I medici delle cure intense: «Vediamo principalmente pazienti giovani»

phi

2.9.2021

Il medico di terapia intensiva Michael Glas (con gli occhiali, al centro) e molto personale girano un paziente che è su una macchina cuore-polmoni.
Il medico di terapia intensiva Michael Glas (con gli occhiali, al centro) e molto personale girano un paziente che è su una macchina cuore-polmoni.
SRF

La trasmissione della SRF «Rundschau» ha visitato le unità di terapia intensiva di Aarau e Berna e ha intervistato gli scettici della vaccinazione a Obvaldo. Il risultato è un quadro della pandemia inquietante per il mese di settembre 2021.

phi

2.9.2021

La SRF «Rundschau» entra nel reparto di terapia intensiva, ma solo per una visita. Ci sono dieci letti alla clinica Hirslanden di Aarau e sono tutti occupati. I pazienti Covid sono sdraiati in quattro di essi. «Sono viaggiatori non vaccinati che tornano dall'Europa dell'est e dal Medio Oriente», risponde il medico curante quando gli viene posta la domanda.

L'età media dei pazienti si sta abbassando, nota la SRF: invece degli anziani, ora ad essere sempre più colpite sono le persone tra i 40 e i 60 anni. La Rundschau mostra un paziente che ha poco meno di 40 anni: sebbene l'uomo non sia in coma, riesce a respirare solo perché gli viene fornito ossigeno attraverso una tracheotomia.

Anche se le persone vaccinate possono comunque venire infettate, di solito sono solo i non vaccinati che sviluppano un grave decorso della malattia. «Trovo spaventoso che la gente creda ancora che questo virus non abbia senso», esprime l'infermiera Gabriela, che si occupa del paziente nel reparto di terapia intensiva.

L'infermiera Gabriela si prende cura di un malato di corona nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Aarau.
L'infermiera Gabriela si prende cura di un malato di corona nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Aarau.
Screenshot SRF

«Non siamo nel panico»

Gabriela continua: «Guardando tutto ciò, lo trovo molto spaventoso: questa persona è un giovane uomo che è nel pieno della sua vita, con la sua famiglia e il suo lavoro. Non puoi prenderla alla leggera». Sono necessari due assistenti se uno dei quarantenni deve alzarsi per fare qualche passo.

Il problema: in media, un paziente malato di Covid rimane in terapia intensiva da cinque a sei settimane più a lungo degli altri pazienti. L'ondata attuale sta spingendo gli ospedali ai limiti: se arrivano altri pazienti di Covid, le operazioni saranno rimandate. 

«Non siamo nel panico», assicura il direttore Markus Meier. Hirslanden Aarau vuole solo «prepararsi per quello che potrebbe accadere. Se i numeri continuano a crescere come negli ultimi giorni, avremo presto una situazione delicata». E la situazione delicata si è verificata già il giorno successivo alla visita della «Rundschau»: a causa di due nuovi pazienti di Covid, l'ospedale ha dovuto rimandare altre operazioni. A Zurigo questa misura è stata presa proprio giovedì mattina.

Markus Meier, direttore di Hirslanden Aarau, assicura che non ci sono allarmismi.
Markus Meier, direttore di Hirslanden Aarau, assicura che non ci sono allarmismi.
SRF

Molti pazienti tra i 40 e i 65 anni

La situazione è tesa anche all'Inselspital di Berna. Delle tre unità di terapia intensiva, una è riservata ai soli pazienti di Covid - e anche qui, la maggior parte dei pazienti non sono vaccinati e hanno tra i 40 e i 65 anni.

Un uomo sulla quarantina è attaccato alla macchina cuore-polmoni proprio quando la sua saturazione di ossigeno sta scendendo pericolosamente. Un medico e cinque collaboratori sono necessari per girare il paziente sulla schiena per aiutarlo a respirare senza che i tubi cadano. «Ora sembra un po' meglio», dice Michael Glas.

Il medico Michael Glas mette in guardia dal prendere il Covid alla leggera.
Il medico Michael Glas mette in guardia dal prendere il Covid alla leggera.
SRF

«Nelle ultime settimane, abbiamo visto soprattutto pazienti giovani, con poche malattie pregresse, ma che hanno infezioni molto più gravi», spiega il medico anziano in un minuto di tranquillità. Nessuno dei pazienti del reparto è vaccinato, nota il dottore. «E la maggior parte di loro ha una storia di vacanze nell'Europa dell'est». Di solito sono stati infettati in Kosovo e nel nord della Macedonia.

Potenzialmente «conseguenze fatali»

Il paziente attaccato alla macchina per i polmoni continua ad avere problemi: mentre è ancora in terapia intensiva, un coagulo di sangue deve essere rimosso con una piccola operazione. Una procedura complessa che non potrebbe essere eseguita se fossero ammessi più pazienti. «Con conseguenze potenzialmente fatali», avverte il dottor Glas.

Si tratta di una «epidemia dei non vaccinati», dice la «Rundschau». E la trasmissione della SRF vuole anche scoprire perché la gente non vuole essere protetta. Ecco perché si reca a Obvaldo, dove in percentuale vivono le persone che meno amano le vaccinazioni in Svizzera.

Al mercato delle pulci di Sarnen, in pochi indossano le mascherine, ma la squadra televisiva incontra molta resistenza. «Lì si vive pericolosamente», avverte senza mezzi termini un uomo ai giornalisti. «La solidarietà è un'altra cosa», dice un passante a proposito della vaccinazione. «Per me, è una coercizione». Le operazioni importanti sarebbero svolte comunque.

Senza la «tattica della paura» ci sono «meno persone in cure intense»

Un altro signore, che è un oppositore dichiarato alla vaccinazione, dice: «Se la gente si prende cura della propria salute, il carico in ospedale diminuirà automaticamente». Cosa dice del fatto che il 90% dei pazienti Covid nelle cure intense non sono vaccinati e alcuni sono più giovani? «Non posso avere conferma se l'affermazione è davvero veritiera», si difende.

E continua: «L'allarmismo in corso deve essere fermato. Allora avremo meno persone in terapia intensiva». Michael Glas dell'Inselspital di Berna non ci sta: «No, è drammatico, e riporta alla mente brutti ricordi della prima ondata».

Il medico chiarisce che maggiori casi di Covid andrebbero a scapito di altri pazienti. Ad esempio, il paziente sulla quarantina, accanto al cui letto si trova, non aveva malattie precedenti.

Può colpire chiunque non sia vaccinato.